La Formula 1 è uno sport di nicchia in Cina, ma è più popolare che mai

Nella metropolitana di Shanghai, Zhou Guanyu fissa i passeggeri che passano. “Quando ero giovane, ho visto la mia prima gara di Formula 1 a Shanghai”, dice in cinese Con l'immagine Per il pilota in tenuta da corsa su uno schermo LED lungo un metro. Accanto c’è il logo della banca d’investimento HSBC e il resto del testo pubblicitario: “E ora sono il primo pilota cinese a partecipare alla gara nel suo paese d’origine”.

Quando la Formula 1 tornerà in Cina il prossimo fine settimana dopo cinque anni senza Corona, lo farà, a differenza di quanto spesso accadeva prima, davanti a tribune piene. Tutto era esaurito pochi minuti dopo la vendita dei biglietti, in una sera feriale di gennaio. Applicazione biglietteria si è rotto A causa dell'enorme interesse. La Formula 1 è più popolare che mai nel paese che è nel calendario delle corse da vent'anni, ma non può vantare una profonda cultura del motorsport e con Zhou (24) che ha avuto solo un proprio pilota di F1 dal 2022.

La grande domanda è quanto sarà sostenibile la ritrovata popolarità cinese della Formula 1. L'entusiasmo svanirà rapidamente una volta che Zhou scomparirà di nuovo dal campo dei partecipanti? Oppure la Cina ha abbracciato la Formula 1 in modo permanente?

Il fatto che i biglietti delle corse siano ora disponibili a prezzi esorbitanti solo attraverso indirizzi di rivendita loschi ha a che fare con una serie di fattori. Prendiamo la pandemia di coronavirus, afferma Mark Thomas, un commerciante sportivo (auto) britannico con trent’anni di esperienza in Cina. “La Cina aveva regole di blocco rigide. “Erano i più severi a Shanghai.” Nemmeno l’anno scorso si è potuto disputare il Gran Premio, perché la Cina ha mantenuto la sua rigorosa politica di eradicazione del Covid-19 quando il resto del mondo sembrava essersi dimenticato del Corona. “Ora che è finita, la gente ha voglia di vivere di nuovo”.

Inoltre, il numero di cinesi che hanno abbastanza tempo e denaro per fare cose divertenti è ancora in crescita, afferma Bala Ramasamy, professore di economia malese alla China Europe School of International Business di Shanghai. “Dico sempre ai miei studenti: i cinesi sanno come guadagnare soldi, ma non come spenderli”, dice. “Ma le generazioni più giovani stanno iniziando a guardare in modo diverso al rapporto tra lavoro e tempo libero. Lo sport è un modo per riempire il proprio tempo libero, non solo per farlo da soli, ma per guardarlo in privato più come gli occidentali.

READ  Litmanen firma sabato il libro "Maglia Ajax".

Anche se è uno strumento di marketing per la Formula 1 altrettanto efficace quanto la serie di successo di Netflix Guidare per sopravvivere Non ufficialmente disponibile in Cina, secondo Thomas lo sport è diventato più popolare tra il grande pubblico rispetto a qualche anno fa. “Molte delle persone che si sono interessate non hanno ancora avuto l'opportunità di vedere la Formula 1 nella vita reale. Sembra una nuova gara.”

La partecipazione di Chu completa il quadro. “Lo sport diventa veramente popolare in Cina solo quando vi partecipa un cinese”, spiega Thomas. Ad esempio, il paese è ora sotto l'incantesimo del biliardo, perché i cinesi sono tra i migliori al mondo. Più di vent'anni dopo che Yao Ming, alto 2,29 metri, ha iniziato a giocare a basket negli Stati Uniti, l'NBA è ancora la migliore. La competizione sportiva più popolare In Cina.

Mentre Yao ha fatto parte della squadra NBA All-Star otto volte, Zhou deve ancora ottenere un successo significativo in Formula 1. Nelle sue 48 gare, è finito a punti sei volte, e l'ottavo posto è stato il suo miglior risultato. Ora non è facile arrivare in alto con le sue umili vetture – Zhou guida per il team Sauber – ma Zhou è anche una figura un po' incolore in pista. Si è distinto ancora di più quando è entrato nel 2022 si è rotto A Silverstone sono scivolato a testa in giù nella ghiaia e quasi con la macchina e tutto il resto in pubblico Scaduto.

Trasferirsi in Inghilterra

Il padre di Zhou è un ricco uomo d'affari che ha costruito una pista di kart in Cina appositamente per suo figlio, e nel 2012 tutta la sua famiglia si è trasferita in Inghilterra perché è lì che Guanyu aveva le migliori opportunità in una carriera agonistica. Cho imparò rapidamente l'inglese e alla fine arrivò alla massima categoria grazie alla Formula 2, dove vinse cinque gare. Zhu ha milioni di follower sui social media, sia occidentali che cinesi. Il motociclista vestito con stile appare sempre negli spot pubblicitari della casa di moda Dior e del marchio di abbigliamento Lululemon.

Ma il futuro in Formula 1 è tutt'altro che assicurato, visti i risultati poco spettacolari di Cho. La Sauber verrà rilevata al 100% dall’Audi, che creerà un proprio team ufficiale a partire dal 2026. Ci sono poche possibilità che ci sia ancora spazio per Zhou. È interessante per la Sauber anche per i soldi delle sponsorizzazioni che porta e per il suo valore sul mercato cinese, fattori che non hanno alcun ruolo per Audi, perché a quel marchio interessa solo i risultati sportivi.

