I sospetti negli omicidi di Haiti hanno legami con i servizi di sicurezza statunitensi

Molte delle persone coinvolte nell’assassinio del presidente haitiano hanno lavorato in passato nei servizi di sicurezza statunitensi. Lo hanno riferito i media americani. Almeno uno dei sospetti ha lavorato come informatore per la Drug Enforcement Agency degli Stati Uniti, questo servizio conferma CNN.

In una dichiarazione, la DEA ha scritto che dopo l’assassinio del presidente Moss, quel sospetto, la settimana scorsa, chiama i suoi contatti con la DEA. Si dice che il funzionario della DEA lo abbia incoraggiato a presentarsi alle autorità locali.

Secondo la CNN, un’altra persona coinvolta nell’omicidio avrebbe potuto lavorare come informatore per l’FBI. Il servizio ha rifiutato di commentare il rapporto. Non si sa esattamente quale ruolo abbiano giocato i sospetti associati ai servizi statunitensi nel complotto dell’omicidio.

Il presidente Moyes è stato ucciso da almeno 12 proiettili la scorsa settimana Lo voleva morto Nella sua casa nella capitale, Port-au-Prince. Sua moglie è sopravvissuta all’attacco ma è stata gravemente ferita e portata in ospedale a Miami. I ladri avrebbero finto di essere agenti della DEA all’ingresso. Nella sua dichiarazione, l’agenzia ha sottolineato che gli aggressori non hanno agito per conto della Drug Enforcement Administration.

Per comando di Dio

I fatti dell’omicidio sono avvolti nel mistero. Secondo il giornale, i sospetti sono stati arrestati Miami Herald Ha detto agli investigatori che l’intento non era quello di uccidere Moïse, ma di arrestarlo su ordine di un commando colombiano. Perché non è chiaro.

La polizia ha detto che dietro l’attentato c’era un gruppo di 26 colombiani e tre haitiani-americani, inclusi sei ex membri dell’esercito colombiano. Un haitiano americano è diventato domenica detenuto, sarà la mente dietro l’omicidio.

READ  Vaccinazione dei paesi poveri irrimediabilmente in ritardo: "Non ce la faremo così"

Si dice che il 63enne Christian Emmanuel Sanon abbia detto ai conoscenti che avrebbe dovuto sostituire Moïse “per comando di Dio”, secondo i rapporti. New York Times. a video Youtube Dal 2011, Sanon una volta ha detto di voler guidare Haiti. Per quanto si sa, non aveva nulla a che fare con la politica haitiana.

Secondo il capo della polizia nazionale haitiana, Sanon ha reclutato gli altri sospetti per eseguire il colpo di stato. Nella casa del detenuto sono state trovate venti scatole di proiettili e parti di armi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24