Il modello di business fatiscente del ciclismo professionistico: solo un’azienda familiare francese entra nel mercato

La banca francese Le Crédit Lyonnais (LCL) ha firmato questa settimana un nuovo contratto con l’organizzatore ASO per sponsorizzare il Tour de France, la corsa più prestigiosa e popolare del calendario ciclistico. L’accordo era accompagnato dalle necessarie disposizioni Parole formali – Proroga per altri cinque anni, fino al 2028.

Come al solito, nessuna delle parti ha rivelato alcun importo. Yann Le Moënner, CEO di ASO, ha parlato di “nozze d’oro” vista la collaborazione a lungo termine. La banca francese è associata al Tour dal 1981 e dal 1987 paga affinché il suo nome compaia sulla famosa maglia gialla del leader.

ASO (Amaury Sport Organization) è una società privata fondata nel 1992 dal magnate francese dei media Philippe Amaury, morto nel 2006. ASO fa parte della più grande azienda familiare EPA (Éditions Philippe Amaury), di cui la maggioranza è posseduta dalla vedova e dai figli di Amaury.

La famiglia Amory ha una forte influenza sul tour fin dagli anni ’60. Possiede anche altre importanti gare ciclistiche, come la Vuelta a España e la Parigi-Roubaix, così come la Maratona di Parigi, la gara di vela Tour Voile, il Rally Dakar, un’agenzia pubblicitaria e il quotidiano sportivo L’Equipe, Francia. Rivista di calcio..

L’anno scorso la Federazione delle imprese familiari francesi ha visto il suo fatturato crescere del 17%. 550 milioni di euro. Anche se l’EPA rifiuta di rivelare esattamente quanti ricavi ottiene dalla gara ciclistica più famosa del mondo, l’ASO rappresenta il 41% dei ricavi della sua società madre, secondo i dati pubblici più recenti di un anno fa.

Le squadre vogliono approfittare

Questa settimana è trapelato che cinque migliori squadre, tra cui la squadra olandese Jumbo-Visma e la squadra britannica Ineos Grenadiers, hanno avviato discussioni sul nuovo modello di competizione. È soprattutto una questione di soldi: è una spina nel fianco per le squadre che non beneficiano degli introiti derivanti dai diritti tv.

“Il modello del ciclismo è molto insolito”, afferma lo scrittore britannico Alex Duff a proposito del suo libro. Lefric (“Het Geld”) ha condotto una ricerca sull’azienda di famiglia. “Il Tour è l’evento clou dell’anno per il ciclismo professionistico, raccogliendo circa l’80% della pubblicità pagata dagli sponsor. L’ASO raccoglie la maggior parte delle entrate e decide dove si svolge la gara, mentre le squadre non vedono nulla in cambio. L’ASO domina assolutamente.”

READ  Rutte, von der Leyen e Meloni tornano in Tunisia per discutere dell'accordo sull'immigrazione

Il Tour de France, disputato per la prima volta nel 1903, è l’unità aziendale di maggior valore dell’ASO. L’azienda non solo organizza il concorso stesso, ma è anche responsabile del marketing e del finanziamento dei media. Vende i diritti di trasmissione ai canali televisivi di tutto il mondo, raccogliendo fondi dai principali sponsor francesi (più LCL, nonché la catena di grandi magazzini E.Leclerc e la catena di negozi di ottica Krys) e tedeschi (il produttore di pneumatici Continental e la filiale Volkswagen Skoda).

Ci sono più fonti di reddito. I villaggi e le città spesso pagano ingenti somme di denaro per essere il punto di partenza o di arrivo di una tappa. Inoltre, è ormai una buona pratica che i tre Grandi Giri (Francia, Italia e Spagna) inizino all’estero.

Ad esempio, il Tour de France del prossimo anno inizierà a Firenze, in Italia. Secondo quanto riferito, gli organizzatori locali stanno pagando per il fine settimana di apertura 10 milioni di euro All’ASO. Si tratta di una cifra che è aumentata notevolmente nel corso degli anni: ad esempio, il comune di Utrecht ha pagato un risarcimento di 4 milioni di euro all’ASO per avviare il round nel 2015.

Duff stima che l’ASO guadagni più di 100 milioni di euro all’anno dai diritti di trasmissione e dagli accordi di sponsorizzazione. “Non ne siamo del tutto sicuri”, dice Duff. “L’ASO non pubblicizza questo perché non vuole condividere i suoi guadagni con le squadre. Non dichiarandolo, non danno loro motivo di insistere sulla loro condividere.”

