Il primo ministro britannico Sunak presenta un controverso nuovo piano contro la migrazione in barca

Questo è il punto cruciale di un controverso nuovo piano presentato martedì dal primo ministro britannico Rishi Sunak. I migranti in barca che raggiungono la costa britannica vengono arrestati e deportati in un paese sicuro.

Secondo il giornale posta la domenica, che ha intervistato il primo ministro Sunak, una volta deportati i barconi migranti non potranno più stabilirsi nel Regno Unito e non potranno mai più ottenere la cittadinanza britannica. Il governo conservatore spera che questo scoraggerà gli aspiranti migranti in barca. “Non commettere errori”, ha detto il Primo Ministro. “Se sei venuto qui illegalmente, non potrai restare.”

L’anno scorso, l’allora primo ministro Boris Johnson ha effettivamente firmato un accordo con il Ruanda in Africa per deportare lì i richiedenti asilo. Ma il primo volo con richiedenti asilo è stato cancellato per opposizione legale e sul piano infuria ancora una battaglia legale. Il tribunale di Londra ha stabilito a dicembre che la misura era legale, ma tale decisione è stata impugnata dagli oppositori.

45.000 richiedenti asilo hanno attraversato il canale

Sunak si attiene al piano del Ruanda e spera che le nuove misure contribuiranno a frenare la migrazione in barca. Il ministro dell’Interno Soella Braverman ha dichiarato: “Le nostre leggi saranno semplici, sia nelle intenzioni che nella pratica: l’unico modo per entrare nel Regno Unito sarà sicuro e legale”.

L’anno scorso, più di 45.000 richiedenti asilo hanno raggiunto la costa britannica in barca attraverso la Manica. L’arrivo dei migranti, molti dei quali negli alberghi, ha provocato tensioni e proteste in alcune località. Ad esempio, sabato c’è stata una manifestazione contro i richiedenti asilo a Dover. I sondaggi mostrano che l’immigrazione clandestina è una delle maggiori preoccupazioni per gli elettori. E Sunak è sotto pressione, anche da parte dei politici del suo partito conservatore, affinché faccia qualcosa al riguardo. Venerdì il primo ministro visiterà il presidente francese Emmanuel Macron a Parigi, con il quale discuterà del piano.

Nel frattempo, il procedimento rischia di incontrare ogni tipo di ostacolo pratico, legale e politico. Ad esempio, il governo britannico afferma che ci saranno altri modi legali per i migranti di presentare domanda di asilo. Ma non è chiaro come saranno questi metodi. Per ora, una cosa del genere esiste solo su scala limitata per ucraini, afghani e persone di Hong Kong.

Inoltre non è chiaro quali paesi siano disposti ad accogliere i migranti da espellere. Inoltre, non si sa dove siano detenuti i migranti. Il governo sta valutando la possibilità di svuotare le ex caserme militari, ma potrebbe essere necessario prima ristrutturarle.

Tentativo disperato di fuga

Le organizzazioni di rifugiati temono anche che i legittimi richiedenti asilo provenienti da paesi come la Siria e l’Eritrea vengano detenuti per lungo tempo, come se fossero criminali. “La maggior parte degli uomini, delle donne e dei bambini che attraversano il canale lo fanno perché cercano disperatamente di sfuggire a guerre, conflitti e persecuzioni”, ha detto in una nota un portavoce del Consiglio per i rifugiati. volte. “È poco pratico, costoso e non fermerà le barche”.

Se Senek accetterà il piano, spingerà i limiti di ciò che la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) consente. Quindi alcuni conservatori affermano che il Regno Unito dovrebbe lasciare la Corte europea dei diritti dell’uomo, se necessario. Ma il premier preferisce non farlo. Afferma che il piano è “giuridicamente a tenuta stagna”.

Secondo il Migration Workers’ Union, se la legge entrerà in vigore, ci sono buone probabilità che i richiedenti asilo vengano contrabbandati nel Regno Unito su camion. Anche l’opposizione di sinistra del Partito laburista è cruciale.

Il partito di opposizione comprende che bisogna fare qualcosa per contrastare l’immigrazione clandestina, ma dubita che il piano ora annunciato funzionerà. Il deputato laburista Jonathan Ashworth ha dichiarato a Sky News: “Hanno detto in precedenza di avere piani e leggi in atto che affronteranno questo problema”. Ma nessuna delle loro promesse è stata mantenuta. In effetti, vediamo sempre più barche arrivare e sempre più trafficanti di persone scappare”.

Leggi anche:

La deportazione di richiedenti asilo in Ruanda ottiene il via libera dal tribunale del Regno Unito

La corte ha affermato che un piano britannico per trasferire i richiedenti asilo in Ruanda era legittimo.

READ  Il presidente iraniano indaga sulla morte di una donna di 22 anni dopo le grandi proteste | Attualmente

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24