Il comportamento è ancora difficile da prevedere

Chi l’avrebbe mai detto: subito dopo essersi rilassati, a fine giugno, i giovani sono andati alle feste in massa. Così imponente che i politici dell’intera L’Aia sono stati attaccati poco dopo dall’aumento esplosivo dell’inquinamento. Nel dibattito parlamentare di mercoledì scorso, diversi parlamentari si sono interrogati su come il comportamento dei giovani non potesse avere un posto nei modelli RIVM.

La risposta è semplice: è difficile modellare le risposte ai cambiamenti delle politiche. Il modello RIVM contiene dati sul “comportamento comunicativo” delle persone, ma riguarda ciò che le persone fanno è finitae non quello che sono intenzione di fare. Alcuni dei dati provengono da un ampio studio del 2017, che mostra quante persone medie di una certa età si connettono, nonché l’età di quelle persone. Questo sondaggio è integrato da sondaggi esistenti che chiedono agli intervistati con quante persone sono stati in contatto di recente.

“Includiamo cose di cui siamo ragionevolmente sicuri”, afferma Jaco Walinga, capo progettista di modelli presso RIVM. “Quando calcoliamo nuove metriche, includiamo solo quelle che cambiano. Partiamo dal presupposto che il resto rimarrà lo stesso in futuro. È impossibile prevedere come reagiranno le persone a una conferenza stampa che non si è ancora tenuta, ad esempio, quindi non farlo.” Pertanto non possono essere inclusi fattori incerti, come il grado di orgasmo la prima notte fuori in diciotto mesi e le sue conseguenze sul comportamento. “Allora dobbiamo dare significative incertezze”, dice Walinga. E una volta che inizi a inserire la complessa realtà nel modello, dove ti fermi? Quindi dovresti includere anche le inondazioni nel Limburgo meridionale. Devi tracciare una linea da qualche parte”.

INVECTEXECTMODELOR

Lo svantaggio di un modello “reazionario”, come il modello RIVM, è che pretende che le persone in futuro risponderanno alla politica nello stesso modo in cui hanno fatto in passato. Infatti, questo non è il caso. Luke Coving, modellatore di malattie infettive presso Erasmus MC, cita come esempio le reazioni alla prima e alla seconda chiusura. “All’inizio della pandemia, avevamo un pacchetto di misure che erano efficaci in quel momento. Lo scorso inverno, quel pacchetto era più o meno lo stesso, ma meno efficace. Penso che ciò sia in parte dovuto al fatto che la percezione dei rischi da parte delle persone è cambiata nel tempo. “

READ  Diretto | Gli Stati Uniti forniscono consigli di viaggio negativi a 130 Paesi "La libertà di stampa è drammaticamente peggiorata" | Corona virus

Leggi anche: Cosa abbiamo imparato sul comportamento umano?

Zander Coleman, economista sanitario alla VU, afferma di avere esperienza nell’affrontare questo problema in economia. I modelli di crescita macroeconomica degli anni ’60 e ’70 presumevano relazioni coerenti, ad esempio tra disoccupazione e inflazione, ma non includevano cambiamenti nel comportamento individuale. Gli economisti poi imparano che le persone reagiscono alla politica e iniziano a modellare quel comportamento”.

Coleman dice che è difficile modellare come le persone risponderanno alle nuove misure nella situazione attuale. “Quello che vogliamo sapere è: che tipo di reazioni suscitano le misurazioni? Quando le persone possono uscire di nuovo, si sentono così a loro agio da pensare: posso anche organizzare la mia festa a casa?” Un altro esempio: la crescente infezione della variante delta. “Ci vuole tempo perché le persone capiscano cosa significa e adattino il loro comportamento di conseguenza”. Coleman pensa che potrebbero volerci altri dieci anni prima che i modelli siano così sofisticati da poter rispondere a questo tipo di domande.

Comprendere i rischi

Il progettista di malattie infettive Luke Koving è meno pessimista. Per coincidenza, cercherà di costruire lui stesso un modello del genere: è stato premiato con una borsa di studio KNAW per aver combinato modelli matematici con modelli di comportamento umano da questo autunno. “Le persone di solito sono dipinte come esseri razionali o come esseri paurosi, il che è un’eccessiva semplificazione”, afferma Coving. “Potrebbero esserci situazioni semplici in cui il comportamento razionale dice qualcosa su come si comportano le persone, come nell’epidemia acuta di Ebola. Ma come ho visto nell’ultimo anno e mezzo, la percezione del rischio delle persone sta cambiando. In altre aree voglio vantaggio. Vengono modellate considerazioni complesse, che tengono conto del fatto che le persone hanno le proprie preferenze e abitudini.

READ  Corona colpisce a lungo il cervello dei giovani

Sulla base, ad esempio, dei dati RIVM sul comportamento, Coffeng vuole stimare come alcuni tratti di personalità, come l’avversione al rischio e la suggestionabilità, siano distribuiti nella popolazione olandese. Vuole elaborare queste informazioni nel modulo. “Non posso stimare esattamente quanto tempo ci vorrà per sviluppare questo modello, ma in economia e antropologia hanno già molta esperienza nell’investigare su come le persone formano gruppi e agiscono insieme. Possiamo imparare da questo”.

Il mio appello è di prendere più seriamente gli scienziati comportamentali in caso di grandi cambiamenti

Xander Coleman salute economica

La domanda è se un modello come quello che Coffeng vuole costruire porterà a raccomandazioni diverse nella situazione attuale. L’economista sanitario Zander Coleman avverte che anche un modello complesso con molti dati provenienti dalla ricerca comportamentale può fallire rapidamente in caso di shock grandi e imprevisti. “In questo caso, ho ancora bisogno di una valutazione qualitativa da parte di epidemiologi sul campo, che sanno per esperienza come le persone reagiscono alle nuove informazioni e quando rilassarsi. Persone che hanno costruito una sorta di intuizione sul comportamento umano.

Quindi il mio appello è di prendere più seriamente gli scienziati comportamentali in caso di grandi cambiamenti. In questo caso, i modellisti potrebbero dire: non fare troppo affidamento sul nostro modello, stiamo entrando in un’area in cui l’incertezza sui risultati del modello è grande. “

Leggi anche: L’epidemia è difficile da misurare

Per i calcoli del RIVM sulle conseguenze del recente allentamento, le ipotesi sul comportamento di parte dei giovani non avrebbero fatto molta differenza, dice Jacco Wallinga. “Ci aspettavamo che il test di accesso fungesse da buffer per compensare questo comportamento delle parti. Abbiamo detto prima del test di accesso: può funzionare, ma poi deve esserci un massimo di 24 ore tra il test e l’evento. ” Il governo ha ignorato quel consiglio.

READ  Corona è scoppiata in una casa di cura nonostante la vaccinazione dei residenti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24