Il premier italiano Meloni a Bruxelles con wish-list e critiche

Reuters

NOVITÀ

  • Helen De Haines

    Corrispondente Italia

  • Helen De Haines

    Corrispondente Italia

Non in Ungheria, dove ha buoni rapporti con il primo ministro Orban. O la Polonia, che vedete come un modello di buona politica estera. La nuova premier italiana Meloni sta compiendo la sua prima visita all’estero a Bruxelles. Questo pomeriggio parlerà con il presidente della Commissione europea, il Consiglio europeo e il Parlamento europeo.

Questa opzione è simbolica. Il La destra radicale di Meloni Vuole dimostrare che la cooperazione europea è ancora importante per l’Italia, anche se in passato si è espressa contro l’UE e l’euro. Inoltre, ha Bruxelles buona intenzione essenziale per i piani economici del suo governo. Tuttavia, rimane pubblicamente critica nei confronti dell’Unione europea. I leader europei saranno più cauti che amichevoli.

atmosfera tesa

La diffidenza reciproca è evidente da una dichiarazione rilasciata dal presidente della Commissione von der Leyen pochi giorni prima delle elezioni italiane. “Se un governo democratico vuole collaborare con noi, lo faremo. Quando le cose prendono una piega difficile, come in Ungheria o in Polonia, abbiamo gli strumenti per farlo”. La destra italiana ha visto questo come una minaccia e un’ingerenza ingiusta in un processo elettorale democratico.

Sebbene von der Leyen abbia ricevuto le congratulazioni dopo l’elezione di Meloni, il rapporto non si era ancora del tutto riscaldato. Nelle sue prime settimane da premier, la Meloni non ha nascosto le sue critiche alle istituzioni europee. Nel suo primo discorso al parlamento italiano, si è chiesta: “Come può il processo di integrazione iniziato nel 1950 come comunità del carbone e dell’acciaio non avere dopo 70 anni soluzioni efficaci, soprattutto per quanto riguarda gli approvvigionamenti energetici e le materie prime?”

READ  Haas riesce a colmare il vuoto dopo aver perso uno sponsor russo: 'Siamo qui per restare'

La Meloni non ha quindi intenzione di prendere le distanze dall’Unione Europea, ma sarà molto critica dall’interno. “Non per frenare o sabotare l’integrazione europea, ma per aiutare a rispondere in modo più efficace alle crisi e ad avvicinarsi ai cittadini e alle imprese”, ha affermato. Secondo il nazionalista Meloni, è necessaria maggiore cooperazione su questioni chiave come l’approvvigionamento energetico e la migrazione, ma l’UE non dovrebbe immischiarsi in questioni ideologiche come la politica di genere.

Bilancio e piano di rilancio

Questo pomeriggio parlerà principalmente della crisi energetica e del piano di ripresa dopo la pandemia e la guerra in Ucraina. L’ultimo argomento è forse il più semplice: per quanto riguarda l’Ucraina, la Commissione europea e la Meloni sono sulla stessa pagina. Il presidente del Consiglio italiano sostiene l’imposizione di sanzioni europee contro la Russia e la consegna di armi all’Ucraina.

C’è più tensione nell’aria sul piano di ripresa post-pandemia. Questo piano, negoziato dal predecessore di Meloni, Mario Draghi, dovrebbe fornire all’Italia quasi 200 miliardi di euro di prestiti e sovvenzioni agevolati in diversi anni. In cambio, il paese deve riformarsi. Il nuovo premier vuole seguire il piano a grandi linee, ma vuole anche rivedere alcuni punti. A causa della guerra in Ucraina, vuoi più soldi per la sicurezza energetica e per compensare gli alti costi dei materiali. Il comitato non ha ancora mostrato alcuna disponibilità a rinegoziare.

Esercizio di equilibrio

Ecco quindi la lunga lista di auguri e critiche che questo pomeriggio è arrivata a Meloni a Bruxelles. Al contrario, da parte di Bruxelles, ci sarà particolare curiosità sui piani finanziari dell’Italia. Il nuovo governo prepara il bilancio del prossimo anno.

Per ispirare fiducia, il presidente del Consiglio di estrema destra ha recentemente indicato in più occasioni di essere pronta a ridurre ulteriormente il debito pubblico italiano ea rispettare le regole di bilancio europee. Tuttavia, la Meloni dovrebbe verificare se ci sono ancora degli strappi in quelle regole. Ha vinto le elezioni con la promessa di tagli alle tasse e maggiore sostegno del governo alle famiglie. Per riscattarlo, hai bisogno di soldi.

La prima visita all’estero della Meloni, dunque, è subito un complesso bilanciamento diplomatico. Il Il nuovo presidente del Consiglio italiano Vuole il sostegno dell’Europa, pur essendo molto critico nei suoi confronti. Inoltre, vuole apparire come un partner economico affidabile, mentre ha bisogno che l’Europa dia più spazio fiscale al suo governo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24