Il luogo comune italiano è vero: qui tutti si comportano bene

Teodoro Holmanfoto di Lupo

Scrivo questo sulla terrazza di una pizzeria di Pavia (Lombardia) dove dovevo prendere qualcosa per mia figlia. (Ho giurato di mantenere il segreto, ma riguarda il matrimonio dell'amica di mia figlia i cui genitori vivono qui.)

Pavia è una città universitaria e ricordatevi questa legge di Holman: le città universitarie valgono sempre la pena. Ci sono giovani, molto rumorosi, molto economici, belle tende, e c'è cultura.

Il padre della sposa è professore di economia qui all'università e mi ha spiegato tutto sull'economia italiana e mi ha assicurato che l'Italia non uscirà mai dall'euro. Lo sai di nuovo.

Sempre educato, non ho dichiarato di non aver capito la sua storia, ma ho capito benissimo che ce l'aveva non solo con l'Italia, ma anche con l'Europa.

Perché amo così tanto l’Italia?

Se dovessi fuggire dall’Olanda perché bombardavano Amsterdam e non avessi più un futuro in quella città, andrei in Italia. Lasciatemi essere sincero: è perché l'ipocrisia, che mi piace così tanto combattere, qui è diventata l'arte di vivere. In Italia è tutto diverso da come pensi.

La sinistra è qui a sinistra finché non gridano che sono di sinistra, mentre la destra grida a squarciagola. Questo ha a che fare con il detto italiano, che è vero: qui tutti si comportano bene. In altre parole: qui creano la propria opera in cui rivendicano il ruolo principale.

Ad esempio: in una grande pizzeria dove lavoro, quattro rifugiati sono venuti a chiedere se potevano pulire il balcone in cambio di una pizza.

Il presidente non voleva questo. Cominciò a imprecare con voce cantilenante. Diceva che era comunista e quindi aveva un buon cuore. Ma il suo giuramento soddisfa la verità. Poi venne uno dei preti e gli chiese perché il suo capo era arrabbiato con questi rifugiati. “Volevano ripulire il mio cortile, signore”, ha detto il presidente, “ed è per questo che ognuno di loro ha preso una pizza”.

READ  La polizia può battere il crimine con la tecnologia intelligente

“Questo è molto nobile”, ha detto il sacerdote.

Poi il presidente guardò il prete e cantò:

“Sì, ma se hanno fame, possono avere una pizza gratis da me, signore. Se la gente qui vede che lascio che i rifugiati puliscano il mio balcone, i clienti se ne andranno.”

Il prete pensò che fosse una bellissima canzone, così come quei rifugiati.

Anche io.

Teodoro Holman (1953) Editorialista, scrittore, regista televisivo e radiofonico. Tutti i giorni, tranne la domenica, potete leggere la sua rubrica qui. Leggi tutte le sue colonne nell'archivio.

commento? [email protected]

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24