La politica climatica è inutilmente severa: l’azzeramento delle emissioni nette di biossido di carbonio nel 2050 non è affatto necessario

Non vi è alcun “taglio”, poiché per ora il nuovo governo extraparlamentare di Schoof continua con la politica climatica 2, 3 e 4 di Rutte. Un ringraziamento al leader del partito VVD Dylan Yeselgöz che vuole “trasferire delicatamente la terra alle generazioni future”. Il tono può cambiare, ma tutto il resto rimane lo stesso.

Non potrebbe essere altrimenti, perché i Paesi Bassi sono impegnati nel Green Deal dell’UE, i cui obiettivi climatici si basano su una legge europea vincolante sul clima, orgoglio della Commissione europea von der Leyen.

errore

Il problema è che gli obiettivi climatici europei sono il risultato di un errore scientifico. Nel formulare questi obiettivi, la Commissione europea si è ispirata al rapporto del 2018 (SR15) del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), il ramo scientifico del clima delle Nazioni Unite, sull’obiettivo di 1,5°C stabilito dall’accordo di Parigi.

In quel rapporto, l’obiettivo del riscaldamento globale di 1,5 gradi rispetto al periodo preindustriale era tradotto in un percorso di riduzione globale della CO2, e questo percorso è stato sostanzialmente adottato dalla Commissione Europea. Ma l’IPCC ha commesso un errore di traduzione.

Il percorso di riduzione proposto dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici parte da emissioni annue di circa 40 gigatonnellate di biossido di carbonio nel 2020, attraverso 22 gigatonnellate di biossido di carbonio nel 2030 fino a zero emissioni nette nel 2050. Dopo aver raggiunto lo zero netto nel 2050, secondo il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, la concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera è costante e quindi arresta il riscaldamento globale. Dal 2050 in poi, il riscaldamento continuerà a oscillare intorno a 1,5 gradi per molti anni a venire. missione compiuta.

Ciò che è andato storto nel rapporto SR15 è stato il fatto che gli autori presumevano erroneamente che l’assorbimento di anidride carbonica da parte della biosfera e degli oceani non avrebbe avuto alcun ruolo in futuro. Anche se fino ad oggi, questo assorbimento naturale fa sì che della quantità totale di anidride carbonica emessa dagli esseri umani dal 1850, solo meno della metà (42%) sia finita nell’atmosfera in modo permanente – e non una birra. Se questo assorbimento naturale non si fosse verificato, il riscaldamento globale avrebbe da tempo superato i 3 gradi Celsius. Pertanto, non esiste alcuna base scientifica per l’adozione dell’IPCC.

READ  La vita può nascere su un pianeta senza sole? “Ci sono molti posti nell'universo che sembrano adatti all'origine della vita.” | Scienza e pianeta

L'importanza dell'assorbimento naturale

Chiaramente, ignorare l’assorbimento naturale della CO2 porta a un percorso di riduzione inutilmente restrittivo. È un percorso irrealistico e non avrebbe mai dovuto servire come base per la politica climatica dell’UE. Per non parlare delle emissioni derivanti da questo percorso Zero netto entro il 2050 Avrebbe dovuto finire in tribunale. Ma la Commissione europea non può essere biasimata per questo; sta semplicemente seguendo la scienza, o ciò che si dice al riguardo.

La figura seguente mostra l’importanza dell’assorbimento naturale di CO2 da parte della biosfera e degli oceani nel riscaldamento globale per quattro futuri scenari di emissione di CO2. L'immagine a sinistra mostra i profili delle emissioni di anidride carbonica dall'inizio alla fine del secolo. L'immagine a destra mostra il riscaldamento associato.

Quattro scenari

Tutti e quattro gli scenari iniziano il 1° gennaio 2025, dopo un periodo di crescita storicamente esplosiva delle emissioni di CO2, come mostrato dalla linea blu continua. Le emissioni annuali nel 2024 raggiungeranno le 45 gigatonnellate di anidride carbonica e l’aumento della temperatura nel 2024 sarà superiore a 1,3 gradi.

Il primo scenario (tratteggiato in blu) è una continuazione delle precedenti emissioni esponenziali. Nel secondo scenario (oro), le emissioni dal 2025 rimangono costanti a 45 gigatonnellate di CO2 all’anno nel 2024. Nel terzo scenario, le emissioni vengono ridotte a 26 gigatonnellate al giorno su un periodo di 25 anni. Queste emissioni sono state scelte in questo modo perché l'aumento della temperatura avrebbe poi raggiunto 1,5 gradi dopo un periodo di tempo sufficientemente lungo. Il quarto e ultimo scenario (verde) è lo scenario net zero dell’IPCC con zero emissioni nette nel 2050 come punto all’orizzonte.

Emissioni esponenziali e costanti

In uno scenario di emissioni esponenziali, il riscaldamento aumenterebbe fino a quasi 6 gradi entro la fine del secolo. Si tratta davvero dello scenario peggiore e dimostra chiaramente che le emissioni di CO2 devono essere ridotte.

