I russi affermano di controllare Mariupol: cosa significa?

Il presidente ucraino Zelensky vede ancora resistenza, ma il ministero della Difesa russo afferma di aver “ripulito completamente” Mariupol. Le agenzie di stampa statali russe TASS e RIA affermano che “non ci sono più forze ucraine attive” nelle aree urbane della città costiera. Tuttavia, se questa affermazione fosse vera, la città sarebbe in gran parte nelle mani dei russi.

secondo Il New York Times Il presidente ucraino Zelensky ha affermato che il personale militare ucraino rimane attivo, ma solo in piccole parti della città. “Tuttavia, i nostri uomini stanno difendendo eroicamente la città e ne siamo grati”, ha detto ai media ucraini.

Battaglione Azov

Ci sono ancora membri Battaglione Azov Resistono, ma saranno completamente tagliati fuori dal mondo esterno. Avrebbero potuto barricarsi in un complesso industriale, tra le altre cose.

Un portavoce del ministero della Difesa russo ha detto che circa 1.500 soldati ucraini si erano arresi. Secondo lo stesso ministero, 2.500 soldati ucraini stanno ancora combattendo. L’Ucraina non ha commentato i numeri.

Il governo ucraino in precedenza aveva affermato che la situazione a Mariupol era “estremamente difficile” e che la crisi umanitaria era più che mai significativa. All’inizio di oggi, Zelensky ha avuto contatti con il primo ministro britannico Boris Johnson, tra gli altri, riguardo alla terribile situazione.

I combattimenti a Mariupol vanno avanti da settimane. La città portuale è costantemente bombardata dai russi e ferocemente difesa dai militanti ucraini. Secondo il sindaco, più di 21.000 residenti sono stati uccisi.

Secondo il corrispondente ucraino di RTL NIeuws Jeroen Akkermans, la Russia “almeno vince” a Mariupol. “Questo rapporto che Mariupol sarà nelle mani della Russia è quasi inevitabile prima o poi”.

READ  La Corea del Nord registra il primo decesso per Corona e oltre 187.000 pazienti fuori dal Paese

Le stufe della resistenza diminuiscono

“La superiorità russa è stata davvero grande in questi giorni – continua -. Gli ucraini hanno avuto problemi nel fornire munizioni e nel rianimare le truppe”. Secondo Ackermann, le sacche di resistenza da parte ucraina stanno “diminuendo”. Sembrano ancora lì, ma secondo Ackermann è difficile da verificare.

È chiaro che la Russia ha messo gli occhi sulla città. “Puoi contare su di loro per fare tutto il possibile per conquistare quella città, non importa come”, dice Akkermans.

Ciò è dovuto principalmente alla posizione strategica della città. Peter Wijinga, un esperto di difesa presso il Centro per gli studi strategici dell’Aia, ha precedentemente spiegato a RTL Nieuws: “Maripol si trova tra il fiume Donbass e la Crimea, e quindi è anche chiamato il ponte di terra. Per i russi è molto importante che hanno un collegamento terrestre con la Crimea”.

Maggiori informazioni sulla posizione strategica di Mariupol sono sotto nel video qui sotto:

Ostacoli

Inoltre, gli ucraini hanno interrotto l’approvvigionamento idrico dal fiume Dnepr alla Crimea. Lo hanno fatto per frustrare i russi. “Con la prospettiva di catturare il cosiddetto ponte terrestre, i russi non solo otterranno migliori contatti con la Crimea, ma anche acqua dolce”, ha detto Wijinga.

Se l’affermazione della Russia è vera, i russi potrebbero davvero battere la loro bandiera in quella città, dice Jeroen Ackermans. “Ma questo non dice nulla sul resto dell’Ucraina e sull’altro corso della guerra”. Secondo Ackermann, questa è principalmente una vittoria simbolica, perché: “In linea di principio, è una bandiera sulla terra bruciata”.

READ  Puigdemont è stato rilasciato in attesa di una decisione sulla deportazione in Spagna

La situazione a Mariupol

All’inizio di questa settimana, Jeron Ackermans ha descritto la situazione nella città costiera come segue: “Nessuno è entrato. Ci sono bombardamenti, ma soprattutto molta artiglieria e razzi. Ci sono anche battaglie casa per casa. Ciò aumenta le possibilità di sopravvivenza.” Le persone sono sempre vive. Più piccole. E i morti vengono temporaneamente sepolti, se mai seppelliti. La città è in stato di emergenza. Non c’è solo cibo, acqua corrente, elettricità. Quelli che rimangono sono in sopravvivenza modalità. Non ci sono alternative. . “

“I russi vogliono chiudere la città da lunedì”, dice Ackermans. “Allora nessuno può entrare o uscire.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24