Il sindaco francese gestisce la sua città dalla prigione

Un sindaco francese imprigionato per stupro continua a dirigere la sua città. Aveva annunciato dalla sua cella che “comunica quotidianamente con i membri del consiglio e riceve visite settimanali dal personale”.

Dice di essere politicamente attivo dietro le sbarre a tempo pieno. “Passo tutto il mio tempo a gestire la nostra chiesa”.

Si tratta di George Tron, l’ex ministro degli esteri di 63 anni e sindaco di destra di Driville, una città di circa 30.000 abitanti a sud di Parigi. È stato condannato in appello a febbraio per stupro e violenza sessuale.

Abuso di potere e autorità

Nella sua sentenza, il giudice ha sottolineato il fatto che la vittima era un dipendente del municipio. La violenza sessuale si è verificata “durante l’orario di lavoro, nei luoghi di lavoro, con il sindaco che abusava della sua autorità e autorità”.

Tron è stato condannato a tre anni di prigione e altri due anni in libertà vigilata. Inoltre, potrebbe non candidarsi alle elezioni per sei anni.

Il sindaco insiste che è innocente. Ha presentato ricorso in cassazione. Tuttavia, il giudice ha rifiutato di rilasciarlo nel frattempo, per la gravità dei fatti. Da allora, Tron è stato in prigione a Parigi.

“Io resto e basta.”

Poche settimane dopo la sua condanna, il consiglio comunale si è riunito per la prima volta. Ce n’era uno Lettera del sindaco (.pdf) Leggere e scrivere nella sua cella. “Ho contatti quotidiani con i miei colleghi, membri del consiglio di amministrazione, e continuerò a esercitare il mio lavoro di sindaco”, ha detto.

Sul sito web del comune di Draveil, vedi, sorridente nella foto, ancora in piedi Elencato come sindaco. All’inizio di questo mese è stata pubblicata una newsletter per i residenti al comune. In esso, Tron spiega in dettaglio le azioni che intraprenderà e porterà in città, dalla prigione.

READ  Ancora attacchi a Israele e Gaza, la casa del leader di Hamas preso di mira

Ecco perché ieri sera si è svolta una manifestazione. Cittadini arrabbiati si sono riuniti in un comitato di lavoro. Sono scesi in piazza vestiti da galline. Fingevano di attaccare un uomo con il becco che indossava un costume da “gallo” con una maschera di George Tron sul viso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24