Il Sud Italia desidera il Fondo europeo di ripresa

È molto simbolico. Tre quarti di secolo dopo che il medico e scrittore Carlo Levy scrisse il suo famoso atto d’accusa per aver trascurato l’Italia meridionale, il libro Cristo non è andato oltre Eboli, Puoi aggiornarlo facilmente: il treno ad alta velocità non va oltre Salerno.

La città portuale di Salerno si trova un po ‘più a nord, a mezz’ora di macchina da Eboli. Il Mezzogiorno, nome collettivo del Sud, è ancora una regione sottosviluppata. Le scuole sono peggio, così come le strade, le ferrovie, le case e le cure. Il tenore di vita e le aspettative sono inferiori, la disoccupazione e la mortalità infantile sono più elevate. Un laureato su tre se ne va. Non c’è un grande divario tra le regioni in nessun paese dell’Unione europea.

Per decenni, gli investimenti pubblici nel sud sono rimasti indietro nel nord. Ma ora c’è una sorprendente possibilità di un’azione di recupero. Miliardi di prestiti e sovvenzioni europei nel fondo di recupero sono destinati a investimenti strutturali per aumentare le prospettive di crescita. Questo è esattamente ciò di cui ha bisogno il sud, dove vive più di un terzo degli italiani.

Leggi anche questo articolo: Può il fondo di recupero ridisegnare e aggiustare l’Europa?

Se ne parli a persone a caso per strada in un breve viaggio a Salerno, Potenza e Bari, le idee sono altrove. L’angoscia immediata causata dalla pandemia di Corona è ancora molto grande e la frustrazione è troppo grande. “Dobbiamo pensare prima di tutto ad aiutare tutte le decine di migliaia di persone che hanno avuto poco reddito in questi mesi”, dice Carmen, un’insegnante neo-nata che non ricorderà il suo cognome, a Salerno. Ma imprenditori e amministratori sperano che il fondo per la ripresa rappresenti una svolta nel dramma del Mezzogiorno. Gli economisti chiedono una grande riflessione: non è questo il momento di provare a seguire l’esempio della Germania post-unificazione?

L’economista napoletano Luciano Brancaccio dice che ci sono differenze. La Germania ha investito di più all’Est di quanto l’Italia voglia ora al Sud. Il divario tra nord e sud in Italia risale a molto più lontano di quello tra est e ovest in Germania. “Ma è un confronto illustrativo”, dice. Ci ricorda che abbiamo un’opportunità storica. Mostriamo ora molta ambizione “.

infrastruttura

All’arrivo a Salerno, era ora di festeggiare. I fuochi d’artificio esplodono nel cielo o nelle case colpite duramente. Auto e scooter si muovono avanti e indietro sul viale lungo la baia. La città uscì in massa e tutti indossarono qualcosa di viola. “Dopo 23 anni siamo finalmente tornati in Prima Divisione”, ha detto un tifoso della Salernitana da dietro il paradenti. “Siamo tornati con gli adulti.”

Nel suo ufficio nella zona del porto, Agostino Gallozzi ha sorriso in risposta alla domanda se questo fosse un presagio di ciò che la scatola di recupero poteva significare. “Speriamo di sì”, dice cautamente. La compagnia di navigazione Gallozzi è nata nella spedizione di pomodori in scatola (“i minatori lo adorano così tanto a Liverpool e Birmingham”), con uffici in Cina e Turchia, e si sta preparando per un’ulteriore espansione in Germania, Spagna e Stati Uniti.

READ  Mark Zuckerberg scommette $ 1 miliardo su Metaverse

“Le infrastrutture sono la chiave per lo sviluppo nel sud”, ha affermato il CEO di Gallozy. Perché il treno ad alta velocità si ferma a Salerno, mentre sono ancora a più di quattrocento chilometri dalla punta dello stivale italiano, per Reggio Calabria e la traversata per la Sicilia? Perché fino a pochi anni fa non esisteva un’autostrada comoda oltre quel punto? Perché non ci sono buoni collegamenti tra Est e Ovest tra il Mar Tirreno e il Mar Adriatico? Possiamo integrare meglio il sud con migliori infrastrutture. Questa è la premessa per lo sviluppo in un mondo basato sulla circolazione delle persone e delle merci “. Per questo non bisogna chiedersi subito quante persone ci sarebbero su un treno così ad alta velocità diretto a Reggio Calabria. il breve termine. Si tratta di creare opportunità per lo sviluppo a lungo termine “.

