Il rischio di sviluppare demenza può essere presente in tenera età

I ricercatori sospettano che lo sviluppo della demenza in tenera età non sia necessariamente determinato geneticamente.Immagine di Getty Images/SciencePhotoLibra

La demenza colpisce più spesso le persone anziane, ma sono affette dalla malattia anche tra 14.000 e 17.000 persone di età inferiore ai 65 anni. Ogni anno vengono aggiunti circa 1.250 pazienti. “La demenza ha un impatto diverso su queste persone. Spesso continuano a lavorare e ad avere figli piccoli”, afferma Stevie Hendricks, ricercatrice presso l'Alzheimer's Center Limburg dell'Università di Maastricht.

Dal 10 al 20 per cento di questi giovani pazienti hanno una predisposizione genetica alla demenza. Ma non si sa cosa causi la malattia nel restante 80%. Ecco perché l'Università di Maastricht ha analizzato altri quaranta fattori che potrebbero aumentare il rischio.

La ricerca mostra che parte del rischio può essere influenzata. Esiste una relazione tra malattia e isolamento sociale. «Non sappiamo esattamente perché ciò accada, ma per alcune di queste persone avere una maggiore interazione sociale, ad esempio l'adesione ad un'associazione, può aiutare.

La depressione può essere collegata alla demenza

La depressione può anche essere associata a demenza in tenera età. “È normale che la depressione colpisca il cervello. Ciò può anche aumentare il rischio di demenza, ma dobbiamo indagare ulteriormente su questo aspetto”.

I ricercatori hanno anche scoperto che la carenza di vitamina D e i danni all’udito erano associati ad un aumento del rischio di demenza. Inoltre, sempre più persone che soffrono di vertigini sviluppano rapidamente la malattia. “Sappiamo che quest'ultimo a volte è una caratteristica precoce del morbo di Parkinson. Ha a che fare con il flusso sanguigno alla testa”, spiega Hendricks.

È interessante notare che uno stile di vita inadeguato, caratterizzato da un’alimentazione non salutare e dalla mancanza di esercizio fisico, non porta necessariamente a un aumento della demenza in tenera età. Questi sono importanti fattori di rischio per lo sviluppo della malattia nelle persone anziane. Hendricks: “Sembra che lo stile di vita richieda più tempo prima di iniziare a svolgere un ruolo nella demenza”.

Ulteriori ricerche per comprendere meglio i rischi

Per comprendere meglio come aumenta il rischio di demenza, l’Università di Maastricht condurrà ulteriori ricerche. I ricercatori vogliono poi esaminare il ruolo dei geni e di questi nuovi fattori. Sperano di trovare modi per ritardare la malattia nelle persone i cui geni sono determinati a sviluppare la demenza. Se i pazienti hanno una predisposizione genetica, ma non necessariamente sviluppano la malattia, sperano di ridurre il rischio.

“Sarebbe fantastico se potessimo presto creare un profilo per ciascun paziente per ridurre il rischio di sviluppare demenza in tenera età. E per sapere, ad esempio, che gli apparecchi acustici o un buon trattamento per la depressione aiutano.”

READ  L'ebola a volte dorme nelle persone per anni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24