“Johnson sta cercando di trovare una soluzione e siamo felici di lavorarci su”.

Vede una “grande situazione”. “E gli europei, noi compresi, sono molto bravi a resistere allo stallo”, afferma Jeffrey Donaldson. “Ma sarebbe meglio che la pace in Irlanda del Nord rompesse questa situazione di stallo e trovasse una soluzione praticabile”.

Sembra essere vero il contrario. L’Unione Europea e il Regno Unito si fronteggiano di nuovo sui controlli alle frontiere in Irlanda del Nord. Il governo britannico ha recentemente introdotto un disegno di legge per modificare unilateralmente tali controlli. Vuole regolare due flussi commerciali: uno senza assegni, dedicato al mercato interno dell’Irlanda del Nord e l’altro con il mercato irlandese e quindi il mercato interno dell’UE.

Bruxelles ha annunciato un’azione legale in merito, in quanto il piano è contrario agli accordi del 2019, il cosiddetto Protocollo dell’Irlanda del Nord – che lo stesso premier britannico Johnson ha concluso. Maros Sefcovic, che sovrintende alle relazioni Regno Unito-UE per conto della Commissione europea, ha definito la legge “illegale”.

Quindi c’è speculazione su guerra commercialese in risposta l’UE impone tasse all’importazione più elevate sulle merci britanniche.

Il leader del Partito Democratico Unionista dell’Irlanda del Nord, Jeffrey Donaldson, gioca un ruolo importante in questa disputa. Negoziano la fine del Protocollo perché credono che esista tra la Gran Bretagna e l’Irlanda del Nord. John Son ha presentato il disegno di legge per placare il DUP, in modo che potessero entrare nel governo dell’Irlanda del Nord. Sembra andare bene. In un bar di Londra, Donaldson spiega a un gruppo di giornalisti europei perché pensa che il piano di Johnson sia una “mossa ragionevole”.

READ  Trek vince la cronosquadre al Giro per capitan Longo Borghini: 'Quanto rispetto per lei'

A maggio il Sinn Féin è diventato il più grande alle elezioni locali, il partito cattolico che vuole un’Irlanda unica ed è il principale oppositore del Partito Democratico Unionista. Un momento storico, perché dalla nascita dell’Irlanda del Nord nel 1921, i sindacalisti hanno sempre avuto il sopravvento. Il DDF era al secondo posto, ma ora si rifiuta di formare un nuovo governo fino a quando i controlli alle frontiere sulle merci nel mercato interno del Regno Unito non saranno revocati. E non puoi averlo senza di loro. Sindacalisti e nazionalisti Devono gestire il paese insieme.

Quanto durerà l’impasse in Irlanda del Nord?

“Non oso fissare una data. Ci vorranno almeno nove mesi prima che il disegno di legge venga approvato dal parlamento britannico. E vogliamo garantire un vero cambiamento. Abbiamo anticipato i problemi nel 2019 e nessuno ne sarebbe sorpreso. Il protocollo ha portato a l’allontanamento tra Irlanda del Nord e Gran Bretagna. Non dovrebbe essere che le aziende abbiano con noi un sistema fiscale diverso rispetto al resto del Regno Unito, come ora. Le merci che rimangono all’interno del Regno Unito devono poter circolare liberamente, senza controlli”.

Leggi anche: Con la polemica sui controlli di frontiera a Belfast, la Brexit torna sul tavolo

Per te vale la guerra commerciale con l’UE?

“Spero che possiamo evitarlo, la guerra commerciale non sembra essere nell’interesse di nessuno. Ma è bene rendersi conto che l’UE sta vendendo al Regno Unito molto più del contrario. Le case automobilistiche tedesche, francesi e italiane saranno colpiti. Il Regno Unito è il terzo mercato più grande dell’UE, quindi l’UE dovrebbe riflettere attentamente prima di intraprendere una guerra commerciale. E se l’UE lo vuole davvero, deve esserci un confine rigido tra l’Irlanda del Nord e l’Irlanda, perché altrimenti, come manterranno queste tariffe? Ciò andrebbe contro tutto Ciò che l’UE e l’Irlanda affermano di volere danneggerà gravemente l’economia e la stabilità dell’isola”.

Per gli Stati membri dell’UE, proteggere l’accesso ai loro mercati comuni è un punto di principio.

“Lo capisco, ed è per questo che ci sono anche controlli per le merci in questo mercato. Ma se l’UE vuole proteggere il suo mercato interno, anche il Regno Unito ha questo diritto, giusto? Lo dice questa legge. Il governo del Regno Unito sta semplicemente suggerendo che Le aziende irlandesi possono essere autorizzate Il Nord sceglie di attenersi alle regole europee o britanniche, non c’è bisogno di controllare le merci destinate al mercato interno”.

READ  Ti togli il vecchio Barnier giovane Macron?

Capisci che i leader dell’UE non si fideranno più del primo ministro Johnson se annullerà unilateralmente gli accordi presi non molto tempo fa?

La risposta dell’UE a questa proposta ha principalmente a che fare con il fatto che si trattava di un atto unilaterale, per non parlare della sua sostanza. Se fai un passo indietro, è un ottimo piano”.

Johnson te l’ho promesso Nel 2020 non ci sarebbero state frontiere nel Mare d’Irlanda, cosa che comunque è arrivata dopo. Perché ti fidi ancora di lui?

Boris Johnson non è il primo primo ministro britannico a tornare sulla parola data e non sarà l’ultimo. Tutti commettiamo errori. Ora sta cercando di trovare una soluzione e siamo felici di lavorarci su”.

Fino ad allora, l’amministrazione dell’Irlanda del Nord è quasi silenziosa. Questo è proporzionale?

Almeno abbiamo lasciato i nostri ministri in carica perché potessero occuparsi di attualità. A differenza dello Sinn Féin, che da tre anni non consegna nessun ministro Negli anni che precedono il 2020† È vero che il governo non può riunirsi formalmente, ma dovevamo fare qualcosa per trasmettere seriamente il messaggio che non c’è consenso tra le due comunità”.

Sempre meno nordirlandesi sono conosciuti come unionisti o nazionalisti.

“Sì, non neghiamo questa dinamica. Tuttavia, se una delle parti si sente vulnerabile o minacciata, continua a minare la stabilità nell’Irlanda del Nord”.

Leggi anche questo rapporto dall’Irlanda del Nord: I nordirlandesi si stanno allontanando dal tradizionale divario

Teme che si avvicini il referendum sull’unità irlandese, anche perché l’Irlanda del Nord e l’Irlanda stanno facendo più scambi tra loro a causa degli accordi esistenti?

READ  La Grecia è la campionessa del mondo a sostenere lo stato

“La stragrande maggioranza della popolazione dell’Irlanda del Nord vuole rimanere dipendente dal Regno Unito. Questo è un gruppo di persone molto più grande di quelli che votano solo per i partiti sindacali. Ma la nostra voce è ascoltata solo in misura limitata a Bruxelles. La loro Stato membro Irlanda sostanzialmente dice alla parte nazionale, quindi il sindacato The European ha una visione parziale della situazione, ma questo non aiuta.

Il protocollo mina il consenso nell’Irlanda del Nord, quindi è necessario cambiare. È l’unica soluzione”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24