La benzina diventa molto più economica in breve tempo, ma i prezzi del petrolio stanno aumentando

Economia28 23 ottobre 09:30autore: Modifica BNR Web

In un mese, il prezzo di un litro di 95 euro è crollato drasticamente, dopo essere aumentato solo per diversi mesi. Mentre all’inizio di settembre la benzina a volte si pagava fino a 2,30 euro al litro, ora il prezzo di vendita consigliato è sceso a 2,17 euro al litro.

BNR ti elenca le notizie economiche più importanti della settimana in modo che tu possa essere pienamente informato.

In poco più di un mese, il prezzo di un litro di 95 euro è crollato drasticamente, dopo essere aumentato solo per diversi mesi. Mentre all’inizio di settembre la benzina a volte si pagava fino a 2,30 euro al litro, ora il prezzo di vendita consigliato è sceso a 2,17 euro al litro. (Motore accurato)

Il prezzo al dettaglio consigliato è spesso superiore al prezzo da pagare per la benzina lungo le strade minori. Di conseguenza, su alcuni siti troverai prezzi a partire da 2 € al litro per 95 €. Nod Brukhoff di BNR Mobility afferma che questo calo è dovuto principalmente al calo dei prezzi del petrolio. All’inizio di ottobre erano molto bassi a causa dei timori di un aumento dei tassi di interesse e di una recessione economica. Ora il prezzo è nuovamente aumentato notevolmente. “Miracolosamente, il prezzo alla pompa è ancora accessibile”, dice il giornalista.

La politica dei tassi di interesse della Banca Centrale Europea

La ragione principale di questo declino economico è la politica dei tassi di interesse perseguita dalla Banca Centrale Europea. Tassi di interesse significativamente elevati rendono meno interessanti i grandi investimenti e potrebbe essere più interessante accumulare denaro per un rendimento elevato. Tuttavia, questa settimana la Banca Centrale Europea ha deciso di non aumentare ulteriormente i tassi di interesse per il momento. Questa è una notizia particolarmente positiva per l’Italia, che deve pagare interessi elevati a causa dell’enorme peso del debito. Ciò rende precaria la situazione nel paese, afferma Han de Jong, economista interno alla BNR. “Il debito pubblico italiano è pari a circa il 150% del PIL, mentre i tassi di interesse sul mercato dei capitali italiano sono già aumentati del 3,5% dall’inizio dello scorso anno. Ciò significa che questo aumento dei tassi di interesse alla fine costerà al governo italiano più del 5% del PIL in costi aggiuntivi per interessi.

READ  Il 2G per gli sport invernali porta sollievo e delusione in Italia

Viaplay sta attraversando un periodo difficile

Questi problemi finanziari non sono avvertiti solo dai paesi, ma anche dalle aziende. Una di queste società in gravi difficoltà è Viaplay. Il servizio di streaming svedese sta crollando rapidamente in borsa e la settimana scorsa ha rinviato di un mese la pubblicazione dei dati trimestrali. Secondo il marketer sportivo Chris Worts, le cose vanno così male che la società ha tentato di vendere i diritti sportivi che possiede nei Paesi Bassi a RTL e Ziggo. Ma secondo Worts nessuno vuole pagare un prezzo più alto per questo.

Vattenfall

Non è più necessario pagare il prezzo principale dell’energia. Se ne è accorta anche la società energetica Vattenfall, che nei primi nove mesi di quest’anno ha realizzato profitti inferiori. L’azienda svedese ha visto scendere i prezzi dell’elettricità soprattutto nei Paesi Bassi. Di conseguenza, a settembre l’azienda ha registrato un utile di circa 400 milioni di euro, il 72% in meno rispetto allo scorso anno. Tuttavia il fatturato è aumentato del 35% raggiungendo i 217 miliardi di corone, ovvero circa 18,5 miliardi di euro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24