La guardia del campo tedesco (101) è stata imprigionata per cinque anni | All’estero

Un uomo di 101 anni che faceva la guardia al campo di concentramento di Sachsenhausen durante la seconda guerra mondiale fu imprigionato per cinque anni per complicità nell’omicidio di 3.518 prigionieri. Josef Schutz è la persona più anziana ad essere processata per crimini commessi dal regime nazista.

Le possibilità del 101enne di andare in prigione sono molto scarse. In precedenza, gli ex dipendenti dei campi di concentramento non dovevano andare in prigione a causa della loro età avanzata.

Secondo il pubblico ministero, Schutz ha partecipato all’esecuzione di soldati sovietici e all’gasazione di prigionieri. Lavorò nel campo tra il 1942 e il 1945. Dopo la guerra, Schutz fu brevemente imprigionato in un campo di concentramento in Unione Sovietica. Aveva circa 21 anni quando lavorava al campo.

Lo stesso tedesco si dichiara innocente. Nega di aver lavorato come guardia in un campo di detenzione delle SS. Disse che all’epoca era un contadino. “Non ho idea del perché sono qui”, ha detto Schutz lunedì. “Non ho fatto niente”. Uno storico tedesco in precedenza ha fornito la prova che era davvero una delle guardie del campo.

Le esecuzioni furono eseguite nel campo di concentramento di Oranienburg, ma le persone morirono anche per esperimenti medici, lavori forzati, fame e malattie. Più di 200.000 persone furono trattenute nel campo tra il 1936 e il 1945.

Dal 2011, gli ex lavoratori dei campi di concentramento in Germania possono essere processati per complicità o per aver fatto parte della macchina per uccidere nazista. L’azione penale per questi motivi è stata possibile da quando la guardia del campo John Demjanjuk è stata condannata quell’anno per complicità negli omicidi di prigionieri nel campo di sterminio di Sobibor.

READ  La combattente della Resistenza tedesca Sophie Scholle vive su Instagram

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24