I rocker italiani Manskin adorano offuscare gli stereotipi di genere

Roma – Qualche anno fa, quattro adolescenti lavoravano nei giardini di Roma. Oggi, i membri della rock band Maneskin godono di ammirazione dopo aver vinto l’Eurovision Song Contest e sono in costante aumento nelle classifiche di Spotify.

Con i loro abiti bisessuali, i video sfacciati e quella che il loro cantante chiama “rabbia curativa”, dicono all’Associated Press che stanno vivendo un’esplosione che offusca gli stereotipi.

Prendendosi una pausa dalla frenetica routine artistica, i membri dei Maneskin si sono seduti su un divano in un hotel a Roma per mezz’ora martedì sera per contemplare come intendono utilizzare la loro nuova fama.

“Ci sentiamo liberi di indossare ciò che ci fa sentire bene, e cerchiamo anche di inviare un messaggio sulla mancanza di chiarezza su tutti questi stereotipi, tra le norme di genere e le cose”, ha detto la chitarrista Victoria De Angelis. “Pensiamo che sia giusto indossare ciò che ti fa sentire bene con te stesso”.

Qualunque cosa facciano – sfidando categorie eleganti nel processo – gli ascoltatori di musica lo adorano. Il giorno dell’intervista, “Beijing” Manskin era al primo posto nella classifica globale di Spotify, con oltre 6,8 milioni di stream. La loro canzone vincitrice del premio Eurovision, “Zitti e Buoni” (che significa “Shut Up and Act”) si è classificata al 77° posto, con quasi 1,1 milioni di canzoni.

In Italia, che è nota per esportare vino, formaggio, Ferrari e moda firmata, non rock band, “I Wanna Be Your Slave” dei Maneskin ha raggiunto quasi 300.000 canali.

Quando hanno iniziato, De Angelis, ora 21 anni; il cantante Damiano David, ora, 22 anni; Il chitarrista Thomas Raggi e il batterista Ethan Torchio, entrambi ventenni, non potrebbero essere più semplici come rock band a Roma.

READ  Spike Lee presenta la Palma d'Oro a Cannes

“Supponiamo, soprattutto dal punto di vista dello stato delle orchestre, in particolare delle orchestre emergenti, che non sia così facile”, ha detto De Angelis, che è passato senza soluzione di continuità tra inglese e italiano. Mi sono ricordato di quanto fosse difficile per loro trovare luoghi ed eventi in cui potersi esibire. Così hanno iniziato a suonare per strada.

Il problema riguarda soprattutto le band, ha detto David, “mentre per i singoli artisti, soprattutto nei settori indie e hip-hop, a Roma stanno crescendo molti nuovi artisti”.

Ore prima, i membri dei Manskin erano carini ma apparentemente felici che il sindaco Virginia Raggi (nessuna parentela con il chitarrista) avesse realizzato piccole repliche di Luba, la madre adottiva che è un simbolo di Roma, un premio appropriato per mescolare generi musicali in loro onore . dal nastro.

Alla domanda sulle loro parole spesso arrabbiate, David ha detto che la loro insoddisfazione per la difficoltà dei gruppi rock locali in Italia non fa che aumentare la loro determinazione ad avere successo. “Non siamo mai stati d’accordo con questo modo di guardare. Ci ha dato il potere curativo e la rabbia per cambiare questo tipo di situazioni”.

Oltre al proprio sviluppo, la musica rock di Manneskin si rifletteva anche nel lento progresso della società italiana.

Il dibattito politico ha infuriato su un disegno di legge vacillante al Senato italiano per estendere le protezioni contro i crimini d’odio per coloro che sono presi di mira dal razzismo e dall’antisemitismo per includere l’omofobia e la transfobia. I leader di destra vogliono che le disposizioni sull’identità di genere vengano rimosse dal disegno di legge.

READ  Cinema italiano e musica Cinema Tutu

Attraverso il loro generoso uso di occhi puntatori, unghie dipinte, costumi che sfidano gli stereotipi di genere e video che mostrano le interazioni tra uomini e donne, gli artisti sfidano costantemente le loro identità di genere.

Le loro parole spesso includono una gamma di potenziali identità e ruoli. “Voglio essere un campione / Voglio essere un perdente”, canta David in “Voglio essere il tuo schiavo”.

“Sei cresciuto sentendoti dire chi sei e chi dovresti essere. E non riesci nemmeno a connetterti con te stesso e capire chi sei veramente o chi ami”, ha detto de Angelis.

A quelle parole, David si è sporto in avanti e ha unito due dita per indicare che l’apertura in Italia era ancora lontana dal raggiungere l’uguaglianza tra transgender e gay.

De Angelis ha dichiarato: “Trovo del tutto vergognoso che non ci sia ancora una legge per proteggere un’intera classe che viene quotidianamente discriminata”.

Torchio, che era stato timido per la maggior parte dell’intervista, annuì con forza in segno di approvazione.

La band è desiderosa di intraprendere un tour internazionale dopo diversi divieti in occasione di importanti eventi durante la pandemia di COVID-19 e spera di capitalizzare il momento dell’Eurovision sotto i riflettori.

“Ovviamente, dopo aver vinto l’Eurovision Song Contest, abbiamo avuto molte nuove opportunità per entrare in contatto con questo pubblico internazionale e ne siamo molto felici, perché è quello che abbiamo sempre sognato”, ha detto David. “Quindi è come un sogno che si avvera.”

Gli organizzatori hanno annunciato l’apparizione di Manskin a Lokeran, in Belgio, il 5 agosto; Praga il 13 agosto. Gidnia, Polonia, il 19 agosto; e Schijndel, nei Paesi Bassi, il 4 settembre. L’evento olandese li ha riportati nel paese dove hanno portato a casa la vittoria all’Eurovision.

READ  Consulenza culturale a Ramsi Nasr

Fino a quando non salgono sul palco, la band si esercita almeno cinque ore al giorno, sia insieme che individualmente,

“È importante studiare il tuo strumento ed essere più espressivo e a tuo agio con il tuo strumento”, ha detto Raggi.

Tuttavia, De Angelis ha dichiarato: “Non vediamo l’ora di tornare sul palco e incontrare finalmente tutti i nostri nuovi fan in tutto il mondo”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24