Il caso di una dose di 29 milioni di AstraZeneca in Italia solleva sospetti nell’UE

BRUXELLES (Reuters) – Una scorta di 29 milioni di dosi del vaccino Covit-19 di AstraZeneca bloccata in una struttura in Italia è diventata il nuovo punto di infiammabilità nel conflitto tra l’azienda farmaceutica e l’Unione europea mercoledì. Le restrizioni impediscono principalmente ai produttori di farmaci di inviare dosi all’estero.

Durante una visita in loco, i funzionari italiani hanno scoperto i vaccini e i funzionari dell’UE hanno contrattato per riempire e finire le fiale di vaccino Kovit-19 per AstraZeneca in una fabbrica vicino a Roma.

Funzionari italiani si sono recati sul posto dopo aver ricevuto un avvertimento dalla Commissione europea, che ha riscontrato una discrepanza tra ciò che la società ha dichiarato di produrre nello stabilimento e il significato di tali strutture.

L’esistenza di quantità multiple ha sollevato il sospetto che l’azienda farmaceutica stia cercando di trovare un modo per esportarle nel Regno Unito o altrove, e il panel ha chiesto ad AstraZeneca di smettere di farlo fino a quando la società non avrà mantenuto le sue promesse di distribuzione.

Si prevede che l’UE riceverà più di 100 milioni di vaccini da AstraZeneca nel primo trimestre di quest’anno, ma solo 16,6 milioni. La carenza di approvvigionamento ha contribuito a fermare gli sforzi di vaccinazione in 27 paesi membri e ha contribuito a tassi di vaccinazione lenti e vergognosi in tutto il continente.

Ciò che ha infastidito di più l’UE è che AstraZeneca continua a offrire il suo accordo con la Gran Bretagna, consentendo nel contempo di ridurre drasticamente i suoi fallimenti di produzione. AstraZeneca ha negato di aver violato il suo accordo UE. Il campo ha compiuto il primo passo la scorsa settimana per risolvere la questione implementando un meccanismo di controversia conciliante con AstraZeneca, ma non vi sono indicazioni che entrambe le parti vogliano portarlo in tribunale.

READ  L'Olanda mancherà l'Italia per un po' dopo aver battuto il Galles

L’introduzione del sistema di autorizzazione all’esportazione il 1 ° febbraio ha tentato di costringere AstraZeneca a consegnare di più, ma solo una nave AstraZeneca ha impedito a un piccolo volume diretto in Australia di entrare in vigore.

Mercoledì, l’Unione europea ha introdotto un duro piano di controllo delle esportazioni volto a ridurre le esportazioni poiché AstroZeneca teme che le consegne deluderanno anche nel secondo trimestre poiché il blocco deve affrontare infezioni di terza ondata e serrature estese.

Funzionari dell’UE hanno affermato che non c’erano prove di accumulo di scorte in Italia, che era stato originariamente annunciato dall’italiano Daily La Stampa, Legato alla Gran Bretagna. L’azienda, di fronte alle dimensioni, ha affermato di voler portare la dose a 16 milioni di dosi sul mercato dell’UE e più di 13 milioni di paesi nell’ambito dell’iniziativa Kovac ai paesi più poveri. Queste ultime esportazioni saranno esentate dalle restrizioni dell’UE perché considerate di natura umana.

AstraZeneca non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

I funzionari hanno affermato di aver chiesto ad AstraZeneca ulteriori informazioni su dove fosse il principio attivo nelle fiale di vaccino trovate in Italia, il che mirava a costringere un’azienda a fornire maggiori informazioni sulla sua catena di fornitura e capacità di produzione.

Secondo AstraZeneca, la controversia sulle misurazioni italiane sui recenti errori di comunicazione con i funzionari sanitari su entrambe le sponde dell’Atlantico ha recentemente provocato il rapporto dell’azienda con diversi governi.

Alcuni funzionari statunitensi hanno appreso dai media di una notizia sui test medici della società lo scorso anno. AstraZeneca è stata lenta nel fornire ai regolatori statunitensi la prova che il vaccino non ha causato una malattia neurologica perché la sperimentazione americana della società è stata sospesa per quasi sette settimane lo scorso autunno. (I ricercatori in seguito hanno concluso che i sintomi non erano correlati al vaccino.)

READ  Preoccupazione per Yuki Sunoda: "Lo trasferiremo in Italia"

Ma gli analisti ritengono che alcuni dei problemi di produzione di AstraZeneca riflettano gli ambiziosi piani di distribuzione globale dell’azienda. Aveva programmato di fare tre miliardi di unità quest’anno contraendo la sua produzione a fabbriche di tutto il mondo. Altri produttori di vaccini, al contrario, si affidano solo a poche strutture.

I ricercatori hanno affermato che la rete di fabbriche globali aveva il potenziale per creare problemi nella catena di approvvigionamento dell’azienda, ma questo faceva parte di ciò che ha reso il vaccino così importante per lo sforzo di vaccinazione globale.

Benjamin M ல்ல ller Rapporto sui contributi da Londra.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24