Il marmo europeo è tornato! I paesi del Sud vogliono più soldi, mentre i Paesi Bassi e la Germania non lo vogliono

Bruxelles non ha mai avuto così tanti soldi, ma per il Sud Europa non bastano. Paesi come Spagna, Grecia e Italia chiedono una nuova iniezione di centinaia di miliardi di euro. I contribuenti netti nei Paesi Bassi e in Germania non vogliono avere niente a che fare con tutto ciò.

L’industria europea è in gravi difficoltà. Gli alti prezzi dell’energia hanno lasciato le fabbriche inattive e creato uno svantaggio competitivo rispetto al resto del mondo. A peggiorare le cose, gli americani stanno attirando le aziende europee con allettanti agevolazioni fiscali verdi e protezionismo. La crisi è all'ordine del giorno del vertice europeo aggiuntivo che si terrà a Bruxelles la prossima settimana. Dietro le quinte, i litigi iniziarono a pieno ritmo.

Il Sud Europa sogna di creare un fondo industriale da riempire con una nuova tornata di debito condiviso. I loro sostenitori all’interno della Commissione europea, il commissario europeo italiano Paolo Gentiloni (economia) e il suo collega francese Thierry Breton (mercato interno), pensano a un importo compreso tra 300 e 750 miliardi di euro. Questi sussidi devono essere accompagnati dal minor numero possibile di norme sugli aiuti di Stato.

Dietro le quinte, la discussione sta portando a un conflitto vecchio stile con l’Europa settentrionale, fiscalmente prudente. I diplomatici a Bruxelles sono già impegnati a preparare l'esito del prossimo vertice con i 27 capi di Stato e di governo. Mentre italiani, portoghesi, spagnoli e greci elogiano l'idea di aprire la ricerca per un nuovo euro, la rappresentanza tedesca a Bruxelles ha utilizzato il programma Tipp-Ex per eliminare interi paragrafi sul denaro nei documenti.

Nuovi soldi

Oltre a Germania e Paesi Bassi, Austria, Estonia, Finlandia e Irlanda sono tra gli Stati membri che non amano la “nuova moneta”. Non sorprende nessuno a Bruxelles che i sostenitori si stiano agitando forte e chiaro.

READ  Il ministro dell'Economia italiano si aspetta negoziati duri sulle nuove regole europee sul debito

“È culturalmente determinato” dal “desiderio di aprire il portafoglio senza pensare”, afferma Caroline Nagtegal, eurodeputata del VVD. E continua: “Con circa il 145% del Pil, il debito nazionale italiano è ovviamente stranamente alto. Il paese dipende dal denaro europeo. Ma se c'è un nuovo fondo, questo ovviamente non dice nulla su quali Stati membri vadano i soldi. ”

La capo della delegazione CDA, Esther de Lange, ha dichiarato: “Noi nell'UE dobbiamo liberarci dell'istinto di richiedere immediatamente nuovi fondi europei per ogni nuova sfida. C'è ancora molto denaro disponibile nei fondi europei esistenti. Investiamo il resto fondi nelle infrastrutture.” progetti transfrontalieri per settori strategici, come i progetti sull'idrogeno verde. In termini di quantità di fondi, i piani dell'UE differiscono poco da quelli del Legge sulla riduzione dell’inflazione Ma dobbiamo usare il denaro in modo più intelligente. Inoltre a breve termine sono possibili tutti i tipi di misure a costo zero, come ad esempio l'accelerazione delle procedure di autorizzazione per le energie rinnovabili.

Chirurgico

Il primo ministro Mark Rutte non esclude alcun sostegno o beneficio fiscale. Secondo lui, per le aziende sarà più semplice utilizzare i sistemi esistenti. “Ci sono già molti soldi in Europa”, dice Rutte. “Mettiamo in comune le risorse esistenti e poi adottiamo un approccio chirurgico. Dobbiamo prima esaminare attentamente dove esattamente questi piani americani incidono sull'industria europea.

Ciò sembra essere in linea con quanto presentato dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen al World Economic Forum: “Proporremo di adeguare temporaneamente le norme sugli aiuti di Stato e prendere in considerazione aiuti rapidi e mirati dove sono più necessari. vogliono creare un fondo sovrano”.

READ  L'Italia consente a 500 migranti di attraccare nonostante la sua rigida politica sull'immigrazione

Al Ministero delle Finanze dell'Aia si cerca soprattutto una buona analisi di quale sia esattamente il problema. “Sicuramente non sono soldi”, dice un insider. Un’altra parte della discussione riguarda il limite massimo alle norme sugli aiuti di Stato. “I francesi esercitano forti pressioni su questo punto”, dice una fonte, ma anche i Paesi Bassi sono scettici. Il timore è che soprattutto i paesi più ricchi possano trarne vantaggio, mentre altri paesi non hanno lo spazio per farlo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24