Il carceriere Ton sorveglia un criminale di guerra e sconvolge il “Consiglio ebraico”

L'ex guardia carceraria Ton Mink (77) guarda con orrore il criminale di guerra Ferdinand Os der Fonten nell'avvincente serie televisiva “The Jewish Council”. “Che uomo disgustoso.” È lo stesso uomo con cui ha avuto un rapporto speciale per diciotto anni nel carcere di Breda Koebel? “Se l'avessi visto in quel momento, ne sarei sicuramente rimasto lontano.”

Ton Mink di Dungen, giovane guardia carceraria di 25 anni, entrò per la prima volta nel 1971 nel centro di detenzione di Breda. Ben presto entrò in contatto con i “Tre Breda”, tre criminali di guerra che lì scontavano l'ergastolo. Nel corso degli anni si è sviluppato un rapporto speciale con uno di loro, Ferdinand Os der Fonten. “Dopo un po' ci siamo chiamati io e te. Lo chiamavo Ferdi e lui mi chiamava Ecco visone.

sadismo
Durante la seconda guerra mondiale, Aus der Fünten guidò la deportazione di oltre 100.000 ebrei olandesi nei campi di sterminio. A causa del suo comportamento sadico, alla fine fu condannato a morte.

Sebbene dicesse regolarmente ai suoi carcerieri che avrebbe preferito una pallottola, fu salvato dall'esecuzione mediante fucilazione dalla regina Giuliana che si rifiutò di firmare la sentenza. L'ex ufficiale delle SS trascorse poi più di 36 anni della sua vita nella prigione di Breda. Morì in Germania nel 1989, tre mesi dopo il suo rilascio.

Brilla
Nella serie reality, l'attore tedesco Jacob Diehl interpreta l'Hauptsturmführer come nessun altro. Come Aus der Fünten, mantiene l'impressione che i presidenti del Consiglio ebraico David Cohen e Abraham Asher possano negoziare con lui.

In realtà non è affatto preoccupato per la sorte che attende gli ebrei. Per l’ufficiale delle SS il Consiglio Ebraico era un mezzo efficace per registrare e deportare il maggior numero possibile di ebrei olandesi.

READ  Ballerine, pantaloni e camicetta: Máxima e Amalia indossano abiti casual

curioso
“Mi rendo conto di quello sguardo feroce nei suoi occhi e di quell'atteggiamento persuasivo”, dice Toon mentre guarda parte della serie EO. “In prigione abbiamo visto un altro uomo che rispettava le regole. Naturalmente abbiamo appreso che non era in custodia per aver rubato un pacchetto di burro. Ma quando hai a che fare con lui ogni giorno, non ci pensi sempre. Non è possibile perché non potrai fare il tuo lavoro Comunque, in un certo senso, l'ho sempre trovato schizofrenico.

Toon pensa alle volte in cui è andato a Tilburg per comprare tabacco da pipa speciale per Ferdi, lo ha aiutato a indossare calze contenitive più avanti nella vita e alle passeggiate che ha fatto con lui attraverso la città per gli esami all'ospedale Ignatius.

“Non eravamo certo amici, ma con lui ho trovato un rapporto di lavoro. Strano a dire il vero, ma a quel tempo sulla guerra si pubblicava meno di adesso. Quell'uomo mi incuriosiva, soprattutto all'inizio.”

“Molto ubriaco”
L'ex guardia carceraria ricorda una conversazione in cui ha confrontato Aus der Fünten con il suo passato di guerra. Il motivo fu la foto dell'evacuazione disumana dell'istituto psichiatrico ebraico Het Apeldoornish Busch nel 1943. La foto mostrava l'ufficiale nazista che prendeva a calci un paziente sul treno per Auschwitz. Ton Mink ha incontrato Aus der Fünten con l'immagine che ha scoperto in un libro nella biblioteca.

“Come hai potuto fare una cosa del genere? Non ti dà fastidio la coscienza?” gli chiese Ton. “Ero ubriaco”, ha risposto in tedesco l'ex SS. “Mi sono reso conto che doveva trovare in anticipo il coraggio per le sue azioni. Così facendo ha fatto capire che sapeva di aver sbagliato, mentre non aveva mai espresso formalmente rimorso. Non l'ho mai capito. A questo proposito, questa serie è un'altra scoperta per me.”

READ  Eva van de Wijdfen smette di recitare | stelle

Il secondo episodio del Jewish Council potrà essere visto domenica 17 marzo alle 21:20 su NPO Channel 1. La serie può essere vista anche su NPO Start e NL Ziet

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24