Il padrino: dalla banda di vestiti alla truffa mafiosa

Credo nell’America

Questa è la prima frase che senti pronunciare come spettatore. Schermo ancora nero, le prime battute al debole suono della musica: Il valzer del padrino (Major soprannome). buon uomoSera, impresario di pompe funebri, racconta l’aggressione violenta di sua figlia da parte di due uomini che in seguito hanno ricevuto dal giudice una pena detentiva sospesa.

doDisplay(‘div-gpt-ad-PanoramaNL_in-content_top_article’);

Il nero si allontana e l’immagine emerge, un dipinto cupo e cupo del Bonasera parlante senza pretese. La fotocamera esegue lo zoom indietro molto lentamente. Ad esempio, pochi secondi dopo sulla sinistra c’è la parte posteriore della testa di Don Vito Corleone, Il Padrino, che stiamo guardando Bonasera da sopra la sua spalla. Questo è credere nel paese in cui vive, dice, ma questa è giustizia? può il signor Forse Corleone se ne occuperà?

media (larghezza massima: 680px) {#fig-63cfc82fa8e39 img.lazyloading { sfondo: #eee;} #fig-63cfc82fa8e39 img {#fig-63cfc82fa8e39 img.lazyloading {larghezza: 624px; height: 0px;}} @media (min-width: 681px) e (max-width: 1320px) {#fig-63cfc82fa8e39 img.lazyloading{width: 980px; height: 0px;}} @media (min-width: 1321px) { #fig-63cfc82fa8e39 img.lazyloading { background: #eee;} #fig-63cfc82fa8e39 img {#fig-63cfc82fa8e39 img.lazyloading {width: 1272px; altezza: 0px; }}
Coppola (al centro) dietro la macchina da presa.

La telecamera si muove lentamente. Perché dovrei essere lì per te, tu non ci sei mai stato per me fino ad ora, dice il Don, ora è tutto nella foto. Questo è rispetto? Quando Bonasera gli bacia la mano e si rivolge a lui con riverenza chiamandolo padrino, il don concorda comunque sul fatto che dopotutto farà giustizia, ma non ucciderà i colpevoli. E: L’impresario di pompe funebri gli deve un favore in cambio. Così! Hai ragione al riguardo. Il Don come uomo forte ha potere sulla vita e sulla morte. L’esistenza di una sorta di società parallela che ha le sue leggi, oltre alle leggi ufficiali, ma fallisce nello stato di diritto. Costumi all’interno delle famiglie della criminalità organizzata italiana: ti faccio un favore, un giorno lo farai per me. Il metodo della fotografia guidato dal capo della macchina da presa Gordon Willis: immagini lente, stagliate e movimenti precisi della macchina da presa raccontano qualcosa sulla situazione. La musica, la bellissima colonna sonora del compositore Nino Rota, ha contribuito al monumento che il film è diventato. E ovviamente: l’indimenticabile ritratto di Vito Corleone, Il Padrino, dell’indimenticabile carismatico Marlon Brando.

Marlon Brando ha ricevuto un Oscar per la sua interpretazione, ma ha rifiutato di accettarlo a causa del “modo in cui Hollywood mette gli indiani nei film”.

Tessuti sulle guance

Nella primavera del 1971, quando ebbe luogo la registrazione, Brando aveva 47 anni. Negli anni Cinquanta ebbe molto successo con lui Un tram chiamato desiderio E Sul Waterfront, ruoli ribelli di un attore che ha fatto cose diverse e non ha niente a che fare con il glamour di Los Angeles. È anche un uomo di “stile di recitazione”, il che significa che l’attore usa le sue emozioni ed esperienze e si immedesima completamente nel personaggio, ad esempio Nella vita reale Entrare negli ambienti in cui vive il personaggio, per interpretare il ruolo realistico. Questo non era popolare fino agli anni ’50. Ma negli anni ’60 Marlon Brando (1924-2004) non ebbe del tutto successo. I film in cui ha recitato sono stati dei flop. L’uomo conduce anche una vita personale turbolenta: tante mogli e separazioni, tredici figli in fin di vita, oltre a decine di nipoti di madri sconosciute. Convertito o no, Francis Ford Coppola, a soli 31 anni, vuole che assuma il ruolo del protagonista nel 1970. E nessun altro.

