La Nuova Zelanda si è notevolmente unita nella politica “zero COVID” del Primo Ministro Ardern

L’affluenza a una manifestazione pubblica contro le misure Corona ad Auckland, in Nuova Zelanda, che è stata in rigoroso blocco per due settimane dopo la scoperta di un’infezione, è stata notevole la scorsa settimana. Apparve solo una persona.

Questo manifestante solitario può simboleggiare il sostegno che il primo ministro Jacinda Ardern ha ancora tra il popolo della Nuova Zelanda per la sua politica “zero Covid”. Entro otto ore dall’annuncio della prima infezione con il virus fuori da un hotel di quarantena della Nuova Zelanda da febbraio, l’intero paese era in isolamento. La rigorosa politica ha sollevato le sopracciglia in tutto il mondo: i giornali britannici hanno ridicolizzato il blocco per una singola infezione. Ma nel nostro paese non è così male con le critiche.

Il numero dei feriti è ora superiore a cinquecento. Domenica, c’è stato un record giornaliero per questo focolaio con 83 nuovi casi. Quindi tutti i cinque milioni di residenti del paese rimarranno in isolamento per almeno un’altra settimana. Auckland, la città più grande, rimarrà sotto un rigido regime per almeno due settimane.

I neozelandesi possono uscire di casa solo per andare in ospedale o al supermercato. È vietato il contatto con altre famiglie. “Tutti dovrebbero comportarsi come se avessero il Covid”, ha detto Ardern in una conferenza stampa domenica. Non esclude un’estensione delle procedure.

Una squadra di cinque milioni

Un recente sondaggio d’opinione ha mostrato che una grande maggioranza della popolazione sostiene i piani del primo ministro. Il paese è straordinariamente unito, grazie in parte alla carismatica comunicazione efficace di Ardern. Dall’inizio della crisi del Corona, ho sempre sottolineato l’importanza di uno sforzo congiunto. Il suo motto è “The Five Million Team”. Tutti sono tenuti a reprimere l’epidemia.

READ  La morte di (18) tirocinanti per folgorazione presso la fabbrica di cioccolato belga | all'estero

Grazie alla politica “zero Covid”, i neozelandesi hanno potuto vivere senza corona anche due settimane fa, anche se in un paese chiuso. Dall’inizio dell’epidemia a Corona sono stati registrati solo 3.100 casi e 26 decessi.

Le critiche alla politica di Ardern non vengono dall’opposizione, soprattutto per il basso tasso di vaccinazione del 21 percento. Oltre un milione di kiwi ha ottenuto due colpi. La Nuova Zelanda è in ritardo rispetto ad altri paesi occidentali. È quindi l’ultimo tra tutti i paesi dell’OCSE, ovvero 38 democrazie prospere.

Sorprendentemente, ci sono state critiche da parte del governo australiano, anche se, come la Nuova Zelanda, ha perseguito una politica di “zero Covid” dall’inizio della pandemia. Tuttavia, il primo ministro Scott Morrison ha recentemente criticato Ardern. Ha affermato che la politica di eradicazione del coronavirus è “assurda” e che la Nuova Zelanda “non può rimanere in una grotta per sempre per sfuggire al tipo di virus delta”. Il pass potrebbe essere correlato agli sforzi di Morrison per guidare l’Australia verso l’accettazione dell’esistenza di Corona. Vuole riaprire il Paese una volta che il 70 o l’80 per cento della popolazione sarà vaccinato.

ho letto qui Informazioni su Ardern e la sua politica contro il Covid-19

Il primo ministro Ardern non presta molta attenzione alle critiche. “Non possiamo rimanere in custodia per sempre, ma non abbiamo intenzione di farlo”, ha detto. “Stiamo decidendo come affrontare questa crisi”. Nel frattempo, le critiche di Morrison hanno aumentato il supporto per Ardern in Nuova Zelanda. Il commentatore Andrew Gunn ha scritto su un sito di notizie: “Grazie per averci avvicinato, ScoMo!” cose. Il commento di Morrison fornisce un ulteriore incentivo per combattere insieme il Covid”.

READ  Scoperta dell'orrore: sette donne e tre bambini sepolti sul terreno di un ex agente di polizia | all'estero

punto di svolta

Ardern riconosce la variante Delta come un “punto di svolta”. Questo tipo di Covid è così contagioso che, secondo i virologi locali, va combattuto come un virus del tutto nuovo. Le procedure che funzionavano un anno fa ora funzionano meno bene.

Se la Nuova Zelanda vuole aprire i suoi confini all’inizio del 2022, come ha recentemente annunciato Ardern, quel Paese dovrà anche imparare a convivere con Corona. Ma questa sarebbe una transizione difficile per molti neozelandesi che vivevano a “Fort New Zealand”.

Ardern vuole anche allontanarsi dai blocchi, ma afferma che ciò può accadere solo dopo che la maggior parte della popolazione è stata vaccinata, possibilmente entro la fine dell’anno, secondo le sue stime. Più alto è il tasso di vaccinazione, più siamo vicini a un cambiamento di politica. I neozelandesi stanno ascoltando. Dal nuovo focolaio, il desiderio di vaccinare è stato così alto che è lecito chiedersi se l’offerta possa tenere il passo con la fame parenterale. Dal 17 agosto, quando il nuovo focolaio è diventato noto, il 14% del 21% che è ora vaccinato è stato vaccinato.

Leggi anche questo rapporto Sulla politica Zero Covid nella vicina Australia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24