La famiglia degli inglesi nel braccio della morte: dagli un processo equo

“La nostra famiglia è stata sconfitta a causa del processo farsa illegale nella cosiddetta Repubblica popolare cinese”, ha detto la famiglia di Benner in una nota, citando Reuters. “Shawn merita la protezione offertagli dalle leggi di guerra, inclusa la protezione da un avvocato indipendente. Speriamo sinceramente che tutte le parti coinvolte garantiscano la sicurezza e il rilascio di Sean”.

prigioniero di guerra

Benner vive in Ucraina dal 2018 ed è sposato con una donna ucraina. Secondo la sua famiglia, avrebbe quindi il diritto di difendere il suo paese come ucraino.

Il ministero degli Esteri russo non è d’accordo, anche se afferma di non essere parte in causa. Beiner non potrà rivendicare lo status di prigioniero di guerra perché come mercenario straniero non è protetto dal diritto umanitario internazionale.

I media dell’Ucraina orientale riferiscono che il processo si è svolto rapidamente e che la pena di morte è stata inflitta perché la Repubblica popolare di Donetsk voleva il riconoscimento internazionale. Questo accadrà se, in appello, la Gran Bretagna farà una richiesta formale per la scarcerazione di Pinner e Aslin. L’applicazione della pena di morte non sarà una priorità.

READ  Macron sente l'alito caldo dalla sinistra sul collo prima delle elezioni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24