Il nuovo governo italiano rappresenta una grande sfida per l’Eurozona

D’altro canto, il nuovo governo italiano vuole abbassare l’età pensionabile, abbassare le tasse e introdurre un reddito di base sotto forma di qualche tipo di assistenza sociale. Il costo è di 100 miliardi. Il debito nazionale è di 2500 miliardi. Questi ulteriori 100 miliardi di dollari porteranno a un deficit non inferiore al 5% del Pil. Con questo accordo l’Italia si sta facendo esplodere mettendo a rischio l’intera zona euro.

Perché Bruno Lemerre è così preoccupato? Prima di tutto, le dimensioni giocano un ruolo qui. L’Eurozona è quasi crollata sotto il peso del debito greco, e l’Italia lo è ancora di più. L’economia italiana è dieci volte più grande di quella greca. Il debito italiano di 2.500 miliardi di dollari è sette volte maggiore del debito greco. L’Italia ha il debito più grande d’Europa e il quarto nel mondo. Il debito ammonta a ben il 130% del prodotto nazionale lordo, e questo non è uno scherzo.

L’Italia è infatti troppo grande per fallire, ma forse troppo grande per essere salvata. L’Italia non può affrontare un’unione monetaria. Il tasso di cambio dell’euro è molto difficile per un paese debole come l’Italia che non ha riformato le pensioni e il mercato del lavoro, e il suo settore bancario è relativamente debole con numerosi prestiti in sofferenza.

Mancanza

Allo stesso tempo, l’UE non può gestire una zona di trasferimento in cui il denaro scorre permanentemente da nord a sud. Il Nord non è disposto a colmare il deficit italiano se l’Italia non modernizza la propria economia. Il Nord ritiene che il Sud, come hanno fatto i paesi del Nord, debba lavorare per riformare la propria economia. Colmare il deficit porta al rinvio di queste riforme.

READ  La Ferrari inizia il 75° anniversario con una riorganizzazione

Si è quindi creata una situazione di stallo. Macron ha espresso la speranza di fare buoni affari con la Merkel a giugno. Il compromesso è stato una rigorosa politica di bilancio in cambio di una condivisione parziale e condizionata del debito. Ora che l’Italia ha messo tutto nello scompiglio, la fiducia che l’accordo venga concluso a giugno è scemata.

Che cosa significa per noi?

Cosa accadrebbe se il nuovo governo italiano continuasse a soffrire di povertà e a rifiutare le riforme? Che cosa significa per noi? molto. Nell’Eurozona, la politica interna italiana influisce anche sulla nostra economia. Se l’Italia non si riforma e rimane nell’eurozona, la BCE non sarà in grado di aumentare i tassi di interesse o ridurre l’allentamento quantitativo. Questa è una brutta notizia per risparmiatori e pensionati, noi compresi. Ciò significa che il boom azionario e immobiliare continuerà qui. L’Italia sta letteralmente causando problemi ai nostri risparmi, alle pensioni, al mercato immobiliare e al mercato azionario.

Ma il problema è che l’Italia non è meno problematica nell’Eurozona che al di fuori di essa. Inoltre, non possiamo obbligare legalmente l’Italia a lasciare l’eurozona. Non vorranno uscire da soli. La nuova coalizione italiana ha accarezzato l’idea, ma una volta diventato chiaro che l’uscita avrebbe fatto evaporare le pensioni e reso il debito nazionale completamente insostenibile, ha abbandonato l’idea. Non è un caso che Marine Le Pen abbia perso le elezioni francesi lasciando l’Unione Europea.

Inoltre non sarebbe divertente per la Corea del Nord se lasciasse l’Italia. L’Italia è un importante partner commerciale per molti paesi dell’Unione Europea. Se l’Italia introducesse la propria valuta a un valore inferiore a quello dell’euro, il Nord non sarebbe in grado di esportare tanto con un euro più forte. La Corea del Nord teme anche che altri paesi seguiranno l’esempio se l’Italia lasciasse l’Italia, il che porterebbe al collasso dell’eurozona. Questo è un problema perché l’euro relativamente debole è favorevole alle esportazioni degli Stati membri settentrionali, e l’euro stesso riduce naturalmente i costi di transazione.

