La mafia italiana è pronta per miliardi dal Fondo europeo di recupero

Vuoi sapere qual è il rischio maggiore di infiltrazioni mafiose per ottenere parte dei miliardi dal fondo di recupero? Ovviamente al nord. È qui che si trova il centro di gravità economico “.

Monica Forte, a capo del comitato antimafia della regione Lombardia, indica il fondo dell’Unione Europea per il risanamento delle economie europee dopo la crisi Corona. Il fondo di recupero contiene 750 miliardi di euro, di cui quasi 200 miliardi destinati all’Italia.

Forte è fermo: “La mafia del nord si è infiltrata nell’economia legale per decenni”, dice. “Pub, turismo, spazzatura, lavori pubblici. Se poi guardi quanti soldi sono inclusi in tutti i progetti del fondo di recupero, la mafia è destinata a preoccuparsene. Non si tratta di rischi, ma di cosa possiamo fare. a proposito.”

Un combattente mafioso disinfettato come il colonnello Paolo Sturoni dà avvertimenti simili nelle interviste dal Nordest, dove è a capo di un’unità antimafia. “Il salasso è meno comune. Il campanello d’allarme qui a causa dei legami intersecanti tra imprenditori, criminali, liberi professionisti e talvolta alcuni dipendenti pubblici. La mafia è un affare quasi esclusivo in questi giorni. Spesso vediamo imprenditori raggiungere un accordo per salvare la loro azienda. ”

Rilevare un’azienda

Forte spiega come va. Una società è in difficoltà finanziarie: secondo i dati del governo, circa 100.000 aziende sono ora in difficoltà finanziarie. La banca dice no. La mafia vuole prendere in prestito denaro ad alto interesse. “Le persone spesso sottovalutano i rischi coinvolti”, ha detto Forte in una conversazione telefonica. “Non si rendono conto che l’obiettivo dei criminali non è recuperare tutto più l’interesse, ma impadronirsi dell’azienda”.

READ  Il Sud Italia desidera il Fondo europeo di ripresa

Ho sentito da fonti della polizia che la mafia dice nelle conversazioni che ho sentito che si stanno preparando. “È sorprendente che negli ultimi mesi siano state aggiunte 2.000 nuove aziende in Lombardia”, afferma Forte. “Temo che alcuni di essi siano stati creati appositamente in connessione con il Restoration Fund”. Un altro numero che solleva interrogativi: nella seconda metà del 2020, 40.000 aziende sono passate di mano in tutta Italia, secondo le Camere di Commercio.

Leggi anche Questo articolo riguarda la burocrazia italiana

Secondo lei, questi sviluppi rendono imperativo accelerare il piano per ottenere una migliore registrazione degli effettivi proprietari delle società. “A chi va il profitto? Chi ne trarrà vantaggio alla fine? Ci sono stati piani per regole più severe da un po ‘, ma non sono ancora state messe in atto.” Un altro suggerimento: apri un account separato per ogni progetto. Forte: “Se lo fai, puoi avere un migliore controllo su ciò che accade con le spese”.

A Salerno, ottocento chilometri a sud, Agostino Gallozzi raccoglie un volantino della sua compagnia di navigazione quando gli viene chiesto del suo fondo di recupero e della mafia. Visualizza un’immagine del porto turistico che ha costruito. “Circa 85 milioni di euro, il tuo investimento. E sì, la trasparenza è la chiave.”

Racconta come la mafia teneva fuori. “Abbiamo iniziato nel 2011, con un progetto ovviamente molto chiaro: 250 camion ogni giorno con cemento e mattoni”. Si è quindi consultato con la polizia e il governatore e ha raggiunto un accordo che, in linea di principio, ci sarebbero stati audit di fornitori e subappaltatori ogni giorno. “Ho detto a tutti: ‘Volete partecipare? Fate una proposta, scattatene una foto e mandatela al governatorato. Allora: potete lavorare fuori dalla mafia. Ci sono problemi con la criminalità organizzata? Di certo non ignorerò quello. Ma ci sono anche soluzioni “.

READ  Wall Street chiude in rosso in tutto il Nasdaq

Leggi anche Questa intervista è al sindaco di Palermo

Questo modus operandi è ora suggerito anche per i progetti di fondi per la rianimazione. In conformità con gli standard antimafia stabiliti, le aziende che competono per fare offerte vengono pre-testate. Fa parte dell’enorme lavoro di ufficio all’inizio di un progetto e uno dei motivi per cui spesso si verificano ritardi. L’acquisto dovrebbe essere più semplice e veloce. Il governo elaborerà presto un grande piano per questo. I combattenti della mafia hanno suggerito di spostare l’attenzione. Non più il controllo su una società in anticipo, ma la verifica di tutti coloro che sono coinvolti nell’implementazione durante il progetto.

In linea di principio, questa è un’ottima idea, afferma Vincenzo Musacchio, capo dell’Osservatorio sulla mafia in Molise, nel sud Italia. Ma: è possibile? “Devi controllare tutto sistematicamente, non solo controlli casuali”, dice. Per raggiungere questo obiettivo, sono necessarie più persone di quelle attualmente disponibili per i combattenti della mafia.

Controlla più velocemente

Anche Monica Forte, milanese, ha dei dubbi. “Dobbiamo evitare che la promessa semplificazione delle regole, di per sé importante, sia vista come un modo per avere meno controllo. Soprattutto, dobbiamo essere in grado di verificare più rapidamente. Migliore registrazione dei proprietari e una fattura per progetto aiuta in questo. “.

I mafiosi italiani avvertono della criminalità organizzata ovunque sentano odore di denaro. In una riunione di polizia internazionale a Roma a settembre, Vittorio Rizi, il vice capo della polizia italiana, ha detto ai suoi colleghi stranieri di non pensare che questo fosse un problema puramente italiano. “La convinzione che i paesi oi sistemi economici siano immuni ai rischi di infiltrazione sarebbe un errore molto grave”, ha detto. Così come nessun paese è immune da Corona, nessun paese è immune dalle organizzazioni criminali. Fanno parte del tessuto europeo e mondiale da molti anni “.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24