Intervista a Bo Van Langfield, co-fondatore del marchio di scarpe Baudoin & Lange

Foto: Michael Robert Williams / Londra

Quando era giovane voleva solo una cosa: la corsa. Ha iniziato a fare kart in giovane età, facendo parte dei team ufficiali italiani e riuscendo a vincere due titoli locali. Più tardi, in età adulta, ha guidato una Suzuki Swift e si è fatto un nome negli sport motoristici, come parte del Team Verschuur Racing. Ma come fa un ragazzo del genere a diventare un produttore di scarpe strane?

Da un normale nido

Sebbene sia cresciuto nel villaggio di Vught, non crede di essere nato con un cucchiaio d’argento in bocca. Suo padre era un cardiologo “normale”, mentre sua madre restava a casa con i bambini. Parla con affetto dei suoi genitori, che gli hanno dato così tanta libertà di svilupparsi.

Van Langfield sapeva che voleva entrare nel vasto mondo. Infine ha studiato a New York, Singapore e Harvard. Per i master scegli la London Business School. E da qualche parte nel mezzo, ha anche conseguito una laurea in economia a Rotterdam. Fu solo durante quegli anni accademici che si rese conto che l’imprenditorialità sembrava essere la sua passione.

Sai e la città

Tuttavia, non inizia subito a fare impresa: vuole prima mettere alla prova ciò che ha studiato in tutti quegli anni. Dopo uno stage presso ABN Amro, è finito a Londra presso l’ufficio di private equity del Gruppo Maquarie, dove è diventato analista. Ma presto si rende conto che non ne sarà felice. “Lavorare duro può essere divertente, ma per me dovrebbe avere senso”, dice Van Langfield, che non sente nemmeno il bisogno di stare con i suoi colleghi. “Stai cercando persone che abbiano un po ‘della stessa cultura, ma che abbiano fatto molti passi avanti”. Tuttavia, sono stati questi ragazzi alla fine che gli hanno dato l’ispirazione per la sua prossima mossa.

READ  L'Italia attracca su una nave umanitaria che trasporta 800 migranti

Bowdoin e Lange

In città, Van Langfield vede persone che arrivano in ufficio con scarpe da ginnastica e scarpe da ginnastica, poi indossano scarpe formali scomode. Questo lo ha sorpreso. Perché non esistono scarpe comode adatte anche all’ambiente lavorativo? Quindi crede che i bei tacchi alti possano essere in grado di colmare questa lacuna nel mercato. Ma come si fa?

Presto si rende conto che un’avventura del genere è migliore con un partner, quindi cerca anime sorelle nel registro degli ex allievi della London Business School. Ne deriva un nome: Alain Baudouin. Baudouin è francese, quattro anni più di lui, e come lui è diventato analista dopo gli studi. Bowdoin era l’unico che aveva scoperto la sua passione per le scarpe prima, quando una volta aveva visto al lavoro un calzolaio artigiano. Ha lasciato il suo lavoro in Apple e ha viaggiato per il mondo per tre anni per imparare da vari produttori di scarpe tradizionali. Era appena tornato a Londra quando squillò il telefono: Van Langfield è in linea. Oppure potrebbero unirsi. Dopo di che, le cose sono andate rapidamente, secondo Van Langfield. Abbiamo parlato due volte. Questo mi ha stretto molto e dopo sette giorni ho lasciato il lavoro.

Come il duo sia poi riuscito a raggiungere il successo per l’azienda di scarpe Baudoin & Lange, potete leggere sul nuovo Quote Top 100 Young Millionaires, che ora potete trovare in negozio. o Ordinalo online Lo consegniamo a casa tua gratuitamente. Ti piacerebbe trovare prima l’ultima citazione che contiene le storie di imprenditorialità più stimolanti? Quindi prendi un abbonamento E non perdere nulla.

Questo contenuto viene creato e gestito da una terza parte e viene importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni su questo e altri contenuti simili su piano.io

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24