La crisi bancaria italiana è ormai un pericolo reale

Tutti i messaggi positivi sull’Eurozona sono sempre stati accompagnati da un avvertimento: attenzione all’Italia. Cosa accadrebbe se questo paese fortemente indebitato, il terzo più grande dell’unione monetaria, si trovasse nei guai? Una crisi del genere sta ora emergendo.

Nell’ultima crisi dell’euro, che ha raggiunto il suo apice nel 2011-2012, la paura ha seguito un indicatore in particolare: gli interessi aggiuntivi che l’Italia e altri paesi più deboli pagano sul loro debito nazionale, oltre agli interessi pagati dalla Germania. Ciò dimostra quanto gli investitori stimino il rischio che il Paese vada in bancarotta, o addirittura abbandoni l’euro, in cui potrebbero perdere i loro soldi.

Questa differenza di tasso di interesse, o Diffusione, per i prestiti decennali italiani, era di oltre 5 punti percentuali alla fine del 2011. Dalla metà di questo mese, quando i populisti di sinistra e destra hanno raggiunto un accordo di coalizione a Roma, lo spread è nuovamente aumentato, da circa 1,3 punti percentuali. punta ad un livello massimo di 3. Punti percentuali martedì. Mercoledì lo spread è nuovamente sceso leggermente: circa il 2,6%. Quindi ci furono veri e propri disordini, ma a quel tempo non c'era ancora il panico.

Perché ora sono divampate preoccupazioni di lunga data sull’Italia? Il debito nazionale del paese ammonta a oltre 2.200 miliardi di euro ed è il terzo più grande al mondo dopo Stati Uniti e Giappone. I piani del Movimento Cinque Stelle e della Lega Nord non faranno altro che aumentare questo debito.

Schudenberg

Una tale montagna di debito non è un grosso problema se l'economia del paese cresce: allora il paese può permettersi il costo degli interessi. Tuttavia, l’economia italiana ha registrato risultati deludenti per almeno due decenni. Secondo i dati del Fondo monetario internazionale, il PIL pro capite italiano è inferiore di circa il 4% rispetto al 2000. Per fare un confronto: l’olandese medio è ora solo il 17% più ricco.

READ  I diritti dei due fratelli sono stati palesemente violati quando il Suriname è stato consegnato ai Paesi Bassi - Suriname Herald

L’economia italiana ha recentemente mostrato di nuovo una certa crescita: 1,5% nel 2017, ma il Paese è in ritardo rispetto all’Eurozona nel suo complesso (2,4%). Nel frattempo, i governi di Roma hanno continuato a contrarre prestiti. Tra il 2000 e il 2017 il debito nazionale in percentuale del PIL è passato dal 105 a oltre il 131%. Questo è più del doppio dello standard europeo.

Questo debito nazionale è in gran parte nelle mani degli italiani. Le banche italiane, i fondi pensione e le compagnie di assicurazione possiedono il debito. Ciò è positivo e inappropriato. Gli investitori stranieri hanno più difficoltà a speculare contro l'Italia. Ma se le cose peggiorassero, le banche italiane verrebbero trascinate avanti. I titoli bancari italiani sono crollati negli ultimi giorni.

Queste banche hanno già in bilancio ingenti quantità di “cattivi crediti”, ovvero prestiti che i cittadini e le imprese non possono ripagare. Ciò è dovuto alle difficoltà economiche. L’Italia, orgoglioso membro del Gruppo dei Sette Paesi industrializzati ed esportatore di automobili Fiat e Ferrari, sta affrontando tempi difficili. L’industria manifatturiera, soprattutto nelle aree povere del sud del paese, è stata danneggiata dalla globalizzazione. Burocrazia, corruzione e criminalità sono soffocanti. Dopo la crisi, molti giovani hanno cercato lavoro altrove in Europa.

Dal 2015, la Banca Centrale Europea ha alleviato le sofferenze dell’Italia acquistando titoli di Stato da tutti i paesi dell’euro. Ciò non mette sotto pressione solo i tassi di interesse ma anche gli spread. Se questa crisi dovesse aggravarsi, gli italiani guarderanno sicuramente alla Banca Centrale Europea. Quest’estate la banca dovrà decidere se continuare ad acquistare titoli di stato dopo settembre. La BCE potrebbe anche acquistare specifici titoli di debito italiani per limitare lo spread, ma ciò sarà possibile solo se questa volta l’Italia aderirà al programma di aiuti dell’UE. Ciò significa: riforma obbligatoria.

READ  Zandvoort potrebbe beneficiare della Formula 1? "Temiamo che lo slancio si stia esaurendo"



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24