TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Intermezzo: Pepe Lepre a Pasqua

Non molto tempo fa, prevalevano le quattro stagioni in cucina: cucinare e cuocere erano ciò che era disponibile in natura a quel tempo; Altre verdure, frutta e carne. passato. Abbiamo iniziato a dare una mano alla natura, a riprodurci, riprodurci e crescere tutto l’anno. Abbiamo anche inventato il congelatore e il raffreddamento mobile. I camion refrigerati trasportano il merluzzo da Scheveningen a Napoli e tornano con un carico di orate dal Mar Tirreno. Cosa si chiama ancora fresco? Comunque, sai cosa intendo: Natale alla fragola. Non importa se sa di fragola. Ma sembra super carino su una meringa fatta in casa. Lo spettacolo è tutto … in altre parole: anche l’occhio vuole qualcosa.

Ammetto di essermi abituato a tutto durante tutto l’anno. Mangio i funghi in primavera, mentre quelli (appena raccolti) sono di solito in autunno e le fave in estate. Ma mi attengo ostinatamente ad alcune cose, come solo gli asparagi in tavola quando scendono dal terreno freddo nelle poche (primaverili) settimane in cui si pungono.

Quando sono entrato nel mio negozio di catering / negozio preferito la scorsa settimana, ho comprato un barattolo di pepe di coniglio fatto in casa. Bene, bene, lo so: la natura selvaggia in primavera è diversa da qualsiasi cosa. Era un mostro, perché si abbina così bene ai cavoletti di Bruxelles (questi ultimi?). È davvero un classico piatto invernale, ma ci vuole molto tempo prima che diventi di nuovo inverno. Quindi stasera, c’è il pepe di coniglio nel menu. Curioso …

Mangio carne? Mi chiedo a volte. attualmente si. Con alcune inspiegabili eccezioni: amo i broccoli ma non mi piacciono affatto i broccoli; Ostriche, non cozze. Tranne quel piccolo fungo. Di recente un caro amico belga mi ha consigliato di mangiare le cozze. Secondo lui (e altri) sono migliori quando c’è r nel mese. Sarebbe così, ma anche così la padella di cozze non fa per me. Ma aveva una comoda alternativa: farebbe meglio a bere ‘n Duvel o’ n Chouffe nei giorni che finiscono con g … guarda, posso fare qualcosa al riguardo.

READ  8 cose che non sapevi sulla regina Maxima

Nella raccolta “De kok van Marenbad” del 1953, l’artista linguistico Daan Zonderland ha scritto una poesia su un cuoco che guarda tristemente fuori dalla finestra durante una conferenza culinaria ad Amsterdam; A Rokin e alla vicina Associazione Arti. È ora di partire, titolo della poesia:

è il momento di andare
Il tempo, nonostante le ore,
Tempo anche se artisti
Va ancora verso Artie.

Tutto passa per il mio amore
Niente rimane con il vecchio,
Anche le canzoni che canto
Claude è puro.

Fram è arrabbiato e non scrive più,
Ha scelto un altro ebraico
E hanno amato
Piangi l’uno sull’altro

Piangi e ripulisci la brezza estiva
Fruscio tra le foglie,
Perché il manzo tedesco è rotto
Lo Schnitzelt Vienna.

Con la seconda corona punzonata nel mio corpo, mi azzardo a immaginare di pranzare di nuovo sul lungomare; Su un balcone soleggiato senza vento. All’ombra sparsa di vecchi peri, con compagni di tavola a una carezzevole distanza; Bello e vicino. Pranzo estivo con il meraviglioso Sancerre. O qualsiasi altra cosa … È passato molto tempo dall’ultima volta che siamo stati in grado di mangiare in modo spensierato. Ma lo ricordo chiaramente. Dopotutto, i ricordi fanno parte di un passato offuscato. Non è possibile l’opposto. Non ricordi cosa non è ancora successo. Anche se non so come la vedono i chiaroveggenti.

Molto prima che Corona cambiasse parzialmente le nostre vite, una volta mi sedetti a un mediocre tavolino da caffè, da qualche parte. Seduto accanto a me c’era un uomo che iniziò a dire che sua moglie ricordava qualcosa del passato. “Ha detto che l’ho trattata in modo diverso nei nostri primi appuntamenti rispetto a adesso. Aveva ragione su questo. Così l’ho portata a cena in un ristorante che non potevo permettermi in quel momento. Siamo andati al cinema dopo, e abbiamo bevuto un po ‘dopo, e abbiamo amato l’avventura in macchina, poi l’ho portata dai suoi genitori … “

READ  Un ristorante a tre stelle a New York è diventato vegano

Ci sono quei pasti che ricorderai. Come il compleanno di un caro amico e collega. Parlo di dodici anni fa. A Castel del Piano. Città ai piedi del Monte Amiata, alto 1.700 metri, nell’entroterra italiano tra Grosseto e Orvieto. Là aveva una capanna. Quindici ospiti. La mia signora della tavola si chiamava Katarina, una tedesca di Norimberga. Tre teste più alte di me. Katharina muore Gross, ho pensato per un momento. Era il tipo di madre adottiva degli adolescenti tedeschi difficili da insegnare che vivevano con lei temporaneamente nella sua casa vicino a Castel del Piano.

Nella trattoria locale, ci è stato offerto un pasto “semplice” rustico: un pasto anti-pasto che Madre Teresa avrebbe sfamato per tre giorni in una casa piena di orfani, poi un piatto al cacao con un croccante pezzo di pane appena sfornato, seguito da un piatto di tagliatelle al ragù di salsa e funghi; Salsiccia e funghi. In mezzo, un sorso di Morellino di Scansano rosso della vicina città di Scansano. È l’unico vino italiano con un pizzico di sapore di ciliegia e non le note moderne di mirtillo rosso, limone, lavanda e trucioli di legno tostato. Poi il piatto principale: spinaci freschi, patate arrosto, mayali (maialino) a fette e strisce di manzo arrosto con peperoni verdi. Con l’addio, puoi raggiungere facilmente una torta inzuppata di bevanda del pasticcere vicino all’angolo, caffè e bottiglie di Grappa e Vino Santo. Felici ricordi.

Stasera prima quella lepre al pepe …

Leggi anche: Intermezzo. A tavola con Francis

caro lettore

Meeting Point Asia è un sito web senza pubblicità realizzato interamente da volontari. Tutti i nostri messaggi possono essere letti da tutti. Ma mantenere un sito web come Trefpunt Asia costa denaro; Ci sono costi del software per creare il sito e affittare lo spazio del server da visualizzare. La redazione sostiene questi costi e può avvalersi di un aiuto. Se vuoi aiutare con un (piccolo) contributo, clicca sul bottone rosso in basso a destra nella pagina e fai una donazione, a partire da 3 €. Vorresti aiutare in un modo diverso? Quindi invia una mail alla redazione: [email protected]

Grazie al tuo contributo, Trefpunt Asia può continuare a portare ogni giorno notizie e informazioni essenziali dalla tua parte preferita del mondo.