Il “figlio arancione perduto” Wijnaldum voleva tornare al Feyenoord: “Il Paris Saint-Germain chiedeva dieci milioni, non era possibile”

Quando fu annunciata la squadra olandese di Ronald Koeman, un nome suscitò scalpore a livello nazionale. Georginio Wijnaldum torna nella nazionale olandese, nonostante il suo passaggio alla “competizione progressista” dell'Arabia Saudita. Lui stesso non fu affatto sorpreso dal suo ritorno. “In realtà me lo aspettavo prima”, ha detto il novanta volte nazionale.

“Ma sfortunatamente ciò non è avvenuto”, continua Wijnaldum. Mentre l'opinione pubblica spesso suggerisce che il trasferimento in Arabia Saudita significherebbe la fine della sua carriera internazionale, l'ex centrocampista del Liverpool la vede diversamente. “Altri giocatori stranieri che giocano lì sono già stati convocati in Nazionale”.

Immagine errata

Il mese scorso, l'allenatore della nazionale si è recato nel Paese arabo per vedere con i propri occhi il 33enne centrocampista dell'Al-Ettifaq. Ciò ha permesso a Koeman di fare la sua valutazione della concorrenza. “Era lì e ha visto il livello che la competizione poteva raggiungere.”

Secondo Wijnaldum l'immagine che si fa nei Paesi Bassi della concorrenza non è corretta. “La realtà è che non puoi andare lì per riempirti le tasche e semplicemente calciare il pallone. Ci si aspetta comunque qualcosa da te. E nel mio caso anche di più. Mi viene chiesto di dare la mia opinione sulla competizione, sullo sviluppo della competizione. Sono lì per creare una bella atmosfera sportiva. Non dico “Solo per riempirmi le tasche”.

Feyenoord

La stella e stella della Saudi League Cristiano Ronaldo ha parlato in diverse interviste del livello della Saudi Professional League. In questo ha fatto una dichiarazione sorprendente che la competizione non è inferiore alla Ligue 1. “Questo è un paragone difficile. Hai sicuramente grandi squadre che possono competere nelle competizioni più importanti. “Ma penso che sia più paragonabile alla concorrenza olandese”, ritiene il prodotto giovanile del Feyenoord.

READ  Sport Court: Noubert salterà la finale del Mondiale gli sport

Wijnaldum spiega anche la sua scelta dell'Arabia Saudita. Secondo le sue stesse parole, preferirebbe tornare alla sua dolce metà d'infanzia. “In realtà è così: dovevo lasciare il Paris Saint-Germain e lì per me non c'era futuro. Non c'erano quasi altre opzioni. Mi sarebbe piaciuto tantissimo andare al Feyenoord, ma il Paris mi ha chiesto dieci milioni di euro, più il mio stipendio. Era impossibile raggiungere questo obiettivo.”

Il centrocampista credeva che trasferirsi nel paese petrolifero fosse l'ultima opzione. “Poi Steven Gerrard (allenatore di Al-Ettifaq, redattore) è venuto e mi ha chiamato se volevo venire ad Al-Ettifaq. Era la mia migliore opzione. “

“Devo dimostrarlo”

Dopo tutte le critiche ricevute per il suo trasferimento, ora tocca allo stesso Wijnaldum riconquistare il cuore dei tifosi olandesi. “Devo dimostrarlo. Non importa se continuo a dire che ce la posso fare. Mi sento bene. Finora ho giocato tutto. I miei dati finora sono stati molto buoni”, conferma.

“Sono qui per fare del mio meglio e assicurarmi di poter giocare tutto. Dovrebbe essere così con tutto il talento qui”. E se finisce sul divano? “Allora non è diverso”, conclude il ritornato e arrabbiato Wijnaldum.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24