READ  Le aziende italiane si preparano alla trasformazione dell’IA nonostante la carenza di competenze

E adesso?

eccoci qui. Italia dentro o fuori. Entrambi sono problematici. Molti esperti sperano che ciò che è accaduto l’8 novembre 2011 si ripeta. A luglio 2011, nessuno nell’eurozona credeva che Berlusconi avrebbe ridotto il debito nazionale e attuato riforme economiche. La Grecia ha ricevuto assistenza, ma questo doveva rimanere un caso eccezionale. La Banca Centrale Europea ha avvisato privatamente Roma nell’estate della necessità di riformare il mercato del lavoro e il sistema pensionistico italiano. In cambio, la Banca Centrale Europea acquisterà il debito pubblico italiano il 7 agosto.

Il messaggio segreto della BCE è trapelato poche settimane dopo tramite il quotidiano italiano Corriere della Sera. Tuttavia, per far passare le riforme alla Camera dei Rappresentanti e al Senato, Berlusconi le ha indebolite, con grande dispiacere della Banca Centrale Europea.

La Merkel e Sarkozy stavano perdendo la pazienza. Un giornalista ha chiesto in una conferenza stampa il 23 ottobre 2011 come valutare le riforme di Berlusconi. Poi Merkel e Sarkozy si sono scambiati sorrisi che non rivelavano molta fiducia in Berlusconi.

Il 3 novembre a Cannes, l’Italia ha finalmente ricevuto un programma di monitoraggio senza pacchetto di sostegno. In pochi giorni, i tassi di interesse italiani sono saliti a oltre il 7%. Martedì 8 novembre Berlusconi ha promesso di dimettersi per ottenere la maggioranza parlamentare a sostegno della legge di stabilità. Il 12 novembre, dopo il voto, Berlusconi si è effettivamente dimesso. Monti ha continuato a guidare il Gabinetto delle Imprese e ha introdotto alcune riforme, consentendo ai tassi di interesse di scendere nuovamente.

Succederà di nuovo? L’aumento dei tassi di interesse italiani e la pressione della Banca Centrale Europea e di altri paesi della zona euro disciplineranno il nuovo governo italiano? Tuttavia partiti come VijfStar e Lega di Nord non si lasciano guidare facilmente.

READ 

Assisteremo presto a uno scontro, inimmaginabile, perché il Movimento Cinque Stelle è più a sinistra della Lega Nord, che porterà alla caduta del governo e allo svolgimento delle elezioni? Ma chi dice che poi gli elettori italiani sceglieranno i politici più saggi?

polarizzazione

Ci sono grandi differenze tra il periodo attuale e il 2011. Ora molti italiani votano per i partiti anti-immigrazione a causa dei problemi legati all’immigrazione. Probabilmente lo faranno di nuovo quando si terranno le elezioni. Inoltre, credono che l’Unione Europea abbia deluso l’Italia con l’ondata di profughi. Voteranno quindi nuovamente per i partiti anti-UE.

Inoltre, a partire dal 2011, la debolezza delle banche italiane è diventata più evidente. Le banche italiane hanno un discreto numero di crediti in sofferenza. Possiedono anche una quantità significativa di titoli di debito italiani che diventeranno anch’essi inesigibili se i tassi di interesse continueranno a salire. Se ciò accadesse, ne deriverebbe una vera e propria corsa agli sportelli, che renderebbe il clima in Italia ancora più antieuropeo.

In un clima così polarizzato sarà difficile per il presidente italiano Mattarella nominare un governo imprenditoriale come quello Monti nel 2011. Tuttavia, le elezioni possono portare a promesse esagerate da parte dei politici che non possono essere mantenute, esacerbando la miseria economica. Speriamo che Mattarella possa salvare nuovamente l'Italia. Non oserei scommetterci una bottiglia di buon vino.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24