La Casa Bianca ritarda il rilascio dei documenti interni sull’assassinio di Kennedy

Il predecessore di Biden, Donald Trump, ha rilasciato 2.800 documenti riservati sull’assassinio nel 2018. Tuttavia, su insistenza dei servizi di sicurezza, parte di essi è rimasta riservata, presumibilmente contrariamente ai desideri di Trump. Questi documenti hanno dovuto essere rivalutati, dopo di che saranno eventualmente pubblicati il ​​15 dicembre di quest’anno. Tuttavia, questo processo è stato ritardato a causa dell’epidemia di Corona. Pertanto, Biden ha ora concesso all’Archivio di Stato e ai Servizi di sicurezza fino al 15 dicembre 2022 per completare i lavori. I documenti già rivisti verranno rilasciati come previsto il 15 dicembre di quest’anno.

La legge degli Stati Uniti richiede che tutti i documenti relativi all’assassinio di Kennedy siano resi pubblici. Quindi le forze di sicurezza dovrebbero limitare le informazioni che vogliono mantenere al minimo assoluto, secondo una nota diffusa dalla Casa Bianca venerdì. La Casa Bianca ha affermato che solo quando sono in gioco la sicurezza nazionale, le relazioni internazionali, l’intelligence in corso o le indagini di polizia, le informazioni dovrebbero essere mantenute classificate.

La Casa Bianca ha affermato che l’assassinio del presidente 46enne è stata una “profonda tragedia nazionale” che continua a tormentare le menti. Dagli anni ’90 sono stati rilasciati più di 250.000 documenti di omicidio, circa il 90% del totale. La Casa Bianca vuole che gli Archivi Nazionali elaborino un piano quest’anno per rendere tutto questo materiale accessibile anche online.

READ  Il bilancio delle vittime in Florida è salito a 24 e la ricerca per la demolizione di condomini al di fuori del Paese è stata temporaneamente interrotta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24