“Lei era intuizione (Hunch, ndr), lo staff non ha visto nulla in lui “, dice più tardi il manager. “Siamo andati a trovarlo a casa sua a Mulholland Drive (a Los Angeles, ndr) per una specie di test. Non sapevo davvero cosa aspettarmi da esso. Voleva, e potrebbe aver visto un’opportunità per rimettere in carreggiata la sua carriera, ma all’inizio ha giocato duro per ottenere. Immagina, indossava una coda di cavallo. All’improvviso prese un fazzoletto dal tavolo e se lo infilò in bocca finché le sue guance non si gonfiarono, fece qualcosa che gli fece muovere i denti davanti, si legò la coda di cavallo bionda, si mise del lucido da scarpe nei capelli, fece dei gesti e cominciò a dare la sua faccia. Copia di Vito Corleone.

media (larghezza massima: 680px) {#fig-63cfc82fa91d5 img.lazyloading { sfondo: #eee;} #fig-63cfc82fa91d5 img {#fig-63cfc82fa91d5 img.lazyloading {larghezza: 624px; height: 0px;}} @media (min-width: 681px) e (max-width: 1320px) {#fig-63cfc82fa91d5 img.lazyloading{width: 980px; height: 0px;}} @media (min-width: 1321px) { #fig-63cfc82fa91d5 img.lazyloading { background: #eee;} #fig-63cfc82fa91d5 img {#fig-63cfc82fa91d5 img.lazyloading {width: 1272px; altezza: 0px; }}

Si era appena trasformato da bel giovanotto in un vecchio italiano che assomigliava a mio zio Louis. L’abbiamo catturato in video. Bello! Quando l’ha visto, ha detto il regista, l’uomo che si è opposto di più a Brando. Così è andata”.

Capi di studio opposti

Coppola ha raccontato molte volte negli ultimi cinquant’anni com’era lavorare con Brando: non dovevi dirgli come volevi che si comportasse, lascialo andare. Anche dopo cinquant’anni, nulla è stato raccontato di Brando come Don Vito. Simile alla parodia e vicina all’iperbole, la sua recitazione è del tutto naturale e convincente. Vito è un uomo anziano e, sebbene sia il capo di una banda criminale che utilizza metodi spietati di corruzione, intimidazione e vendetta, è un uomo d’onore e aderisce a standard morali radicati nella tradizione siciliana. Come nessun altro, Don Vito Corleone dipinge un fenomeno che ha incuriosito molti: quella capacità di amare, di essere fedele, di essere generoso, di essere caritatevole, di essere gentile, molto vicina al desiderio di essere crudele, omicida e omicida . trovare una giustificazione.

READ  Musica 25 aprile 2021 - Early Birds

Marlon Brando ha ricevuto un Oscar per la sua interpretazione, ma ha rifiutato di accettarlo a causa del “modo in cui Hollywood ritrae gli indiani nei film”.

Sì, Brando era un attivista politico che sosteneva le minoranze, il che è una rarità tra i grandi attori. Ha sostenuto Martin Luther King negli anni ’60 e ha partecipato a manifestazioni contro la segregazione per la parità dei diritti civili. Come attore, questo lo ha reso un emarginato nel mondo conservatore degli studi cinematografici e dei capi potenti.

media (larghezza massima: 680px) {#fig-63cfc82fa9312 img.lazyloading { sfondo: #eee;} #fig-63cfc82fa9312 img {#fig-63cfc82fa9312 img.lazyloading {larghezza: 624px; height: 0px;}} @media (min-width: 681px) e (max-width: 1320px) {#fig-63cfc82fa9312 img.lazyloading{width: 980px; height: 0px;}} @media (min-width: 1321px) { #fig-63cfc82fa9312 img.lazyloading { background: #eee;} #fig-63cfc82fa9312 img {#fig-63cfc82fa9312 img.lazyloading {width: 1272px; altezza: 0px; }}
Il nuovo Panorama è ora nei negozi e lo è qui ordinare.

Questo è chiaramente negli anni ’70, perché Robert ‘Bob’ Evans, un produttore della Paramount Pictures, non voleva necessariamente Marlon Brando. numero A proposito, non Marlon Brando. Dopo il rifiuto del famoso Sergio Leone, assunse come regista il giovane sconosciuto Francis Ford Coppola, che in seguito ammise che sarebbe stato facile lavorare con lui.

Curiosi di conoscere il resto dell’articolo? Guardalo nell’ultimo Panorama o dai un’occhiata tramite Blendle.

doDisplay(‘div-gpt-ad-PanoramaNL_in-content_bottom_article’);

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24