Il presidente iraniano indaga sulla morte di una donna di 22 anni dopo le grandi proteste | Attualmente

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha ordinato ulteriori indagini sulla morte del 22enne Mohseh Amini. Le manifestazioni sono continuate nel Paese per giorni a causa della morte della donna morta quando è stata arrestata.

Amini è stato arrestato venerdì dalla Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio per non aver aderito al codice di abbigliamento islamico. La polizia l’ha colpita alla testa e successivamente è morta in questura. La polizia nega e afferma che la donna è morta per cause naturali.

Giovedì Raisi ha ribadito la conclusione del medico legale secondo cui Amini non era stato picchiato. “Ma non voglio saltare alle conclusioni”, ha detto in una conferenza stampa a New York. Il presidente è lì per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Il presidente è anche arrabbiato per le sanzioni statunitensi contro la squadra morale iraniana. Giovedì l’Occidente è stato accusato di “doppi standard”. Ha sottolineato che molti civili vengono uccisi dalla polizia americana ogni anno. “Perché allora non ci sono studi?”

Le più grandi proteste si sono verificate nel paese negli ultimi anni. Raisi ha sottolineato che in Iran c’è libertà di espressione, ma il caos è “inaccettabile”.

Le autorità iraniane hanno avvertito giovedì che è illegale partecipare alle manifestazioni dopo la morte di Amini. I manifestanti saranno perseguiti. Finora, 17 persone sono state uccise nelle proteste. Tra loro ci sono civili e agenti di polizia.

READ  La Turchia ferma la sua opposizione all'adesione di Svezia e Finlandia alla NATO | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24