Il Mezzogiorno assetato di miliardi dal Brussels Recovery Fund

L’Italia vuole anche sviluppare il sud sottosviluppato attraverso il Fondo europeo per la ripresa della corona. L’ho provato un paio di volte e di solito non funziona. Le probabilità sono migliori ora? Finché l’Europa ci osserva, sembra che questa volta le cose possano migliorare.

Come un tempio moderno, la nuova Stazione Centrale di Matera risplende sotto il sole cocente. Facciate in pietra naturale color sabbia ed eleganti pannelli in acciaio scuro, sormontati da un maestoso tetto in metallo con pannelli solari sostenuti da colonne color argento. All’esterno, il design del famoso architetto Stefano Boeri ha il fascino dell’aeroporto, poiché all’interno si rivela essere nient’altro che un terminal di villaggio. Solo una volta ogni mezz’ora si ferma un treno diesel, il treno lento per Bari che prende una manciata di passeggeri.

“È un fronte”, ha detto Nicola Pavez, un bevitore cinquantenne che lavora per collegare Matera, nel sud Italia, alla rete ferroviaria nazionale. Dice che l’attrazione turistica di Matera non aveva bisogno di progetti architettonici di prestigio, ma aveva bisogno di un buon collegamento con il resto d’Italia. Da quarant’anni è in costruzione una linea ferroviaria da Matera alla Verandina, 40 chilometri a sud. Da lì è possibile raggiungere l’intero paese.

Sfortunatamente, questa ferrovia non è stata completata. Pavese ci porta in una stazione fantasma appena fuori Matera. Alla fine degli anni ottanta era già stata vandalizzata. Gli alberi ora crescono tra le piattaforme, dove dovrebbero esserci le rotaie. Sotto il precedente governo di Giuseppe Conte fu fatto un influente tentativo di far ripartire l’attività. I pilastri delle banchine sono dipinte di fresco, e nell’enorme parcheggio i semafori puntano nella giusta direzione per gli automobilisti che non sono mai venuti. Alcune sedie a rotelle sono dipinte sul manto stradale di fronte all’edificio in mattoni della stazione. La stazione potrebbe non avere binari, ma dispone di parcheggi per disabili. I lavori si sono fermati di nuovo a causa di Corona. Ci auguriamo che il Fondo europeo per la ripresa venga utilizzato per completare una volta per tutte la ferrovia», afferma Pavese.

Piano

Esattamente un anno fa, in occasione di un vertice della maratona a Bruxelles, si sono svolte accese trattative su un fondo di ripresa per riparare i danni economici dell’epidemia di Corona, soprattutto nell’Europa meridionale. La maggior parte dei piani nazionali di risanamento è stata ora approvata. Miliardi inizieranno a riversarsi in questa estate.

L’Italia è il maggior beneficiario, con 191,5 miliardi di euro – 68,9 miliardi di euro in regalo e 122,6 miliardi di euro in prestito. L’Italia costruirà linee ad alta velocità e cavi in ​​fibra ottica in tutto il Paese. Si migliora la gestione dell’acqua, così come lo smaltimento dei rifiuti, che ormai spesso cade nelle mani della mafia. Le parti meno ovvie del piano sono altrettanto importanti. La burocrazia deve essere ridotta e il sistema giudiziario notoriamente pigro semplificato per rendere l’Italia un paese più attraente per fare affari.

Tuttavia, la triste vicenda della ferrovia tra Matera e Ferandina dimostra che i soldi spesi in Italia non sono necessariamente soldi ben spesi. Diversi tentativi sono stati fatti per rafforzare l’economia italiana, con finanziamenti italiani ed europei. Il Recovery Fund riuscirà dove gli sforzi precedenti sono falliti?

La chiave si trova nel Mezzogiorno, nel sud Italia, afferma Eric Jones, professore di studi europei alla Johns Hopkins University di Bologna. “Il Nord Italia è la seconda regione industrializzata d’Europa, ed è un’area di enorme creatività”, afferma. Ma il sud è relativamente povero e arretrato, a due passi dal nord.

