“Il nostro personaggio principale, un prete italiano, è una sorta di fact-checker”.

“L'uomo di Roma” diretto da Jaap van Heusden. Al centro c'è l'attore italiano Michele Riondino nel ruolo del pastore Filippo.Immagine IJswater Films / Millie van Essen

Nel giugno 1995 l'antico quartiere minerario di Brunssum è stato trasformato in luogo di pellegrinaggio. Su una statua di Maria in una casa sono apparse “Lacrime di sangue”. Le notizie dal Limburgo meridionale vanno ben oltre i confini. Nonostante i dubbi della diocesi, i credenti si riversano a Brunssum, dove si dice che anche i malati siano stati guariti per intercessione di Maria.

Maria piangente è la fonte di ispirazione L'uomo di Roma, nelle sale da giovedì. Nel lungometraggio del regista Jaap van Heusden (43), il sacerdote ricercatore Filippo (Michel Riondino) arriva a Limburgo per conto del Vaticano. È determinato a scoprire il “miracolo”, ma incontra una comunità traumatizzata e sollevata dall'incidente. Ciò mina la fiducia di Filippo riguardo alla sua vocazione sacerdotale.

“Quando la statua di Maria Piangente faceva notizia a livello nazionale, avevo 16 anni e vivevo nella provincia di Utrecht”, dice Jaap van Heusden. Mi è mancato allora. L'idea di questo film è nata circa dieci anni fa, quando la Chiesa cattolica riconobbe un miracolo avvenuto a Lourdes. Mia moglie è una giornalista Consiglio norvegese per i rifugiatiHa scritto un rapporto a riguardo. Sono cresciuto protestante, quindi all'inizio mi era distante.

Riconoscere quel miracolo era una cosa seria. “Non è stata trovata alcuna ragione naturale per la sua guarigione”, afferma Van Heusden. “Tu pensi che un simile miracolo sia una buona notizia per la Chiesa, ma la Chiesa sta cercando di smascherarlo da tutte le parti. In altre parole: deve essere veramente vero prima di poter essere riconosciuto.

READ  Tre "nuovi" dipinti di Van Gogh al Rijksmuseum

Pensava che Lorde fosse troppo strano e troppo distante per il film. “Io e lo sceneggiatore Roger De Block pensavamo che storie come questa dovessero essere avvenute vicino a casa. Durante la ricerca siamo finiti a Brunssum. Il film è ambientato nel 1995, ma in questo periodo: Filippo legge sul giornale che il presidente americano ha mentito tre volte. Diecimila bugie nei suoi primi mille giorni alla Casa Bianca, tra riferimenti a Donald Trump, fake news e dibattito sui “fatti”. “E la verità”.

Il marito di Maria Piangente è morto e la statua è scomparsa. Ci sono stati altri testimoni oculari?

Abbiamo trovato la loro figlia ed è una donna meravigliosa. È convinta che la foto dei suoi genitori non abbia mai pianto e che il miracolo non sia reale. Ma ha il suo soggiorno pieno di statue di santi. Ogni volta che visito qualcuno piange. Molto toccante, perché è sempre in risposta a notizie tristi: il bombardamento di un ospedale in Ucraina, i barconi dei profughi a Lampedusa, un'alluvione in Bangladesh.

Il regista Jaap van Heusden.  Scultura di Jephta Warwick

Il regista Jaap van Heusden.Scultura di Jephta Warwick

Filippo, il prete ricercatore romano del film, non ci crede.

“Non ha cattive intenzioni, è scettico perché ha visto molti inganni. Ma il villaggio di Limburgo ha subito un trauma quattro anni fa – quella storia è separata dalla storia di Brunssum – e lui affronta un muro di dolore. Qui sei con il tuo buon comportamento e spostando i fatti. E poi? E io? Mi pongo anch'io questa domanda. Non faccio film con un finale chiaro: è proprio così. Sono emozionato o sorpreso o arrabbiato riguardo a qualcosa. E di solito tutti e tre contemporaneamente. Poi mi chiedo: in cosa credo? Lo vedo correttamente?

Quindi anche tu sei un po' Filippo?

'Forse. Mentre lavoravamo alla sceneggiatura, Roger de Block ha detto: Il nostro Filippo è una specie di fact-checker. Mia moglie è una giornalista investigativa, sono un fan dei fatti e della scienza ed ero in prima fila per ottenere il vaccino contro il coronavirus. Tuttavia, ho visto con Trump e gli anti-vaxx: puoi presentare tutti i fatti che vuoi e per alcune persone non farà alcuna differenza. Come regista, proprio come Filippo, sono un outsider che deve trovare una strada lentamente. È una buona idea che il tuo personaggio principale faccia lo stesso viaggio.

Questi presunti miracoli devono essere stati sorprendenti, soprattutto se si trattava di un contesto protestante.

“I luoghi di pellegrinaggio come Lourdes o Bagno, oltre confine, sono per me luoghi difficili: troppo territorio straniero e troppo commercio. Davvero quest'acqua è santa? Questo dubbio mi fa strano, ma non voglio: solo la critica o l'avversione è “Le cattive fondamenta del film. I credenti vanno Coloro che stanno sperimentando dolore mentale o altre sofferenze si rivolgono a questa fonte, beh, o immagine per trovare conforto o guarigione. Per molto tempo ho pensato che questo fosse il modo più semplice. Il modo più difficile è rendersene conto la vita è dura e vuota e devi solo superarla.

“Ora ci penso in modo diverso. È coraggioso e commovente esprimere le tue preoccupazioni e ammettere che ti senti così vuoto. Mi ci sono voluti anni per arrivare a questa realizzazione a causa del chiosco natalizio di plastica con le statue della Vergine Maria e le candele della novena.”

Il film è ambientato ai nostri tempi. Tuttavia, molti dei luoghi e dei personaggi ricordano un'epoca precedente.

“È nel paesaggio, nell'architettura, nelle cicatrici. Non potevo credere alle mie orecchie quando ho sentito che Brunssum era tra i 10 comuni più prosperi durante il periodo di massimo splendore dell'estrazione del carbone, insieme a Wassenaar. È stata creata un'enorme dolina. L'area di Brunssum dove si trovava la statua di Maria fu demolita Weeping 1995. Cercavamo una strada che emanasse quella sensazione e siamo finiti a Simplefield. Non te lo stai inventando, ma anche quella strada sarà presto demolita.

L'uomo di Roma Sarà nelle sale a partire da giovedì.

Jaap van Heusden

In precedenza ha realizzato, tra le altre cose, Jaap van Heusden In blu (2017), in cui un'assistente di volo olandese si prende cura di un ragazzo di strada rumeno. Il film ha vinto il Golden Calf Award nelle categorie Miglior regista, Miglior sceneggiatura e Miglior attrice (Maria Krakman). La sua prima apparizione Vinci vinci (2010), su un giovane e intelligente commerciante di azioni che continua a vincere in un momento in cui le banche d'investimento accumulano perdite su perdite, è stato il primo film olandese sulla crisi del credito.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24