Ponte danneggiato a Potenza.
Fotografia di Evan Romano

Non sta solo pensando esplicitamente a percorsi migliori per i camion, che difficilmente possono incrociarsi a vicenda sulla strada di accesso al porto. Strade, ferrovie e, ultimo ma non meno importante, una buona Internet è importante, ma una migliore istruzione è altrettanto importante. “Siamo in ritardo nel capitale umano. Dobbiamo aumentare il livello di istruzione di base e prestare maggiore attenzione agli studi tecnici. Dobbiamo investire in infrastrutture e persone”.

Ed è possibile, l’ha visto lui stesso a Rostock, nell’ex Germania dell’Est. “Tutte le nostre gru sono prodotte a Rostock. Sono stati investiti molti soldi in essa, ma ora funziona lì. Non dobbiamo sprecare questa opportunità. In definitiva, dovremmo essere in grado di ripagare tutti i prestiti che prendiamo ora nel fondo per il recupero. Quindi dobbiamo crescere. Dobbiamo. Recuperare l’idea che siamo i padroni del nostro futuro “.

Digitalizzazione

La doppia strada per Potenza vi porta via Eboli attraverso le verdi colline della Basilicata. Terreno accidentato, strade che spesso si restringono a un doppio binario a causa del marciume visibile nel cemento. Diversi mulini a vento ruotano costantemente, nuvole di pioggia sulle pendici dell’Appennino. La stessa Potenza, costruita su una collina, non ha molto da offrire tranne che per il centro storico. Brutti appartamenti a molti piani e case fatiscenti. L’ascensore pubblico che porta le persone alla piazza del mercato centrale è sporco. Questa “città delle scale” vanta la rete di scale mobili più lunga d’Europa, ma molte di esse esistono ancora. Il denaro non circola in questo capoluogo regionale.

All’interno del moderno ufficio dell’amministrazione regionale, il dipendente del governatore si è scusato due volte. Primo, che l’appuntamento con il capo non poteva avvenire e secondo che l’edificio aveva poco fascino. “Ma ci compensiamo con un sacco di arte moderna al suo interno”, dice.

READ  Dopo l'omicidio di Coles: la fine di una generazione

Gabinetto italiano Ha un business plan Abolire l’appiccicosa burocrazia della pubblica amministrazione.

Anche le infrastrutture e l’istruzione sono centrali per la prospettiva dei funzionari politici del sud. Ma il dipendente, che dice di parlare a nome del governatore ma non vuole il suo nome sul giornale, aggiunge subito un terzo elemento: la digitalizzazione. E non è solo per comodità e velocità. “Aiuta a combattere la corruzione”, dice, “perché rimuove la libertà di azione del funzionario che deve prendere le decisioni”. “Esempio: ora possiamo ordinare le vaccinazioni online. È un diritto stipulato nelle procedure digitali. Non è necessario chiedere il servizio al proprio medico o a qualsiasi politico”.

Un altro effetto collaterale: la digitalizzazione centralizza il processo decisionale. Le procedure sono registrate a livello centrale. “Uno dei maggiori problemi che il governo locale deve affrontare è che molte persone hanno vecchie competenze”, dice. “Il fatto che molti progetti siano bloccati nel sud non è perché non ci sono soldi, ma perché spesso non ci sono buoni piani di attuazione. Il governo locale spesso non può farcela”.

In qualche modo, dice, la Cassa del Mezzogiorno ha bisogno di un aggiornamento da un periodo “buono”. Die Cassa era un fondo statale che investiva nel Mezzogiorno fondato nel 1950. Economisti come il napoletano Brancaccio affermano che nei primi due decenni da allora questo diede un forte impulso alla crescita del Mezzogiorno. Ma le cose iniziarono a peggiorare intorno al 1970. L’industria pesante, che aveva fatto molti investimenti, ebbe problemi. Inoltre, i cristiani democratici al potere stanno iniziando a utilizzare i soldi per il clientelismo e il consumismo piuttosto che per gli investimenti. Il fondo è stato gradualmente eliminato e chiuso nel 1992.

