Il governo turco attribuisce ai curdi siriani l’attentato a una via dello shopping a Istanbul. Arrestato il sospetto criminale

Ambulanze sulla famosa Istiklal Caddesi a Istanbul dopo l’esplosione del 13 novembre.immagine AP

Soylu ha detto che la persona che ha piazzato la bomba è stata arrestata. Immediatamente dopo l’esplosione, sono emersi video che mostravano una donna che scappava dal punto in cui una borsa o qualcosa era esplosa subito dopo. Le telecamere di sicurezza mostrano che la donna è rimasta lì per 40 minuti. Altre 21 persone sono state anche detenute per “interrogatorio”, ma non è ancora chiaro se abbiano qualcosa a che fare con l’attacco, in cui sono rimaste ferite più di 80 persone. Il ministro ha detto che due dei feriti sono ancora in pericolo di vita.

Soylu ha detto che l’attacco è stato effettuato a Kobani, una città nel nord della Siria controllata dalle Unità di protezione del popolo, un’organizzazione affiliata al Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK). Secondo il ministro, la bomba è entrata in Turchia attraverso Afrin, un’area nel nord-ovest della Siria controllata dall’esercito turco.

Esplosione in un momento affollato su una strada trafficata

L’esplosione è avvenuta alle 16:15, in uno dei periodi più trafficati della settimana, in una delle zone più trafficate della città, la famosa via dello shopping Istiklal, a 100 metri da piazza Taksim e di fronte al negozio di abbigliamento Mango. Un video pubblicato sui social media mostra una palla di fuoco che spara verso l’alto mentre si sentono gli applausi. Gli acquirenti reagiscono con uno shock e iniziano a correre. La polizia ha isolato l’area intorno al sito. Le vetrine dei negozi sono state distrutte ovunque.

Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha detto durante una conferenza stampa domenica che molti hanno fatto riferimento a un attacco. “Puzza di terrorismo”, ha detto. “Gli sforzi per sconfiggere la Turchia e il popolo turco con il terrorismo falliranno come hanno fallito prima”, ha aggiunto. L’esplosione è avvenuta poco prima che Erdogan si recasse in Indonesia per partecipare al vertice del G20.

L’attentato rievoca ricordi del periodo tra il 2015 e il 2017, quando una serie di attentati ha avuto luogo a Istanbul. Alcuni sono stati rivendicati o attribuiti da militanti curdi, come un doppio attacco nel dicembre 2016 a uno stadio di calcio che ha ucciso 38 persone e ne ha ferite altre 155. Altri attacchi sono stati commessi in nome dello Stato Islamico. Un attacco da parte di estremisti islamici al nightclub Reina, durante una festa di Capodanno il 1° gennaio 2017, ha ucciso 39 persone e ferito altre 79. Da allora, a Istanbul non sono stati più commessi attacchi.

READ  Zelensky critica la Georgia per aver "ucciso lentamente" l'ex presidente Saakashvili

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24