Il secondo aggiornamento | “Il dipartimento in F1 sullo stato della Red Bull Powertrains, la Ferrari preferirebbe non usare il veto”

La Ferrari non è contenta di dare lo status di nuovo arrivato a Red Bull Powertrains al cambio di regole del 2026 e minaccia di porre il veto. La scadenza per l’iscrizione dei produttori di motori per il 2026 è già passata, ma la Ferrari deve ancora mettere il suo nome sulla carta. Il team italiano non ritiene giusto che la Red Bull Racing possa effettivamente utilizzare il know-how tecnico della Honda e ottenere più budget e più tempo sul banco di prova per il 2026.

Secondo il generalmente ben consolidato La filiale italiana di Motorsport.com La Ferrari vuole porre il veto. Il team italiano non ha ancora firmato il regolamento motori 2026, anche se il termine è già scaduto. A Maranello non piace che la Red Bull Powertrains venga vista come un nuovo costruttore di motori. In questo modo il team austriaco può sfruttare le concessioni che sono state fatte, proprio come Audi.

La Ferrari indica la collaborazione con la Honda

Tre parti sono attualmente registrate, vale a dire Mercedes, Audi e Red Bull Powertrains. Mentre gli ultimi due stanno traendo alcuni vantaggi, la Ferrari ritiene che la Red Bull stia già beneficiando abbastanza del suo rapporto con la Honda. Il produttore giapponese di motori supporta il team di Max Verstappen e Sergio Pérez fino al 2025. Inoltre, c’è la possibilità che la Honda rimanga collegata alla Red Bull e fornisca il lato tecnico della fonte di alimentazione, anche se altre fonti parlano di Cooperazione tra Red Bull e Ford.

“La Ferrari teme che il campione multimarca ottenga un vantaggio tecnico attraverso tutte le concessioni”. Ciò offre a Red Bull Powertrains più budget e più tempo per testare la fonte di alimentazione. Quindi la scuderia italiana vuole reprimere. “Spesso la Scuderia interiorizza le sue scelte politiche, ma questa volta la squadra vuole davvero arrivare al tavolo”. Nel 2021 è stato deciso che la Ferrari manterrà il suo potere di veto, rendendo la squadra italiana l’unica squadra con tale potere.

READ  Fonti affermano che la TIM italiana si sta orientando verso KKR per i colloqui di vendita della rete

Aggiornamento 8:35 (21/12) | “Ferrari non pone il veto, ma restano i timori per la situazione Red Bull Powertrains”

La Ferrari non porrà il veto ai regolamenti sui motori per il 2026. Il team italiano non ha ancora firmato come produttore di motori per la stagione 2026, con il team che ha problemi con lo status di nuovo arrivato Red Bull Powertrains. La Ferrari è ancora preoccupata per lo stato della divisione motori della Red Bull Racing, quindi le discussioni sono ancora in corso.

La scadenza per la registrazione delle risorse del motore è passata da un po’ di tempo, ma questo vale solo per i nuovi arrivati. Pertanto, Audi, Red Bull Powertrains e Honda sono registrate correttamente. Anche Renault e Mercedes si sono iscritte, puramente formali. Solo la Ferrari è attualmente indietro, ma la squadra non userà il suo diritto di veto e di solito è ben informata Formula1a.uno. Tuttavia, permangono preoccupazioni sullo stato di Red Bull Powertrains.

La divisione motociclistica della scuderia austriaca ha naturalmente alcuni vantaggi con il suo status di nuovo arrivato. Ad esempio, il limite di budget è un po’ più alto e anche i Red Bull Powertrain hanno più tempo per il rig. Secondo Ferrari, non è del tutto giusto che la collaborazione con Honda sia stata prolungata fino al 2025. Inoltre, il team, e Mattia Binotto in particolare, sta mettendo in discussione anche il regolamento tecnico. Tuttavia, l’ingresso della Ferrari nel 2026 non ha dubbi.

Secondo aggiornamento 15:30 (04/01) | “Il dipartimento in F1 sullo stato della Red Bull Powertrains, la Ferrari preferirebbe non usare il veto”

La Ferrari non è ancora contenta di posizionare Red Bull Powertrains come nuovo arrivato per la stagione 2026. La filiale italiana di Motorsport.com Addirittura afferma che il vertice della scuderia sta valutando un veto, pur preferendo un compromesso. Allo stesso tempo, è stato confermato che la Ferrari non è stata invitata a un incontro tra i due produttori di motori.

READ  Doi Draisma "University Prevost" dell'amico Gerrit Kroll. "Ha creato meravigliose metafore nel modo meno appariscente possibile" | Devo Kroll (Parte 7)

La Ferrari attualmente sembra essere l’unico produttore di motori con problemi nel caso della divisione motori della Red Bull Racing. La scuderia italiana sembra aver ignorato il veto, ma la scelta è tornata sul tavolo. Tuttavia, la Ferrari vuole garantire che non ci sia una maggiore divisione nello sport. Quindi la Ferrari spera soprattutto di trovare una soluzione che soddisfi tutti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24