READ  Kuyt riceve un flashback arancione: "Con otto persone a Van Gaal, coltello sul tavolo subito"

Per molto tempo in Cina non si corse affatto. Le riforme economiche nel paese iniziarono negli anni ’80, ma il possesso di automobili private continuò fino all’inizio di questo secolo Tutt'altro che chiaro. Da decenni manca anche un’industria automobilistica vivace, essenziale per l’emergere degli sport motoristici professionali. Inoltre, i redditi erano bassi e non esisteva una classe media con abbastanza tempo libero per stimolare la cultura delle corse. La prima arena permanente del paese è stata aperta solo nel 1996 nella città di Zhuhai, nel sud della Cina.

Otto anni dopo, la Cina fa il suo debutto nel calendario della Formula 1 ed è anche il luogo in cui si svolgerà la gara questo fine settimana: lo Shanghai International Circuit, una pista ultramoderna in un remoto sobborgo della città. Le caratteristiche principali del circuito sono le infinite strisce di ruscellamento dell'asfalto e i due massicci condomini orizzontali che incombono sulla linea di partenza e di arrivo. La prima edizione è stata molto partecipata, ma in seguito hanno partecipato meno persone. Su alcuni stand sono stati appesi grandi striscioni per nascondere il fatto che non c'era nessuno.

Il pilota cinese di Formula 1 Zhou Guanyu prima dell'inizio del Gran Premio del Giappone all'inizio di questo mese.
Fotografia di Philip Fung/AFP

Kart a dieci euro

La Formula 1 in Cina andrà di nuovo così se Zhou sparisse dalla scena? Thomas, il marketing sportivo, dice che all'inizio è prevedibile un calo di interesse. “Lo stesso avverrà in Olanda se Max Verstappen se ne andrà”.

A lungo termine potrebbe essere diverso. Se la Formula 1 riuscirà a mantenere un certo livello base di popolarità dipende, ovviamente, da quanti cinesi si sono appassionati a questo sport nel frattempo, indipendentemente dalla partecipazione cinese.

Ma potrebbe anche essere d’aiuto se le corse diventassero uno sport più popolare da praticare. “Grazie a Zhu, i giovani in Cina ora lo vedono come qualcosa in cui possono essere coinvolti”, afferma Thomas. “Questo può rendere le corse più di uno sport Di base-gli sport.”

Il professor Ramasamy si è recentemente imbattuto in una pista da go-kart in un centro commerciale vicino a casa sua a Shanghai. “Oggi la maggior parte delle persone può permettersi di portare i propri figli in viaggio per dieci euro. Dieci o quindici anni fa era completamente diverso il kart a livello agonistico è molto più costoso, ma più i bambini cinesi si dedicano alle corse. quanto più seriamente lo perseguono, tanto maggiore è la possibilità che un giorno uno di loro arrivi alla Formula 1.

READ  Il Feyenoord può sperare di raggiungere il primo posto dopo una stagione europea di successo

A parte questo, la Formula 1 in Cina ha il vantaggio di non dover competere con altri campionati. Molto diverso dagli Stati Uniti, dove la Formula 1 ha conquistato tanti appassionati negli ultimi anni, ma dove le serie automobilistiche nazionali restano più popolari. “In Cina, la Formula 1 è chiaramente al top”, afferma Thomas. “Lo vedono come la crema del raccolto.”

Gara a Guangzhou

Che i fan siano entusiasti o meno dei Gran Premi, c’è un enorme interesse nell’organizzare gare di Formula 1 in Cina. Così sarà di nuovo adesso Essere costruito In un nuovissimo circuito degno di Formula 1 nella grande città di Guangzhou. Da un lato, organizzatori come Juice Sports a Shanghai operano come normali aziende orientate al profitto. Ma d'altro canto, sono interamente di proprietà dello Stato, spiega Ramasamy, e hanno determinati obiettivi. “Un obiettivo del genere potrebbe essere qualcosa del tipo: suscitare interesse per lo sport tra la popolazione”. Le gare di Formula 1 potrebbero rientrare in questo. Allo stesso tempo, il governo vede gli eventi sportivi prestigiosi come un modo per presentare la Cina a livello internazionale come un luogo attraente per gli affari.

Anche Liberty Media, il gruppo mediatico americano proprietario della Formula 1, vuole espandersi nel mercato cinese. Stefano Domenicali, amministratore delegato della F1 Lo ha detto nel 2021 In effetti, per lui una seconda gara in Cina è “realistica al 100%. “Guangzhou, Chengdu, corse su strada a Hainan. “Ho sentito tutte le voci”, dice Thomas, “Ma conoscendo Liberty, stanno sicuramente esaminando la questione.”

In Cina si possono guadagnare semplicemente troppi soldi per marchi automobilistici, sponsor e altre parti interessate – e in definitiva anche per la Formula 1. “Penso che una parte molto ampia del mercato debba ancora essere sfruttata”, afferma Ramasamy. . Anche a Shanghai, dice, non tutti sanno che sta arrivando la gara di Formula 1. In Cina, con una popolazione di 1,4 miliardi di abitanti, la Formula 1 è uno sport di nicchia. Ma “il mercato di nicchia della Cina potrebbe facilmente essere più grande della popolazione totale dei Paesi Bassi”, afferma Ramasamy.

In collaborazione con Tabitha Spellman



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24