I rifiuti romani possono ora essere inceneriti ad Amsterdam

La capitale italiana, Roma, ha trovato una soluzione temporanea per alleviare il problema dei rifiuti. Dopotutto, ogni settimana 900 tonnellate di rifiuti rumeni sarebbero state trasportate ad Amsterdam, dove le scorte sarebbero state bruciate per produrre energia. I due consigli comunali hanno raggiunto un accordo in merito.

Perché questo è importante?

Il problema dei rifiuti di Roma è noto. La città è gravata da montagne di rifiuti domestici che il governo locale non è in grado di trattare o smaltire. A peggiorare le cose, il nuovo inceneritore, ordinato dal sindaco rumeno Roberto Gualtieri, non funzionerà per altri tre anni.

Materie prime pregiate: Grazie a una serie di nuove tecnologie, i rifiuti possono essere trasformati da un prodotto formato in una preziosa materia prima.

  • Dopotutto, la spazzatura può diventare una fonte di calore attraverso la combustione. Di conseguenza, i rifiuti diventano un bene commerciabile e possono anche fornire un valore aggiunto oltre confine.
  • L’accordo tra le due capitali europee prevede che l’azienda olandese per l’energia dei rifiuti (AEB) raccolga ogni settimana 900 tonnellate di rifiuti da Roma e le bruci per alimentare più di trentamila abitazioni.
    • I rifiuti rumeni vengono trasportati ad Amsterdam da treni merci con sedici vagoni. Amsterdam riceve un risarcimento di 200 euro a tonnellata per la raccolta dei rifiuti. Di conseguenza, l’attività genera circa 180.000 euro di reddito a settimana per la capitale olandese.
  • I portavoce di Waste Energy fanno notare che i rifiuti vengono lavorati in inceneritori efficienti.
    • “Questa soluzione è sicuramente migliore per l’ambiente che gettare i rifiuti nelle discariche di Roma”, afferma l’azienda olandese.
    • “Anche quando si tiene conto dell’impatto ambientale del trasporto ferroviario, c’è ancora un risultato positivo”.
  • Tuttavia, gli osservatori osservano che questo sistema non può essere considerato una soluzione sostenibile a lungo termine in termini di gestione dei rifiuti.
    • Dopotutto, emettono ancora gas serra. Secondo loro, l’obiettivo finale dovrebbe essere quello di sviluppare un’economia circolare anche nella gestione dei rifiuti.
READ  Hannah Prinze, 25 anni, è l'incarnazione vuota di una classe medio-alta senza conflitti e identità

Emergenza: L’accordo con Amsterdam è un esempio della situazione di emergenza in cui versava Roma dieci anni fa a causa della chiusura della principale discarica di Malagrotta.

  • Per evitare ulteriori multe dalla Commissione Europea, Ignazio Marino, allora sindaco della città, decise di chiudere la discarica.
    • Marino aveva in programma una nuova politica sui rifiuti, ma ha dovuto dimettersi prima che il progetto potesse iniziare.
    • Il suo successore, Virginia Raggi, ha voluto puntare principalmente sulla raccolta differenziata e sulle piccole discariche. L’Olocausto è stato costantemente respinto da Raji perché, secondo lei, c’erano troppi pericoli per la salute pubblica.
    • Ma presto la spazzatura si è accumulata per le strade della città. Raji ha poi dovuto trasportare i rifiuti in altre parti d’Italia e all’estero. Tuttavia, questa politica sarebbe costata alla Roma più di 1 miliardo di euro.
  • Roberto Gualtieri, nominato sindaco di Roma un anno e mezzo fa, ha ribadito il progetto di costruire un inceneritore, che sarà collegato a una nuova centrale elettrica. Ma queste strutture non funzioneranno per altri tre anni.

Contanti: In Olanda non c’è soddisfazione incondizionata per l’accordo fatto con la Roma.

  • Vivian Haegen, ministro di Stato olandese per le infrastrutture e la gestione delle risorse idriche, ha indicato che il governo olandese vuole ridurre la combustione dei rifiuti e vuole concentrarsi in particolare sul riciclaggio.
    • Nel frattempo, ha osservato che attualmente nei Paesi Bassi è disponibile una capacità di incenerimento maggiore di quella necessaria per trattare i rifiuti domestici.
    • Pertanto, lei pensa che sia giustificato incenerire temporaneamente i rifiuti stranieri, in modo da aiutare i paesi con problemi di rifiuti.
  • Tuttavia, l’opposizione nel parlamento olandese ha mostrato poca comprensione della mano amica data a Roma.
    • Si nota, tra l’altro, che gli agricoltori olandesi devono far fronte a rigide misure sull’azoto, mentre anche le attività dell’aeroporto di Schiphol sono limitate.
    • Tutti questi interventi dovrebbero giovare all’ambiente, ma l’opposizione dice di non capire che in contemporanea si sta raggiungendo un accordo per portare i rifiuti dall’Italia in Olanda.
  • Le prime carovane dovevano originariamente partire da Roma all’inizio di aprile. Ma i piani dovevano essere sospesi per il momento.
    • Da un lato, ci sono stati lavori sulla parte olandese della strada, ma ci sono anche grosse strozzature amministrative.
    • Dopotutto, ogni paese attraversato dai treni deve dare la propria approvazione per il trasporto. Tuttavia, secondo i portavoce del gestore dei rifiuti olandese, ciò potrebbe richiedere del tempo.
READ  Niente panico!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24