Basilicata

Tra le regioni meridionali, la Basilicata potrebbe avere le migliori credenziali per attingere a un Recovery Fund. La disoccupazione, con l’11 per cento, è alta, ma meno che in Calabria o in Sicilia (20 per cento). La Basilicata sembra assonnata, non povera. Tra le colline ci sono paesi pesanti su una strada principale dove nessuno si ferma e il macellaio sta tutto il giorno all’ingresso aspettando qualche cliente. I vecchi parlano al monumento ai caduti e difficilmente si vedono i giovani. Partirono per il nord Italia o l’Europa in cerca di lavoro e opportunità.

Le infrastrutture in Basilicata stanno crollando. L’acqua è una delle punte di diamante del piano di risanamento dell’Italia. La Basilicata ha molta acqua, ma filtra attraverso vecchie tubature. I serbatoi non possono essere adeguatamente riempiti a causa della scarsa manutenzione della diga.

In Basilicata i lavori alle condutture dell’acqua non si fermano mai. Sono così obsoleti che c’è sempre una perdita da qualche parte.BILD Giulio Bisquetelli

Nei pressi di Lavello si trova l’imponente Diga della Rendina, lunga circa due chilometri. “Fino al 2001, l’acqua veniva raccolta qui in inverno in una cisterna, in modo da poter irrigare i nostri terreni in estate”, afferma Saverio de Ciomo, un coltivatore di pomodori. Ma la diga è mal tenuta. Nel cemento apparvero delle crepe e l’acqua salì. I cancelli sono stati aperti per paura di una breccia.

Il serbatoio fu svuotato e l’area d’acqua si trasformò in una foresta a perdita d’occhio, con uno spazio dove un pastore pascola il suo gregge. Ora mi costa più denaro e fatica irrigare il mio terreno. Inoltre, con più acqua, posso coltivare anche pesche e albicocche, il che mi rende meno dipendente dal raccolto”, afferma Di Cuomo. Gli agricoltori della zona ora stanno lottando per ripristinare la diga con i soldi del Recovery Fund.

Questo non vuol dire che non siano stati fatti investimenti nel sud Italia prima. Nella Diga della Rendena è uno stendardo capovolto, con la scritta Cassa del Mezzogiorno, 1957. La Cassa del Mezzogiorno era un fondo governativo che investì miliardi di lire nel Mezzogiorno tra il 1951 e il 1991, mediamente lo 0,65 per cento del PIL ogni anno. La Rendina Diga mostrò l’ottimismo che prevalse negli anni Cinquanta e Sessanta: grazie agli investimenti, il sud sarebbe stato attratto dalla crescita economica che l’Italia stava vivendo in quel momento. Ora l’edificio è un monumento alle illusioni perdute e alla delusione per l’incapacità del Mezzogiorno di fare i conti con la sua tragica storia.

Stretto storico

Già con l’Unità d’Italia nel 1861, c’era un abisso tra il nord relativamente moderno e il sud feudale, con grandi proprietari terrieri che mantenevano piccola la popolazione. Negli anni ’30, sotto Mussolini, il medico Carlo Levi fu esiliato ad Alliano, un paese della Basilicata. ha scritto un libro su di esso Cristo si è fermato a Eboli. Cristo si fermò nella città di Eboli, a sud della quale restava solo un mondo deserto di povertà e ignoranza.

Levy scrisse: “Nessuno ha mai toccato quest’area se non come conquistatore, nemico o visitatore poco appariscente”. “Per i lucani Roma non significa nulla: è la capitale dei signori, il centro di uno stato straniero maligno”.

Il Mezzogiorno è sempre stato una terra di diffidenza dove la vita ruotava intorno alla famiglia e alle relazioni, e il concetto di bene comune era debole. Così le riforme e gli investimenti evaporarono sul solido terreno dell’apatia, dell’incompetenza, della corruzione, del nepotismo e della criminalità organizzata.

Gianfranco Tobito, l’ex sindaco del paese di Salandra, si trova su una stradina su uno di quegli altipiani aridi e battuti dal vento così eloquentemente descritti da Carlo Levi. I mulini a vento girano sulle colline lontane, come ovunque in Basilicata. “Tutta la mafia”, dice Tobito. Anche la mafia sta diventando verde raccogliendo sussidi per i mulini a vento. Una volta che il denaro è distribuito, la mafia è in cima. Non sarà diverso con il Fondo europeo per la ripresa.