Inoltre, ASO guadagna con quelli costosi Pacchetti VIP Queste aziende, ad esempio, pagano la tappa finale a Parigi, che viene interamente servita con bevande, un delizioso pranzo, musica e una “visione privilegiata” della corsa (3.000 euro a tavolo). È stato sviluppato anche un videogioco e ASO sta collaborando con la popolare app di ciclismo americana Zwift sulla versione femminile del Tour.

READ  Perché i Paesi Bassi hanno attualmente meno giorni di vacanza rispetto a molti altri paesi europei

Il montepremi è deludente

Mentre l’ASO trae profitto dal successo del Tour sotto tutti gli aspetti, le 22 squadre ciclistiche partecipanti sostengono principalmente i costi di partecipazione al tour di tre settimane attraverso la Francia. Il loro unico guadagno consiste nel premio in denaro. Per il tour di quest’anno il totale ammonta a 2,3 milioni di euro.

Anche se ne traggono particolare vantaggio le squadre più ricche e di maggior successo. Mezzo milione, ad esempio, è andato al vincitore finale Jonas Vengegaard della squadra olandese Jumbo-Visma, che è diventato il maggior guadagno (663.280 euro). Ma in fondo alla classifica si trovano squadre come l’olandese DSM-Firmenich con 12.180 euro, e la spagnola Movistar con 18.240 euro.

A La Vuelta, organizzata sempre dall’ASO, è più magra. Quest’anno il montepremi totale è stato di 1,1 milioni di euro (!), di cui 150.000 euro sono stati assegnati al vincitore. L’ultimo numero (Astana) ha guadagnato quest’anno 4.450 euro. Una somma misera per una squadra di otto ciclisti professionisti e il loro staff dopo tre settimane di tappe impegnative attraverso la Spagna.

La misura in cui l’ASO investe nelle entrate del Tour è dimostrata dall’accordo siglato con le stazioni radio e televisive per lanciare comunicazioni radio in tempo reale tra i corridori e il management della squadra durante la gara. L’ASO ha pagato a ciascuna squadra 5.000 euro per lanciare questo messaggio, poi lo ha venduto alle emittenti per 20.000 euro a squadra per poterlo trasmettere. aprire Il schietto team manager belga Patrick Lefebvre di Soudal Quick-Step quest’estate.

A seconda degli sponsor

Le squadre sono diventate in gran parte dipendenti per il loro sostentamento da contratti spesso a breve termine con sponsor esterni. Nessuna vendita di biglietti, nessuna conversione redditizia. Ciò significa che in pratica i miliardari sono alla guida delle squadre più ricche, come Zdenek Pakala (proprietario della Soudal Quick Step), Jim Ratcliffe (Ineos), Sylvan Adams (Israel-Premier Tech) e Robert van der Valen (finanziatore Jumbo ). Visma). Oppure le squadre finiscono nelle mani dei fondi sovrani dei paesi del petrolio e del gas del Medio Oriente (Team UAE, Team Bahrain Al-Mutasir, Team Astana Kazakhstan).

READ  Berlino spera nella generosità dei datori di lavoro

Per spezzare l’onnipotenza dell’ASO, l’intero modello di finanziamento dello sport deve essere rivisto, ritengono le squadre. “Il ciclismo è chiaramente un gigante addormentato e merita un modello di business migliorato”, ha affermato il team principal di Jumbo-Visma Richard Plug, che secondo fonti Reuters è coinvolto in trattative con investitori esterni, tra cui la più grande società di private equity europea, CVC Capital Partners.

Duff ritiene inoltre che “il modello attuale sia un cattivo modello”. “Puoi guadagnare di più insieme e garantire il futuro a lungo termine di questo sport se raggruppi le corse ciclistiche e le vendi come pacchetto.” Cita come esempio la Formula 1, dove l’imprenditore Bernie Ecclestone ha introdotto un modello simile. Di conseguenza, lo sport si trasformò da una serie di competizioni non organizzate in un unico marchio che ottenne un grande successo commerciale.

Su scala minore, l’organizzazione belga Flanders Classics ha già introdotto un modello del genere nel ciclismo. Organizzano una serie di classiche primaverili fiamminghe e dal 2025 anche l’unica grande classica professionistica nei Paesi Bassi, l’Amstel Gold Race. Flanders Classics è anche uno degli organizzatori a cui le squadre vogliono avvicinarsi con il loro nuovo modello di competizione, menzionato Ieri il quotidiano belga De Morgen.

Duff si chiede se anche l’ASO sia disposta a condividere la torta. “Il loro reddito è molto stabile e sono molto conservatori. Quindi bisogna inventare un nuovo modello molto attraente per realizzare il cambiamento.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24