La Corte dei conti dice che non si tratta di taglio selvatico, ma la politica forestale è caotica

Prima la buona notizia: secondo una ricerca della Corte dei conti olandese, Staatsb, il più grande gestore forestale dei Paesi Bassi, non raccoglie più legname di quello che produce ogni anno. Una conclusione meno allettante è che nessuno sa a cosa porti la gestione delle foreste nei Paesi Bassi.

Il tribunale presume già che non sarà possibile raggiungere l’obiettivo 10 per cento di foreste aggiuntive (37.000 ettari) in dieci anni ottenere. Il governo e le province lo hanno concordato nella Strategia forestale 2020. Due anni dopo, l’area forestale si riduce di 6.000 ettari.

Dal 2013, sono scomparse da tutti i gestori forestali più foreste di quelle piantate, ha concluso l’Ufficio di controllo statale nel suo rapporto pubblicato martedì. Gestione forestale nella foto. Non tutte le contee, che dal 2014 si occupano di natura e paesaggio, monitorano attivamente l’obbligo di reimpianto, secondo la Corte dei Conti.

Un piccolo nuovo bosco fuori dalla natura attuale

In parte a causa di ciò, non c’è abbastanza rigenerazione della foresta. Anche gli obiettivi provinciali variano, non sempre sono in linea con gli obiettivi della politica forestale nazionale e non ci sono ancora accordi tra i governi su chi paga per costruire nuove foreste. Secondo la strategia forestale, ulteriori foreste non dovrebbero essere collocate solo nelle aree naturali esistenti, ma anche in zone cuscinetto tra natura, agricoltura e aree residenziali al di fuori della rete naturale olandese. Tuttavia, questo difficilmente decolla.

La corte ha concluso che sia le province che il ministro per la Natura e l’azoto non avevano conoscenze e una visione d’insieme della gestione forestale nei Paesi Bassi. “Il ministro e le province raccolgono troppo poche informazioni per apportare modifiche o per garantire un controllo adeguato”.

Ciò è dovuto al modo in cui opera il dipartimento forestale, secondo la ricerca. A tal fine, lo Staatsbudgetheer, il più grande gestore forestale dei Paesi Bassi, è stato considerato dalla corte dei conti con 270.000 ettari di natura, un terzo dei quali sono foreste. I team forestali e di conservazione fanno scelte ben informate, afferma la corte dei conti. Ma manca una visione d’insieme della forma complessiva di tutte le decisioni locali e regionali. Il CIS inoltre non sa a livello centrale quanto la manutenzione è scaduta.

Leggi anche:

La deforestazione sta rallentando nei Paesi Bassi e c’è una crescente disuguaglianza

L’area forestale nei Paesi Bassi è ancora in calo, ma il declino sta ristagnando. Tuttavia, ci sono preoccupazioni sulla vitalità Le foreste stanno invecchiando Ora ci sono più latifoglie che conifere.

Ci sono molte talee, ma una piccola foresta piantata

Vengono piantate poche nuove foresteR. Lo scienziato Eric Aretz afferma che manca il controllo per sostituire la natura perduta con strade e case.

READ  1,5 milioni di colpi di richiamo, un rapporto di pesanti contraccolpi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24