Il tassista Roberto Mantovani vuole pagare correttamente le tasse e questo lo rende così odiato dai suoi colleghi

Non è un segreto di Pulcinella che il settore dei taxi in Italia stia facendo molta evasione fiscale. Un tassista di Bologna risolve il problema svelando il suo reddito sui social. Prende alla leggera le minacce. “Abbiamo un buon lavoro e guadagniamo bene.”

Rosa Van Cool

A prima vista, Roberto Mantovani (54 anni) sembra un tassista come migliaia di altri in Italia: testa calva, jeans e una Volkswagen bianca, con la quale percorre le strade della sua amata Bologna quattro o cinque sere a settimana. Eppure rimane un solitario nel settore dei taxi italiano, profondamente detestato da molti dei suoi colleghi. L'anno scorso qualcuno forò addirittura le gomme del suo taxi. La ragione? Pochi giorni fa, 1 maggio 2023, Mandovani ha iniziato a postare sui social i suoi guadagni giornalieri dal tavolo della sua cucina nel centro di Bologna.

Non solo segnala quanto incassa per servizio, ma anche quanto viene pagato e quanto viene pagato con carta di debito. La sua campagna per la trasparenza offende i suoi colleghi perché attira l'attenzione sulla massiccia evasione fiscale da parte dei tassisti italiani. In media, negli ultimi anni hanno dichiarato al fisco circa 15.000 euro di reddito, un misero e più realistico 1.250 euro al mese.

Circa l'autore
Rosa van Kool è corrispondente da Italia, Grecia e Balcani D Volkskrant. Vive a Roma.

Ecco come funziona, ha spiegato la cosa un tassista quasi in pensione recentemente ripreso di nascosto dalla televisione italiana. Un giornalista sotto copertura si finge acquirente, interessato a rilevare una licenza di taxi. L'anziano gli ha spiegato cosa è comune: quando ricevi dagli 800 ai 1.000 euro di pagamenti elettronici in un mese, dici ai clienti, soprattutto stranieri, che la batteria del bancomat è scarica. Il resto scompare nelle tue tasche come contanti e nero.

READ  Pericolosa ricerca Italia dopo dramma valanga: 'corpi maciullati'

Raramente controlla

Solitamente un tassista viene sottoposto al test ogni quindici anni, spiega Mantovani. “Allora paghi una multa di 10mila euro, ma costa meno che pagare le tasse per quegli anni.” Come nel pezzo con la telecamera nascosta, Mandovani, dove i colleghi si scambiano spiegazioni, è una pratica comune in quasi tutta Italia. La più grande cooperativa di taxi bolognese, Cottabo, alla quale è affiliata anche la Mantovani, non ha risposto alle domande. D Volkskrant Elusione fiscale e preferenza per i pagamenti in contanti tra i loro membri.

La massiccia evasione fiscale da parte dei tassisti non è proprio un segreto, ma l'azione di Mandovani offre alle autorità fiscali uno sguardo doloroso su quanti soldi stanno perdendo. Ha convertito in media 410 euro a servizio. L'anno scorso il suo guadagno totale è stato di 82.926 euro, lavorando in 202 giorni. Mandovani si affretta a sottolineare che, come ovviamente per le tasse finali, molti costi (carburante, manutenzione, contributo alla centrale, licenza taxi) devono ancora essere eliminati. “Ma comunque: abbiamo un buon lavoro, guadagniamo bene.”

I suoi colleghi non gli hanno permesso di trasmettere correttamente il messaggio. La lobby dei tassisti è forte in Italia. Continuano a trasmettere il messaggio che i tassisti lavorano duro per pochi soldi, osserva Mandovani. «I tassisti si lamentano sempre. Per evitare che i politici li attacchino, fingono di essere poveri e senza valore.'

I taxi sono scarsi

Oltre all'evasione, c'è un altro problema nel settore taxi italiano: la carenza di taxi, soprattutto a Roma e Milano. L’Italia opera con un sistema di licenze, quindi in caso di carenza, i comuni possono teoricamente rilasciare più licenze. In pratica si tratta di un processo lento e burocratico che incontra anche grandi resistenze sul campo: dopotutto porta a più concorrenza e quindi a nessuna garanzia per i clienti. Ogni volta che una città vuole rilasciare più licenze, i sindacati dei taxi indicono uno sciopero. La settimana scorsa si è svolto a Roma il primo sciopero di 24 ore dell’anno.

In pratica, il modo più comune per diventare tassista è acquistare la licenza, come fece Mandovani nel 2016. Ha deciso di investire il ricavato della vendita della casa dei suoi defunti genitori in una licenza di taxi, che ha acquistato da un collega in pensione per 240.000 euro. Licenze costose Una ragione comprensibile per cui i tassisti si oppongono al rilascio di nuove licenze: la paura della svalutazione.

È un grosso investimento, ammette Mandovani, ma gli sta dando i suoi frutti. Quando inizia il suo turno, ha già pronte trenta richieste di corsa attraverso la sua centrale di taxi cooperativa. 'Il cliente non è un problema. Al contrario, è difficile interrompere il lavoro alla fine di un turno.'

Operazione Kamikaze

Oltre alle gomme a terra, Mandovani ha ricevuto a casa sua tonnellate di insulti digitali, minacce e una busta piena di feci. I suoi figli adulti a volte si preoccupano per la sua sicurezza. I messaggi di sostegno ricevuti dai colleghi del Paese si contavano sulle dita di una mano e non sono stati resi pubblici.

Ma il tassista è arrabbiato quanto i suoi colleghi, mentre segnala le irregolarità, e il mondo esterno risponde positivamente e con gratitudine. “Un italiano modello”, lo ha definito un politico del Partito Democratico di centrosinistra in un intervento parlamentare. Non ha ancora ricevuto un ringraziamento dal Fisco o dalla Guardia di Finanza per il suo gesto, ride Mantovani.

Inoltre, il tassista ammette liberamente che quando vede quante tasse deve pagare, a volte si chiede perché chiama la sua “azione kamikaze”. “Ma è la cosa giusta e ci si sente bene.” Poi guarda l'orologio. Venerdì pomeriggio, quattro e mezza. È ora di tornare sulla sua macchina bianca. Ama la notte e soprattutto il venerdì. «Poi la gente esce con i propri amici. A fine serata, conversazioni tra cinque o sei donne…', sorride ampiamente. I colleghi non ne vogliono sapere, ma Mantovani è, nonostante tutto, ancora un tassista felice.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24