Joran van der Sloot sorride mentre mostra la sua cella sobria nella prigione più famosa del Perù | All’estero

La prigione di Challapalca è anche conosciuta come “L’inferno sulla terra”. Il giornalista Julio Chuquitaype Ruiz riferisce dai programmi televisivi nazionali peruviani da cui deriva questo nome.

Acqua fredda

La prigione di Challapalca è una delle istituzioni penali più famose del Sud America e si trova in una zona molto inospitale. La prigione è stata aperta nel 1997 per i detenuti considerati estremamente pericolosi. Si trova a un’altitudine di 4.600 metri nelle Ande nel sud del Perù ed è inaccessibile con i mezzi pubblici. Inoltre non hai copertura di telefonia mobile.

Le temperature diurne variano da 6-10 gradi e di notte possono essere di -26 gradi. Non c’è riscaldamento. I prigionieri devono essere lavati in acqua fredda. Non sono autorizzati a vedere i loro visitatori dietro le sbarre se non in presenza di guardie.

Dalla sua condanna nel 2012, il 27enne van der Sloot è stato trattenuto, tra le altre cose, nella prigione di Piedras Gordas a Lima. Nel 2021 è stato trasferito nel carcere di Challapalca con l’accusa di riciclaggio di denaro e traffico di droga. Van der Sloot, insieme alla sua ragazza Lady Figueroa, aveva deviato tre tonnellate e mezzo di denaro criminale. È anche accusato di aver contrabbandato un carico di cocaina in prigione. A febbraio è stato condannato ad altri 18 anni di carcere.

Il testo continua sotto l’immagine.

Scarpe Armani

Finora l’aspetto di questa famigerata prigione all’interno è rimasto un mistero, ma il giornalista ottiene un’intuizione speciale. Tra le altre cose, ha parlato con van der Sloot, che si trova in un reparto separato, lontano da altri 150 prigionieri. Van der Sloot siede lì con una sola persona: un capo del cartello che indossa scarpe Armani.

READ  Primo ministro ungherese chiede referendum sulla controversa legge anti-gay, bisessuale, transgender e intersessuale inter

Il giornalista chiede perché van der Sloot è qui. “Non ho fatto bene”, ha risposto con un sorriso. Poi la macchina fotografica ha fotografato la sua cella. È molto semplice e non contiene molte cose. Solo un letto di ferro con un materasso sottile, una mensola alla parete con alcune cose, una scrivania bianca e un cestino. Il giornalista vede Van der Sloot sorridere e dire: “Può ridere qui adesso, ma che dire del padre della ragazza che ha ucciso, la sua vittima?”

Il testo continua sotto l’immagine.

Il 34enne olandese è stato condannato nel 2010 per l’omicidio della studentessa 21enne Stephanie Flores. Era già sospettato di essere coinvolto nella scomparsa della diciottenne americana Natalie Holloway ad Aruba nel 2005, ma non è mai stato condannato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24