La Michelin non ha voglia di F1: non possiamo fare gomme autodistruttive

Dal 2007 la Formula 1 ha a che fare con un unico fornitore di pneumatici. Dopo il ritiro della Michelin alla fine del 2006, la Bridgestone è rimasta sola. Nel 2011 il contratto è stato trasferito a Pirelli. All’agricoltore di pneumatici italiano è stato affidato il compito di produrre gomma scadente che si è semplicemente rotta. Dopotutto, la Formula 1 considerava gli pneumatici di breve durata come un fattore di eccesso di offerta.

Sfortunatamente, solo una parte del piano è stata attuata. Pirellis a volte era così fragile che esplodeva di gioia. Tuttavia, a parte i segmenti di riepilogo, lo spettacolo è fallito: dopotutto, i team si sono presto resi conto che pagavano per risparmiare frame piuttosto che fermarsi un paio di volte. Pertanto, guidare costantemente al limite dell’avanguardia non era più un’opzione.

puro spettacolo

Nonostante un buon rapporto di lavoro con Pirelli negli ultimi dodici anni, la Formula 1 ha recentemente aperto le porte a un potenziale sostituto. Il contratto con gli italiani scade prima del 2025. Tuttavia, i termini del nuovo accordo non sono stati del tutto decisi a favore di Pirelli per caso.

Secondo l’amministratore delegato della principale rivale Michelin, anche Pirelli ha poco da temere. In ogni caso, la sua azienda non concorrerà per l’appalto. Inversione lettore CD Florent Menego ha dichiarato che la Michelin non vedeva alcun motivo per produrre deliberatamente pneumatici scadenti solo per spettacolo:

READ  Anna Noshin è andata dallo psichiatra a causa di attacchi di panico | stelle

“Parliamo con loro da molto tempo e non siamo d’accordo con loro. Perché dicono che devi avere nastri che si autodistruggono. E non credo che sappiamo come farlo. Quindi, non siamo d’accordo”

media (larghezza massima: 680px) {#fig-6444a599e4cf4 img.lazyloading {sfondo: #eee;} #fig-6444a599e4cf4 img {#fig-6444a599e4cf4 img.lazyloading {larghezza: 624px; height: 0px;}} @media (min-width: 681px) e (max-width: 1320px) {#fig-6444a599e4cf4 img.lazyloading{width: 980px; height: 0px;}} @media (min-width: 1321px) { #fig-6444a599e4cf4 img.lazyloading { background: #eee;} #fig-6444a599e4cf4 img {#fig-6444a599e4cf4 img.lazyloading {width: 1272px; altezza: 0px; }}

Nessun valore aggiunto

A parte il contenuto inquietante del display, Menegaux non vede alcun valore aggiunto nella Formula 1. Assolutamente, Michelin non ha bisogno di una visione aggiuntiva e soddisfare i requisiti della F1 danneggerà solo l’immagine dell’azienda. Inoltre, le rigide specifiche non consentono al produttore di pneumatici francese di raggiungere l’obiettivo principale della gara: testare e migliorare le nuove tecnologie:

“Prima di tutto, dobbiamo ricordarci perché Michelin è in gara. Il primo elemento non riguarda lo spettacolo. Non riguarda il marchio. Riguarda la tecnologia. Siamo in gara perché è il modo migliore per arrivare il più velocemente possibile. È probabile che tu sperimenti in prima persona la nuova tecnologia. Questa è la prima ragione.”

“E ovviamente ci sono vantaggi collaterali: il vantaggio collaterale è la presentazione. Il vantaggio collaterale è la consapevolezza del marchio. Ma in termini di consapevolezza del marchio, Michelin è ancora uno dei marchi più popolari al mondo. Non dobbiamo farlo .”

media (larghezza massima: 680px) {#fig-6444a599e4e1c img.lazyloading {background: #eee;} #fig-6444a599e4e1c img {#fig-6444a599e4e1c img.lazyloading {width: 624px; height: 0px;}} @media (min-width: 681px) e (max-width: 1320px) {#fig-6444a599e4e1c img.lazyloading{width: 980px; height: 0px;}} @media (min-width: 1321px) { #fig-6444a599e4e1c img.lazyloading { background: #eee;} #fig-6444a599e4e1c img {#fig-6444a599e4e1c img.lazyloading {width: 1272px; altezza: 0px; }}

massimo

media (larghezza massima: 680px) {#fig-6444a599e5001 img.lazyloading {background: #eee;} #fig-6444a599e5001 img {#fig-6444a599e5001 img.lazyloading {width: 624px; height: 0px;}} @media (min-width: 681px) e (max-width: 1320px) {#fig-6444a599e5001 img.lazyloading{width: 980px; altezza: 0px); altezza: 0px; }}

L’idea che le cattive gomme forniscano più larghezza ed esperienza non è certamente accettabile alla Michelin. Menegaux ritiene che un legame forte e prevedibile che può essere spinto al limite fornirà più divertimento. Dopotutto, nessuno vuole guardare i conducenti armeggiare nervosamente per mantenere la gomma il più fragile possibile:

“I team devono capire le prestazioni delle gomme e sfruttare il fatto che la gomma lavorerà dal primo all’ultimo giro di pista. I piloti ti diranno che vogliono essere sempre al massimo. E quando I piloti appartengono alla Formula 1 – amo la Formula 1 – ma loro dicono ‘no’ No, non è possibile”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24