La mancanza di un elenco del personale della difesa locale rende più difficile l’evacuazione da Kabul

Gli inglesi stanno trasportando persone da Kabul con un aereo affollato. Gli inglesi, così come i tedeschi, per esempio, avevano registrazioni molto migliori degli abitanti del posto che lavoravano con le loro forze in Afghanistan rispetto agli olandesi.foto di Brunopress

A parte l’elenco di 273 permessi di traduzione rilasciati a Uruzgan tra il 2006 e il 2010, il Ministero della Difesa non ha registrazioni di ex dipendenti durante i suoi 19 anni di presenza in Afghanistan. Ora che queste persone erano in linea di principio soggette al sistema dell’interprete, ciò rendeva ancora più difficile la loro evacuazione.

Tuttavia, da quando la Camera dei Rappresentanti ha adottato la proposta di Belhaj la scorsa settimana, la difesa ha aperto un numero verde. Ai militari e ai veterani viene chiesto di presentare casi orribili di persone ora a rischio a causa del loro lavoro per i Paesi Bassi. “Quando si valuta se qualcuno ha lavorato per noi, un contratto di servizio aiuta, ma non è necessario”, ha detto un portavoce dell’azienda. Sono accettate anche fotografie o documenti di identità di un (ex) soldato.

Il Dipartimento della Difesa ora afferma che sta indagando “se ci sono forme contrattuali più comparabili come con i permessi di interprete”. Secondo il Ministero della Difesa, la maggior parte dei dipendenti locali erano appaltatori di altri paesi o istituzioni (come la NATO) con cui i Paesi Bassi cooperano, o di subappaltatori.

Tempo prezioso sprecato

La deputata Katy Perry (PvdA) ha descritto come “incomprensibile” che il Dipartimento della Difesa non abbia rintracciato le persone che aveva impiegato localmente in Afghanistan per tutti quegli anni. Avevano un contratto di lavoro, ma non sono registrati da nessuna parte. Di conseguenza, si è perso tempo prezioso per decidere chi ha diritto allo sfratto.

I Paesi Bassi sono già un’eccezione in alcune aree rispetto ad altri paesi occidentali, ha detto mercoledì alla Camera dei Rappresentanti Sarah de Jong, esperta nel campo e politologa della York University. Sfortunatamente, fino alla scorsa settimana, i Paesi Bassi occupavano una posizione eccezionale concentrandosi solo su (militari, rosso.) per i traduttori e non per altri dipendenti locali. Ma è anche eccezionale che la registrazione sia così brutta”.

In Germania ci sono circa personale locale Pensato, nel Regno Unito circa Civili che partecipano a livello locale. Secondo de Jong, il personale reclutato dalle forze britanniche ha un numero di registrazione noto presso la Workers’ Support Unit. Pertanto, dal momento che la Gran Bretagna ha allentato le sue politiche quest’estate, è stato più facile per gli individui afghani coperti dal piano identificarsi come obbligati a evacuare.

Nel briefing di mercoledì alla Camera dei Rappresentanti, è stato sottolineato che, sebbene siano in corso lavori a Kabul e L’Aia per evacuare il personale olandese e afghano, vi sono dubbi in entrambi i luoghi sulla capacità di capacità sufficiente. Nel frattempo, i talebani stanno rafforzando il controllo sull’accesso all’aeroporto e i Paesi Bassi non stanno più valutando l’utilizzo di elicotteri per accelerare l’evacuazione dalla città.

Condizioni caotiche

La fine dell’evacuazione – e il momento in cui diplomatici e soldati devono ritirarsi – si avvicina rapidamente. Il vice segretario generale per gli affari esteri Carola van Rijnsffer, due fedi coinvolte nell’evacuazione, hanno confermato che la loro gente sta lavorando duramente in condizioni caotiche. È anche chiaro che la finestra attraverso la quale le persone possono ancora uscire è aperta da poco tempo, è ancora difficile da raggiungere e probabilmente si chiuderà presto.

Con tutte le lodi che i dipartimenti interessati hanno ricevuto dai legislatori per i loro sforzi – tra cui, ad esempio, “dozzine di volontari” presso il Dipartimento di Stato che hanno contribuito a compilare liste di evacuazione – mercoledì ci sono state critiche da parte di esperti. Lavorano duramente dall’esterno per compilare i file “corretti” e le liste di evacuazione e indirizzare gruppi di persone dai Paesi Bassi al posto giusto all’aeroporto tramite i gruppi di WhatsApp. Anne-Marie Snells, ex presidente del sindacato militare AFMP: “Abbiamo spinto molte persone attraverso il sistema con i volontari, ma non chiedere come!”

Il colonnello Andrew Howman dello Special Operations Command e Van Rijnsver hanno spiegato come sia stato sviluppato gradualmente un modus operandi nell’ultima settimana in cui “le persone possono essere ammesse in modo controllato attraverso i circuiti di sicurezza” intorno all’aeroporto. Per sottolineare quanto siano difficili le condizioni, Van Rijnsver ha affermato che non esiste una “buona internet” al gate dell’aeroporto, quindi gli elenchi delle persone autorizzate vengono trasmessi tramite chiavette USB ai soldati che sgombrano la folla. Scegli gli sfollati appropriati.

Mandato via dopo una corsa infernale

Ed è stato affermato che questo spesso va storto nelle innumerevoli storie di tentativi di ingresso falliti negli ultimi giorni. Anche gli incidenti accadono, come se le persone sulla lista potessero entrare, ma dopo che il giro infernale è finito e sono all’aeroporto, sono ancora fuori dal cancello perché l’ortografia del loro nome sulla loro carta d’identità afghana non corrisponde l’ortografia del loro nome sulla lista di evacuazione.

Nonostante tutto, la situazione si complica sempre di più. Secondo il colonnello Houmann, i talebani sono “sempre più selettivi nel numero di persone di qualsiasi classe che lasciano passare”. Certo, si stanno valutando scenari dopo il 31 agosto, “ma dobbiamo renderci conto che fondamentalmente la situazione è nelle mani dei talebani”, ha detto. Il Dipartimento di Stato sta attualmente indagando su paesi amici per assistere molte persone che non possono essere evacuate in tempo, anche dopo tale data.

In una tavola rotonda con quattro esperti invitati dalla Camera dei Deputati, il giornalista e ricercatore Pete Dam dell’Università delle Scienze di Parigi Po ha consigliato di parlare con i talebani “in un contesto europeo” – e non di condannarli in anticipo. Dam ha detto che sebbene gli Stati Uniti “hanno ucciso le persone sbagliate per 20 anni e ci sono tutte le ragioni per avere un regime fondamentalista al potere lì”, non è così ora. “Questo è un movimento nazionale ortodosso afghano che vuole parlare con noi”.

null Immagine di Volkskrant
foto di De Volkskrant
null Immagine di Volkskrant
foto di De Volkskrant
null Immagine di Volkskrant
foto di De Volkskrant
READ  Una ragazza (17 anni) salvata da una barca ferma e altri 56 morti: 'fossa comune in mare'

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24