C’è un proverbio italiano che sentiamo spesso nel nostro tour della Basilicata: Tra il dire e il fare c’è il mare. “Tra le parole e le azioni c’è il mare.” Tutti i piani di lusso porteranno davvero a una maggiore crescita economica in Italia, in modo che il Paese possa finanziare e alleviare il suo alto onere del debito (160 per cento del PIL)?

Rimodellare

Da un punto di vista puramente economico, gli importi sono troppo piccoli per questo, afferma il ricercatore Adriaan Schout del Clingendael Institute: 191,5 miliardi di euro sono un sacco di soldi, ma sono il 3% del PIL per 3 anni. “Ma forse questo potrebbe spingere l’Italia a riformare”, dice.

Tuttavia, Scott è scettico. Questi cavi in ​​fibra ottica sono già stati ritirati. Ma la riparazione è molto più difficile. Basta guardare i Paesi Bassi. Quanto impegno occorre per ridurre la detrazione degli interessi ipotecari o per dare più sicurezza ai lavoratori autonomi? ‘

Il professor Eric Jones di Bologna è più ottimista. Certo, il Recovery Fund non è una panacea. L’Italia non supererà improvvisamente la Germania. Ma il Sud può davvero beneficiare delle linee ad alta velocità e di Internet a banda larga. Mario Draghi sta intraprendendo importanti riforme della burocrazia e della magistratura. “Soldi senza riforme. non è il nostro obiettivo”, ha affermato Francesco Somma, presidente di Confindustria Basilicata, l’unione degli imprenditori industriali.

Il recovery fund ha comunque ottenuto un risultato: Europa e Italia si sono riconciliate. Appena un anno fa, l’Italia era ancora arrabbiata con l’Europa, soprattutto con il ministro delle finanze Hoekstra che osava dire che il paese aveva eretto poche barriere per assorbire la pandemia. “Come italiano mi sono offeso all’epoca, ma c’era un fondo di verità”, dice Saverio Di Ciomo, un coltivatore di pomodori.

L’Europa ha attraversato il ponte con miliardi dal Recovery Fund. In Italia, l’alleanza antieuropea del movimento Lega e del Movimento Cinque Stelle ha lasciato il posto a un governo di unità europeista guidato da Mario Draghi. Tuttavia, l’equilibrio tra Italia ed Europa è fragile, afferma Eric Jones. Cosa succederà se Mario Draghi lascerà le elezioni del 2023 come previsto? In testa ai sondaggi la Lega di estrema destra e Fratelli d’Italia di estrema destra.

Ma ora c’è un po’ di pace. Nella primavera del 2020 quasi la metà degli italiani era favorevole a un’uscita dall’Italia, a novembre era solo il 24 per cento. E le persone con cui parliamo in Basilicata dicono tutte la stessa cosa: Europa, sii severa con noi! Finché l’Europa terrà d’occhio la situazione, questa volta le cose potrebbero andare meglio.

“L’esecuzione è sempre stata il problema in Italia”, afferma l’industriale Francesco Somma. “Il Recovery Fund è un’opportunità eccezionale per avvicinare il sud Italia al nord. Possiamo rompere con il passato, grazie all’Europa.

Secondo i critici, la nuova Stazione Centrale di Matera è essenzialmente una facciata.  Tutto si illumina e luccica, ma c'è un solo folletto ogni mezz'ora, in partenza per Bari.  Statua Giulio Bisquetelli

Secondo i critici, la nuova Stazione Centrale di Matera è essenzialmente una facciata. Tutto si illumina e luccica, ma c’è un solo folletto ogni mezz’ora, in partenza per Bari.BILD Giulio Bisquetelli

Disoccupazione/PIL pro capite

Olanda Settentrionale 3,2% 52.200 €

Frisia 3,7% 27200

Media UE 6,3% 31.000

Lombardia 5,6% 39200

Basilicata 10,8% 22.600.000

Calabria 21% 17300

READ  L'industria esce dalla Corona Valley dopo un anno • Pump NL

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24