Insoddisfazione per il sostegno finanziario alla ricerca sulla storia della schiavitù: “Troppo poco” | Notizie RTL

Fino al 2027, saranno spesi complessivamente 375.000 euro per la ricerca sulla storia della schiavitù ad Aruba, Sint Maarten e Curaçao. I ricercatori accolgono con favore il fatto che i fondi verranno stanziati per la ricerca nei Caraibi. Ma dicono che questo importo è troppo piccolo.

Secondo il ministro uscente Robert Dijkgraaf (Scienza), è “essenziale” che la ricerca sulla storia della schiavitù sia condotta da “nuove prospettive”.

Mancanza di fiducia tra la popolazione

La sociologa Paula Kepelaar ritiene che sia di grande valore aggiunto fornire fondi per la ricerca “privata” nei Caraibi. Lei dice che i ricercatori stranieri che vengono a condurre ricerche possono sembrare meno credibili agli occhi dei residenti. “Esiste una barriera linguistica e una barriera culturale. Ciò può influire sulla fiducia o sulla credibilità”.

“I ricercatori che vivono nei Caraibi parlano la lingua e hanno una certa rete di contatti e connessioni”, continua Kepelaar.

Ricerca la storia della schiavitù

Il sociologo Kepelar, ad esempio, racconta l'esempio di uno studio condotto da un ricercatore a Curaçao. “Ha intervistato gli anziani di Curaçao che, ad esempio, erano discendenti di schiavi. Ha intervistato questi anziani su storie legate al loro passato di schiavitù.” Questi ricercatori avevano familiarità con la popolazione locale e parlavano la stessa lingua.

La sociologa Paula Kepelaar

“Sono state condotte molte ricerche sulla storia della schiavitù da parte di persone provenienti da paesi esterni ai Caraibi”, afferma lo storico Koen van Galen dell'Università Radboud di Nijmegen. “Questa non è né una cosa negativa né una cosa negativa, ma crea uno squilibrio”, spiega. “Le persone vengono, si tuffano nella ricerca e poi vanno fuori dai Caraibi per scrivere articoli”.

READ  La FTC accusa Microsoft di aver travisato i piani di Activision Blizzard - Gaming - Notizie

“Fornendo fondi per la ricerca nei Caraibi, le persone che vivono nelle isole stesse hanno l'opportunità di esaminare questioni importanti per loro e per la comunità in cui vivono”, spiega Van Gaalen.

Ma i ricercatori ritengono che l’importo di 375mila euro fino al 2027 per tre paesi sia una cifra molto piccola. “Sono tanti soldi per una persona”, spiega lo storico Van Galen, “Se dovessero essere divisi tra più persone, non rimarrebbe molto”.

Troppo pochi soldi

Anche il sociologo Kepelaar ritiene che questa cifra sia troppo bassa. “I ricercatori oggi devono lavorare insieme”, spiega. “La ricerca vincitrice del premio Nobel implica sempre una collaborazione internazionale”.

Nonostante la cifra che ritiene troppo bassa, Kepelar è disposta a collaborare alle indagini. “Perché è di interesse attuale e sociale. Ma altri ricercatori potrebbero non voler partecipare, con la conseguente mancanza di preziose esperienze e competenze”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24