Il neurologo Bas Blom sul glifosato: “Nel calcio non c’è motivo di farsi prendere dal panico”

Per quanto riguarda l’estensione della licenza per il glifosato, il neurologo Bas Blom afferma che non c’è motivo di farsi prendere dal panico per la salute pubblica. Tuttavia, egli chiede studi migliori sulle neurotossine per valutare i prodotti fitosanitari e anche per tenere conto dell'effetto misto dei principi attivi combinati.

Secondo Bloom, non ci sono prove conclusive che il glifosato sia una causa del morbo di Parkinson. C'è preoccupazione per il controverso farmaco, così come per i suoi effetti su altre malattie, dice un professore di disturbi neurologici del movimento presso il Centro medico dell'Università Radboud di Nijmegen. Ha aggiunto: “Ma nel calcio non c'è bisogno di farsi prendere dal panico e non è necessaria una squalifica diretta”. Solo se, dopo una migliore valutazione, i rischi derivanti dall’uso del glifosato sembrano eccessivi, la licenza può essere ritirata.

Blom ha parlato questa settimana tramite una chiamata online al simposio del progetto “Sprint” presso il RUG Campus Fryslân a Leeuwarden. Questo progetto studia la prevalenza dei prodotti fitosanitari negli esseri umani, negli animali e nell'ambiente in dieci paesi europei. I risultati olandesi sono stati presentati al simposio. Ciò dimostra in generale che nei Paesi Bassi, come in altri paesi, ci sono molti residui di diversi prodotti fitosanitari nell'ambiente e nel corpo umano.

Nuovi pazienti

A Bloom è stato chiesto di utilizzare la sua esperienza per approfondire la relazione tra il morbo di Parkinson e l'uso di prodotti fitosanitari. Il professore sottolinea che la malattia di Parkinson è la malattia cerebrale in più rapida crescita nel mondo. Ciò vale anche per i Paesi Bassi. Negli ultimi 20 anni, il numero di pazienti affetti da questa malattia è aumentato del 30%. Secondo il neurologo, ciò non è dovuto al fatto che ci siano molti nuovi pazienti nei Paesi Bassi, ma principalmente al fatto che i pazienti esistenti vivono più a lungo grazie a trattamenti e cure mediche migliori.

READ  I fornitori alternativi di ossigeno fanno fantastiche affermazioni sulla salute: "Cure il cancro o il morbo di Parkinson" - CASA

“I Paesi Bassi ottengono risultati migliori in questo senso rispetto, ad esempio, alla Cina o agli Stati Uniti. In questi paesi, il numero di nuovi casi di morbo di Parkinson è molto più elevato. Ciò è probabilmente correlato a una maggiore esposizione a sostanze che possono causare la malattia, ” spiega Blom.

Secondo il neurologo, la prova dell'effetto di un'esposizione prolungata è il fatto che la malattia di Parkinson si manifesta più spesso nelle persone anziane e anche più spesso negli uomini che nelle donne. “Gli uomini possono avere maggiori probabilità di essere esposti a sostanze pericolose”, afferma il neurologo.

Il paraquat è un esempio di prodotto fitosanitario che, secondo Bloom, ha già dimostrato di essere collegato al morbo di Parkinson. Secondo lui è positivo che tali materiali sospetti siano ora vietati nei Paesi Bassi. “Sebbene siano stati fatti buoni passi avanti nella politica di accettazione, c’è ancora maggiore enfasi sulle proprietà neurotossiche quando si valutano i materiali”. Il neurologo afferma che, in base al principio di precauzione, l'onere della prova per le sostanze associate a disturbi cerebrali dovrebbe ricadere maggiormente sull'industria.

Ricerca cartografica

Bloom spiega che la malattia di Parkinson non è causata solo dall'esposizione ai prodotti fitosanitari. Tra le altre possibili cause vengono citati l'inquinamento atmosferico, l'uso di altri prodotti chimici e la disfunzione erettile durante il gioco del calcio. Durante la sua presentazione, il neurologo parlerà degli studi di mappatura condotti in Quebec, Francia e altri, che hanno trovato collegamenti tra il numero di casi di morbo di Parkinson e le concentrazioni di sostanze tossiche nelle acque sotterranee.

READ  similitudini

In Francia, questa ricerca ha spinto il governo, tra le altre cose, a classificare il morbo di Parkinson come una malattia professionale dei viticoltori. Nei Paesi Bassi, un primo studio simile ha dimostrato che esiste un'indicazione provvisoria di una relazione tra la vicinanza alle terre dei tulipani e l'aumento del numero di pazienti, ha riferito il neurologo. Ma per trarne conclusioni reali, lui e altri vogliono ripetere ancora una volta e in modo più dettagliato la ricerca cartografica nei Paesi Bassi.

Occhio aperto

Infine, Bloom afferma del progetto Sprint che è sorprendente la grande quantità di residui riscontrati nella polvere domestica nelle aziende agricole. È interessante notare che è stato dimostrato che molte di queste sostanze attive singolarmente non comportano alcun rischio apparente per la salute pubblica.

Ma non si sa abbastanza sulle combinazioni dei materiali. Anche l’EFSA, in quanto autorità per la sicurezza alimentare, lo riconosce. Pertanto, è positivo che vengano introdotti nuovi quadri di sperimentazione per i prodotti fitosanitari, prestando maggiore attenzione ai cocktail e alle loro conseguenze neurotossiche. “I Paesi Bassi possono assumere l'iniziativa come paese pilota”, afferma il neurologo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24