Il Suriname blocca il legno raccolto illegalmente per la Cina | Problemi finanziari

È un altro caso di disboscamento, dopo che negli ultimi anni le autorità hanno rintracciato anche rami di alberi abbattuti illegalmente.

Le autorità del Suriname sono allarmate dalla caccia da parte della Forest Management and Forestry Stewardship Corporation e della “brigata volante” istituita dal presidente Santokhi: tutti i container sono stati sigillati nel porto di Joule in Suriname, a Sydney, che è solo per la dogana.

truffa

“Ciò indica che diversi circoli sono coinvolti in questa attività illegale che si svolge da anni”, ha detto il quotidiano locale Waterkant.

Quaranta contenitori su cento erano stati aperti il ​​giorno passato e sono stati riempiti di legna raccolta. Il resto è ora oggetto di indagine.

Il prezzo del legno è ai massimi storici e la domanda di legno trattato è elevata in tutto il mondo.

Secondo De Ware Tijd, i pubblici ministeri del Suriname stanno indagando sull’origine del disboscamento. I dipendenti di diversi dipartimenti governativi sono sospettati di essere coinvolti nella frode del legname, poiché le parti non possono lasciare il porto senza il loro controllo.

I media locali hanno riportato alcune minacce nei confronti dei doganieri e della Brigata Volante durante le ispezioni. Ricevono una chiamata minacciosa per non indagare.

Interni imbrogliati

Secondo questa brigata volante corrispondente al canale ABC, sui documenti doganali viene spesso dichiarato meno di quanto effettivamente spedito per l’esportazione.

Secondo i media surinamesi, l’uomo d’affari cinese che voleva esportare legno è ora il principale sospettato.

Nel 2018, una troupe televisiva tedesca ha rivelato come il legname del Suriname venga inviato in Cina a un prezzo inferiore a quello di mercato, il che danneggerà principalmente la popolazione interna.

READ  Biden e Merkel litigano per l'oleodotto russo all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24