Il G7 accetta di concedere prestiti all’Ucraina con i beni congelati in Russia come garanzia

Leader del G7 in Italia

Noos Notizie

I leader del G7 hanno raggiunto un accordo durante il vertice in Italia su un prestito all'Ucraina attraverso il quale verranno utilizzati gli interessi sui beni russi congelati.

Si tratta di una somma di 50 miliardi di dollari, ovvero più di 46 miliardi di euro. Si tratta degli interessi su 260 miliardi di dollari di asset russi, in gran parte detenuti da banche in Europa.

In precedenza, l’Europa voleva donare questi benefici direttamente all’Ucraina, ma ora è stato deciso che i paesi europei riceveranno miliardi in prestiti all’Ucraina, con i rendimenti sugli asset russi come garanzia.

Ogni paese concederà un prestito in base alle dimensioni della propria economia, che l’Ucraina ripagherà con gli interessi.

Possibili crolli politici

Lo scopo dei prestiti è quello di garantire assistenza finanziaria a lungo termine all’Ucraina, anche alla luce di possibili disordini politici nei paesi che sostengono l’Ucraina. Ad esempio, l’estrema destra ha vinto le elezioni in Francia. Pertanto, il presidente Macron ha chiesto nuove elezioni.

Del G7 fanno parte Italia, Germania, Francia, Gran Bretagna, Giappone, Canada e Stati Uniti. I leader di questi paesi si sono incontrati a Borgo Egnazia in Puglia, Italia.

READ  Leader talebano: "In Afghanistan torneranno le punizioni corporali e le esecuzioni"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24