Per evitare lacune nel governo locale, Brancaccio sostiene anche la direzione centrale, a Roma, dei progetti di fondi di recupero nel sud. Il Consiglio regionale della Basilicata può generalmente essere d’accordo su questo, purché sia ​​fatto con una buona consultazione. Mentre uscivamo dall’edificio, il dipendente ha detto con calma: “Quasi tutti qui sono stati assunti solo perché conoscevano qualcuno, un contatto o un amico.

HSL è nella lista dei desideri

Aliiano, a sette quarti di macchina a sud, è il luogo in cui lo scrittore Carlo Levy, negato dal regime fascista, fu in esilio per quasi due anni prima che gli fosse permesso di andare in Francia nel 1936. Ma il viaggio va a Bari, prima su due corsie attraverso le montagne, poi su strade più larghe nella piatta Puglia, il tacco della scarpa italiana.

Questa è la migliore regione economica del sud. I turisti hanno scoperto ottocento chilometri di costa – e molti olandesi hanno comprato una casa qui negli ultimi anni, il calciatore Frenkie de Jong ha celebrato una vacanza qui lo scorso anno. C’è un centro di conoscenza per i viaggi nello spazio. Ma il traffico ferroviario lungo la costa adriatica a nord continua ad essere ostacolato da un tratto di 23 chilometri di single track e tunnel che i container da 45 piedi normalmente utilizzati non possono attraversare. Ecco perché la linea ad alta velocità è in cima alla lista dei desideri della Puglia. Un fondo di recupero prevede una ferrovia più veloce tra Napoli e Bari, ma nulla è stato ancora definito per quanto riguarda l’HSL lungo le città della costa adriatica, da Bari a Bologna.

READ  La media company Berlusconi risolve anni di controversie con i francesi

Leggi anche questo rapporto del 2018 sugli italiani e sui loro treni ad alta velocità: Davvero: l’Italia è in prima linea nell’HSL

“Fondamentalmente, vogliamo attuare la costituzione”, ha detto Claudio Stefanazi, capo del gabinetto del governatore distrettuale. “Dice che tutti gli italiani hanno diritto allo stesso beneficio da parte dello Stato. Allora perché gli studenti del nord vanno a scuola tutto il giorno e le persone qui devono prendersi un giorno libero per andare a prendere i figli? Perché ce ne sono così tanti di meno l’assistenza pubblica all’infanzia al sud che al sud? “Nord? Perché ci sono meno soldi per la cura pro capite qui che al nord? ”

Per riassumere le ambizioni della Puglia, dice: “Vogliamo essere in grado di competere sulla base di buone strutture. Vogliamo avere parità di condizioni con le altre regioni d’Europa. Ora la disparità tra cittadini del sud e cittadini del il nord è molto grande. “

I tifosi della Salernitana festeggiano la promozione del loro club a Salerno.
Foto Getty Images

Capacità di produzione non sfruttata

Treni e strade migliori, scuole migliori, digitalizzazione, ambiente di vita migliore: questi gli obiettivi principali del Sud con i fondi del Recovery Fund. L’economista Brancaccio riassume: Investire in infrastrutture e capitale umano. E il problema della mafia? La criminalità organizzata nell’economia da tempo ha cessato di essere un problema solo per il Sud. È un vero problema in tutta Italia, ma non deve diventare una scusa per non investire. Siamo in grado di affrontare il rischio di infiltrazione su grandi progetti con controlli efficaci durante l’implementazione. Infine, tiriamo fuori il tappeto dalla criminalità organizzata affrontando gli arretrati e offrendo alle persone migliori opportunità. Questo è il modo migliore per affrontare la mafia “.

Secondo Franco Giuliano, fondatore di una fondazione che da anni sostiene treni migliori e più veloci, gli investimenti mirati al Sud hanno un valore aggiunto perché il potenziale di crescita è altissimo. C’è molta capacità di produzione non sfruttata. “Potremmo essere la locomotiva d’Italia”, dice. “Il sud ha un potenziale enorme, proprio perché per tanto tempo è stato lasciato al proprio apparato”.

Leggi anche com’è la mafia Sulla linea di collegamento– e cosa puoi fare al riguardo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24