Il rinnovo verde in Italia perde supporto

I muratori installano finestre a risparmio energetico in una villa del XVI secolo in Italia.Statua di Max Entresano

Quattro tonnellate. Questo è il prezzo della ristrutturazione di un casale cinquecentesco in taff su una collina a Capranica, cinquanta chilometri a nord di Roma. La casa vacanze da diciotto posti letto comprenderà quattro caldaie per il riscaldamento elettrico, 48 pannelli solari, nuovi infissi e isolamento del tetto.

L’architetto Antonio Zanca, 49 anni, sale un’impalcatura sul tetto per mostrare al proprietario Alessandro Giampetro, 30 anni, il nuovo strato di isolamento. Giampetro, che lavora nel ramo verde della più grande azienda energetica italiana Enel, ha ereditato dai nonni la casa tra i frutteti ondulati con la sorella.

Suo nonno è sopravvissuto ai bombardamenti alleati su un vicino ponte ferroviario durante la seconda guerra mondiale, dice Giampetro prima di seguire Zanca su per gli stretti gradini delle impalcature. Egli stesso celebrava nell’orto molte feste di famiglia e curava la produzione delle nocciole nel frutteto.

“È quasi impossibile trovare questo materiale isolante”, dice Zanca quando raggiunge il tetto, indicando un rivestimento giallo sotto la storica tegola. Ha notato che il prezzo dei materiali da costruzione è aumentato notevolmente dall’introduzione del Super Bonus 110. “Anche le impalcature sono assurdamente costose.”

spazio per la frode

Grazie a questa politica, gran parte del disegno di legge per i rinnovi green, che dovrebbero fruttare almeno due marchi energetici, spetterà al governo. Lo schema è stato introdotto dal precedente governo italiano dopo la prima chiusura, per riavviare il vacillante settore delle costruzioni.

Da allora, secondo i dati dei quotidiani, il governo lo ha fatto Corriere della Sera Spesi 16,2 miliardi di euro. Il governo Draghi ha deciso di proseguire la politica nel 2022 e sta rifinanziando parzialmente il bonus costruzione di circa 14 miliardi di euro dal Fondo Europeo di Sostegno al Corona.

Il bonus offre ai proprietari di case l’opportunità di detrarre il 110 percento dei costi di ristrutturazione dalle tasse. Ma un percorso diverso è spesso più economico. Invece di detrazioni, i proprietari possono anche trasferire i benefici fiscali ai costruttori, che in cambio offrono sconti significativi (fino al 100%) sul loro lavoro. Le società possono quindi detrarre esse stesse il credito d’imposta o, a loro volta, venderlo alle banche.

Lo schema offre molto spazio alle frodi, come la Guardia di Finanza italiana vede più e più volte. È relativamente facile scrivere bollette molto alte e ottenere crediti d’imposta extra, anche se ora sono in atto controlli più severi dopo così tanti scandali.

Ad esempio, la scorsa settimana il Fisco ha sequestrato a Napoli 110 milioni di euro di credito sospetto. Il direttore del Fisco italiano ha dichiarato fino a novembre di aver scoperto una frode del valore di 950 milioni sotto forma di superbonus e simili sussidi di costruzione. I critici affermano anche che la possibilità di rivendere il credito rende la super ricompensa uno strumento popolare per i riciclatori di denaro.

burocrazia ostacolata

Ma oltre agli abusi e all’aumento dei prezzi nel mercato dei materiali, l’architetto Zanca vede nella politica un effetto praticamente indesiderabile: “Poiché il lavoro è quasi gratuito e il governo paga, le persone ora consentono anche alle persone di fare cose a cui non avrebbero mai accesso a. . Ho fatto diversamente. Sostituzione di finestre di due anni ad esempio; Soldi sprecati e non sostenibili.

Zanca riceve sempre più richieste dai “clienti super bonus”, ma anche per questo spesso rifiuta. Inoltre, la routine rende il lavoro poco attraente per lui: questo progetto ha richiesto più di un anno per essere preparato, molto più tempo della ristrutturazione stessa. È iniziato a settembre e dovrebbe essere completato prima della stagione estiva.

Anche il tetto di Villa I Noccioli è coibentato.  Statua di Max Entresano

Anche il tetto di Villa I Noccioli è coibentato.Statua di Max Entresano

E poi è ancora relativamente semplice, con un solo proprietario. Nei condomini, il sindacato dei proprietari deve riunirsi ad ogni decisione e il sistema dei bonus spesso si blocca in un vicolo cieco. Per Zanca questo è un motivo per non ristrutturare gli appartamenti con bonus e per non iniziare a ristrutturarli nella sua casa di Roma.

L’anno scorso il governo ha attuato un’importante riforma per razionalizzare le indennità di costruzione, ma a dicembre è stata approvata un’ordinanza antifrode, che a sua volta richiede ulteriori misure di controllo. Come in altre regioni d’Italia, anche qui la scelta sembra essere tra una burocrazia paralizzata o una giungla senza legge dove bisogna accettare abusi su vasta scala.

adesivi energetici

Zanka e molti dei suoi colleghi non sono così entusiasti come il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans ha parlato a dicembre del bonus edilizio italiano, che dovrebbe contribuire a nessuna casa nell’UE con etichetta energetica G entro il 2030.

Non fraintenderlo: l’Italia è molto indietro nell’energia verde e quindi ha bisogno di recuperare, concorda Zanca, mentre sfoggia con entusiasmo le quattro caldaie elettriche per il riscaldamento e indicando la zona in cui saranno installati presto i pannelli solari.

“L’idea del superbonus è comprensiva, ma lo Stato paga troppo”, dice l’architetto, che vede meno problemi con altri regimi con agevolazioni fiscali inferiori. Non è l’unico a pensare in questo modo, perché la taglia verrà gradualmente eliminata nei prossimi anni.

Inoltre, appuntare sulle etichette energetiche non fornisce sempre il giusto incentivo. Prendi questo vecchio casale, per esempio, le cui pareti non possono essere isolate per esigenze di lusso. L’architetto dice casualmente che l’isolamento del tetto non ha senso in termini di efficienza energetica, perché solo un sottotetto non occupato perde meno calore in questo modo. “Stiamo facendo questo in modo che la casa salga di una classe energetica aggiuntiva secondo il programma”.

READ  La Banca centrale europea sta girando in un vortice inflazionistico

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24