In questo villaggio palestinesi ed ebrei convivono in pace: “Questo è il momento della verità”.

Al confine con la Cisgiordania, circondato da vigneti viola intenso e campi di papaveri, si trova un remoto villaggio dove ebrei e palestinesi convivono pacificamente. D’estate i loro figli si tuffano insieme nella piscina comune e d’inverno festeggiano insieme le rispettive vacanze.

Sembra l’inizio di una fiaba, come un mondo fantastico, soprattutto dal 7 ottobre, quando è scoppiata la guerra tra Israele e Hamas. Ma questo villaggio esiste già.

Nel 1970, un monaco missionario si stabilì in quella che oggi è chiamata Oasi di Pace di Neve Shalom. Vedeva un “deserto di conflitto” e voleva un cambiamento, dice Ed Domeris della Dutch Friends Foundation della città. Così fondò “Oasi di Pace”, che è una traduzione del nome arabo/ebraico del villaggio. Fino al 2010 il nome ebraico era preceduto da una barra. Ma dopo quarant’anni, i residenti sentivano che il ruolo della lingua araba era venuto prima.

Dei 500 abitanti, circa la metà sono palestinesi (con passaporto israeliano) e l’altra metà sono ebrei israeliani. Il villaggio mantiene volutamente questo equilibrio in questo modo. Per poter vivere lì, devi essere accettato da un comitato di selezione. Il criterio più importante? Non solo dovresti voler vivere a Neve Shalom per le grandi case o le ampie vedute, ma dovresti anche lottare veramente per gli ideali del villaggio: uguaglianza, giustizia e pace per ebrei e palestinesi. Pertanto, il comitato ricerca una profonda preferenza per la democrazia e il dialogo tra i candidati.

Dopo un periodo di prova, i residenti votano se il nuovo residente può restare o meno. “A volte, il villaggio ha votato contro la decisione”, ha detto a RTL News Samah Salami, residente e portavoce del villaggio. “Questa persona non si adattava bene al villaggio, o pensava alle scatole più di quanto avessimo sperato.” Ma, dice Salami, le cose vanno bene nella stragrande maggioranza dei casi.

READ  Lukashenko: Potremmo aver aiutato gli immigrati | All'estero

Spaventato e traditore

Poi è arrivato il 7 ottobre. Mentre l’ideale della pace in un paese così profondamente diviso è sempre stato “un duro lavoro”, secondo Salaima, gli attacchi di Hamas e i successivi attacchi aerei e terrestri israeliani hanno accresciuto le tensioni tra gli abitanti dei villaggi.

Quasi tutti hanno parenti o amici fuori dal villaggio. Amici ebrei sono stati uccisi nell’attacco al loro kibbutz e i residenti palestinesi hanno perso le loro famiglie a Gaza. “Soprattutto in quei primi giorni, le persone si sentivano spaventate e tradite”, dice Salami.

Per Neve Shalom è arrivato il “momento della verità”, dice Linda Rose Smit della Dutch Friends Foundation. “La disponibilità al dialogo degli abitanti dei villaggi viene messa alla prova”, afferma.

La Friends Foundation raccoglie donazioni e sostiene così il villaggio. Quindi Domris e Smit rimangono in stretto contatto con i residenti. “Puoi avere buone intenzioni e predicare la pace, ma se perdi una persona cara, all’improvviso tutto diventa molto diverso”, dice Smit. “Si sforzano di non lasciare che le loro emozioni prevalgano sui motivi razionali che stanno dietro alla convivenza”.

I fondi raccolti dalla Friends Foundation vanno principalmente alla Peace School. La storia di questo istituto scolastico dimostra come la pace non possa mai essere data per scontata, nemmeno in questo villaggio.

Da tutto il Paese, e anche da tutto il mondo, persone interessate che ricoprono posizioni chiave nella società vengono a questa “scuola”, che offre formazione per attivisti per la pace. “L’obiettivo è coinvolgere il mondo esterno nel villaggio, in modo da poter condividere le nostre conoscenze”, afferma il manager e residente Roy Silberberg.

READ  Sembra che la festa in maschera sia finita per il sospettato sessuale che ha simulato la morte | al di fuori

Durante la formazione si parla del gruppo a cui appartiene una persona, non dell’identità individuale di qualcuno. Ad esempio, viene prestata attenzione alle ineguali relazioni di potere tra ebrei e palestinesi. I partecipanti imparano a pensare in modo diverso alla propria identità e al proprio rapporto con altri gruppi. “Quindi gli estranei si insinuano nella comunità. In questo modo cerchiamo di aumentare la nostra influenza al di fuori del villaggio.”

Pace reciproca

Ciò che è chiaro è che il mondo esterno non è sempre entusiasta del messaggio di Neve Shalom. Tre anni fa, la scuola Al Salam venne data alle fiamme. L’istituto è stato appena ricostruito.

A causa della guerra Silberberg e altri abitanti del villaggio utilizzarono la nuova scuola in modo diverso rispetto a prima. Oltre ai laboratori per gli esterni, la scuola ora organizza anche sessioni di dibattito per la stessa comunità del villaggio.

“I residenti discutono tra loro sotto la guida di un mediatore ebreo e palestinese”, spiega Silberberg. “È un dialogo aperto, in cui i residenti condividono i loro sentimenti e si ascoltano a vicenda.” Un problema, secondo Silberberg, è che gli abitanti dei villaggi si sentono delusi dal fatto che gli altri non siano abbastanza comprensivi per il loro dolore. “L’obiettivo non è cambiare quella delusione, ma sapere da dove viene e come evitare che influenzi le nostre relazioni”.

Silberberg ritiene che ciò sia necessario più che mai. “Il nostro lavoro è fondamentale in questo momento. Sentiamo di poter fare la differenza. O almeno, stiamo facendo del nostro meglio.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24