La peste suina africana si diffonde in Italia attraverso il cibo per cani contaminato

In Italia, la peste suina africana (PSA) viene trasmessa attraverso il cibo per cani, hanno affermato i funzionari veterinari. Di conseguenza, un allevamento di suini su piccola scala in Sardegna è stato infettato dalla PSA di genotipo 2. I funzionari ritengono che i maialini siano stati dati in pasto ai cani della fattoria su piccola scala.

Si tratta di un allevamento di suini di piccola scala con tredici capi sulla costa orientale della Sardegna in provincia di Nuoro. Tre suini furono infettati dal genotipo 2 della PSA e tutti e tre i maiali morirono.

La PSA si diffonde attraverso il cibo per cani contaminato

Si pensa che la contaminazione possa provenire dal latte di maiale somministrato ai cani della fattoria. Lo emerge da un’indagine condotta dai funzionari del Dipartimento di Zootecnia. Durante la ricerca sono stati trovati anche tre suinetti morti infetti dal genotipo 2 dell’AVP.

Per prevenire ulteriori contaminazioni, sono stati ispezionati tutti gli allevamenti di suini nel raggio di dieci chilometri dall’allevamento interessato. I risultati sono stati annunciati di recente. Tutti gli stabilimenti circostanti sono risultati negativi alla peste suina africana.

Il genotipo 2 della PSA non è mai stato rilevato in Sardegna prima, il genotipo 1 è presente qui da molti anni, ma la Sardegna lo tiene sotto controllo da molto tempo. È significativamente più probabile che l’infezione da genotipo 2 non provenga dalla stessa Sardegna.

Testo: Danique Sollie-Elverding

Immagine: a scopo illustrativo

READ  Zandvoort si sente come l'Italia per un giorno!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24