Il coronavirus spesso apre la strada alla polmonite nel bestiame

Il coronavirus bovino svolge un ruolo crescente nelle malattie respiratorie del bestiame. Secondo una nuova ricerca condotta in Gran Bretagna, questo ruolo è maggiore di quanto si pensasse in precedenza.

La polmonite bovina (BRD) è causata da un gran numero di agenti patogeni e il coronavirus bovino (BCoV) svolgerà probabilmente un ruolo in questo complesso per qualche tempo. Tra il 2020 e il 2022, il veterinario e direttore Paul Burr dei Biobest Laboratories ha prelevato ed esaminato più di quattrocento tamponi nasali da bovini infetti da BRD in Gran Bretagna.

BCoV è stato trovato nel 39% dei campioni, rendendolo il virus più comunemente diagnosticato. Analisi del sangue separate su vitelli di età compresa tra tre e sei mesi in 59 allevamenti del Regno Unito hanno mostrato che il 91,5% era stato esposto al BCV, riferisce Farmers Weekly.

Inoltre, i test condotti su dieci allevamenti da latte scozzesi hanno mostrato un'esposizione diffusa a tutte le età, aggiunge Katie Denholm della Scuola di Medicina Veterinaria dell'Università di Glasgow. “Il coronavirus bovino è più comune di quanto pensassimo. Ciò è in linea con la letteratura globale. Si sta verificando uno spostamento verso un numero maggiore di coronavirus nei campioni respiratori dei bovini.

Danni allo strato mucoso

I batteri patogeni Mannheimia haemolytica e Mycoplasma bovis rimangono le principali cause delle epidemie di BRD. Katie Baxter-Smith, dell'azienda farmaceutica MSD, ritiene che virus come BCoV arriveranno prima. Ciò danneggia lo strato mucoso dei bronchi, che normalmente impedisce agli agenti patogeni di entrare nelle cellule.

Baxter-Smith sottolinea che esiste il rischio che gli animali subclinici vengano infettati da BCoV e non mostrino segni fisici di malattia. Parli di un serbatoio di infezione. È stato dimostrato che i vitelli che diffondono BCoV attraverso il naso hanno una probabilità da 1,5 a 2,7 volte maggiore di sviluppare BRD rispetto ai vitelli che non diffondono il virus.

READ  Marilyn, 36 anni, ha interrotto la gravidanza dopo una procedura NIPT

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24