Con emissioni costanti di 45 gigatonnellate all’anno, il riscaldamento aumenterà e si stabilizzerà a più di 3 gradi entro la fine del prossimo secolo. Quindi l’emissione di CO2 equivale all’assorbimento naturale di CO2, portando ad una concentrazione costante di CO2 nell’atmosfera e quindi a un riscaldamento continuo.

READ  Le alghe si sono evolute di nuovo in mare proprio come la balena

Nello scenario in cui le emissioni vengono ridotte a 26 gigatonnellate nel 2050, il riscaldamento inizialmente aumenterà fino a un massimo di 1,7 gradi nel 2040. Successivamente inizierà un raffreddamento costante di oltre 1,5 gradi nel 2100 e esattamente di 1,5 gradi all’inizio del secolo. . Prossimo. A questo punto le emissioni vengono bilanciate con l’assorbimento naturale.

Lo scenario “net zero” mostra un aumento del riscaldamento fino a un massimo di 1,6 gradi nel 2035 seguito da un periodo di raffreddamento relativamente rapido. Il raffreddamento è il risultato dell'assorbimento naturale dell'anidride carbonica, che ridurrà gradualmente la concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera. Il raffreddamento continuerà finché le concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica non raggiungeranno i livelli preindustriali nel prossimo secolo. Il riscaldamento stazionario previsto dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici a 1,5 gradi dopo il 2050 non è nemmeno lontanamente possibile.

Sabbie mobili

Per evitare ogni malinteso, il riscaldamento globale rappresenta un grave problema globale che deve essere affrontato con urgenza. Ma il percorso di riduzione della CO2 proposto dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, e adottato dall’Unione Europea e da altri paesi ricchi industrializzati, è costruito sulle sabbie mobili della scienza.

Limitare l’aumento della temperatura a non più di 1,5 gradi non significa ridurre a zero le emissioni nette globali di anidride carbonica entro il 2050. I tagli alle emissioni sono necessari, ma tagliare più di un terzo delle emissioni attuali non è realmente necessario.

Obiettivi climatici più realistici

Il nuovo governo Schoof potrebbe voler portare avanti la vecchia politica climatica, ma non potrà evitare una valutazione critica degli attuali obiettivi climatici. Certamente no se la scienza dietro questi obiettivi è in discussione. Le politiche climatiche che intervengono in tutti i settori della società devono basarsi su solide basi scientifiche ed essere libere da impurità ideologiche. In caso contrario, il sostegno a questa politica scomparirà rapidamente e ci allontaneremo dalla nostra patria.

READ  Le donne traggono maggiori benefici dall'esercizio fisico a lungo termine rispetto agli uomini.Scienza

Una valutazione critica dell’attuale politica climatica porterà senza dubbio a obiettivi climatici più realistici e a un rinvio dell’attuale politica climatica. Il VVD non ne sarà immediatamente felice, ma alla fine dovrà accettare i fatti scientifici.

Ci si può aspettare la maggiore resistenza a un ripristino della politica climatica da parte di un complesso industriale climatico che è molto potente e ancora in crescita. Zero netto entro il 2050 La politica ha ora prodotto: l’insieme di organizzazioni, aziende e istituzioni che implementano e promuovono la politica Zero netto entro il 2050 Lo abbracciò con entusiasmo e lo mangiò. I partiti che svolgono un ruolo in questo complesso non accetteranno facilmente un cambiamento radicale nella politica, perché è così che andranno le cose.

Il processo di reimpostazione della politica climatica potrebbe iniziare con un piccolo comitato composto da scienziati indipendenti con competenze all’intersezione tra politica e scienza. Per essere chiari, non si tratta primariamente di una complessa questione sociale, ma di un chiaro problema tecnico-scientifico di portata e complessità limitate, o più specificamente della presunta prova scientifica degli obiettivi climatici.

Rimane un leader sul clima

L’istituzione di un tale comitato dovrebbe essere il primo atto politico del nuovo ministro del clima e dell’energia. I due ovvi candidati per questo comitato sono l'ex ministro dell'Istruzione e della Scienza Robert Dijkgraaf e l'ex presidente del comitato esecutivo dell'Università di Wageningen Louise Fresco. I risultati e le raccomandazioni della Commissione non sono solo di importanza nazionale, ma avranno anche un impatto diretto sulla politica climatica internazionale. I Paesi Bassi rimarranno un leader sul clima?

Jack Haggort Ha conseguito un dottorato in fisica presso la TU Delft. Ha lavorato come ricercatore e consulente tecnico nel settore del petrolio e del gas. Dal 1988 fino al suo pensionamento nel 2002, è stato professore part-time di tecnologia dei serbatoi presso la TU Delft.

Settimana WinyaReso possibile dagli abbonamenti volontari a pagamento di lettori, spettatori e ascoltatori. Stai già partecipando? Puoi donare alla Winya WeekQui. Grazie!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24