La reazione di Israele al processo di liberazione è divisa e “la tregua è ancora necessaria”

Sabato sera, i familiari e altri israeliani hanno protestato contro il rilascio di tutti gli ostaggi.

Noos Notizie

Sabato la liberazione dei quattro ostaggi ha suscitato in Israele uno stato di euforia, ma sono subito emerse critiche. Le famiglie degli ostaggi hanno manifestato sabato sera, come ogni settimana, a Tel Aviv. Chiedono che Israele riporti gli ostaggi in patria in sicurezza raggiungendo un accordo con Hamas. Mentre si esprimono critiche internazionali sull’elevato numero di morti civili nella Striscia di Gaza, molti israeliani temono che l’approccio attuale non porterà al ritorno degli ostaggi rimasti.

“Gli ostaggi non hanno tempo”, ha detto ai giornalisti Ayala Metzger, la moglie dell'ostaggio Yoram Metzger, che ora è stato dichiarato morto. Guardiano. “Non possiamo liberare tutti con operazioni militari, dobbiamo concentrarci su un accordo che salvi vite umane”. Giornale israeliano Il titolo del Jerusalem Post di ieri sera diceva: “Ecco perché Israele ha ancora bisogno di un accordo sugli ostaggi nonostante la massiccia operazione di salvataggio”.

C’è indignazione internazionale

Ora c’è indignazione internazionale per l’uccisione di così tanti civili palestinesi durante l’operazione: secondo il Ministero della Sanità di Gaza, 274 palestinesi sono stati uccisi, tra cui molte donne e bambini. Israele riconosce che ci sono state vittime civili, ma indica un numero inferiore di vittime, pari a 100 morti.

Una giornata dai due volti: gioia in Israele e tristezza a Gaza

Da quando Hamas ha ucciso 1.200 persone e ne ha rapite circa 250 il 7 ottobre, Israele ha rilasciato sette ostaggi e recuperato i corpi di 16 ostaggi assassinati. Hamas sostiene che nell'operazione di liberazione di sabato sono stati uccisi anche altri tre ostaggi. A Gaza rimangono complessivamente 120 ostaggi e un quarto di loro probabilmente non è più vivo. Una tregua tra Hamas e Israele ha rilasciato 105 ostaggi a novembre.

READ  Una donna vuole una relazione con un uomo e si infila un preservativo: sei mesi di carcere | all'estero

Da allora non è stata raggiunta alcuna tregua, anche se i negoziati sono in corso da mesi. Una o due settimane fa, il presidente degli Stati Uniti Biden ha presentato una proposta di piano per un cessate il fuoco immediato e il rilascio degli ostaggi a Gaza, ma poco dopo il primo ministro Netanyahu ha temperato le aspettative. Ha descritto l'instaurazione di una simile tregua come “disperata” finché tutti gli obiettivi di guerra di Israele non saranno raggiunti: liberare tutti gli ostaggi, distruggere la milizia di Hamas e l'amministrazione di Hamas e garantire che Gaza non rappresenterà mai più una minaccia per Israele. . sarà.

Soluzione militare o tregua?

Secondo l’esperto di Medio Oriente Peter Malcontent, Netanyahu potrebbe sfruttare il rilascio degli ostaggi per rinviare ulteriormente i negoziati. “Netanyahu ha dimostrato finora di credere principalmente in una soluzione militare e può utilizzare sabato scorso la prova che la distruzione di Hamas e il rilascio degli ostaggi possono andare di pari passo”.

Tuttavia, secondo Malcontent, un accordo con Hamas è il modo migliore per riportare gli ostaggi in patria. “In effetti, anche sabato scorso è stato dimostrato quanto sia difficile liberare ostaggi con la forza militare. Il fatto che i quattro ostaggi fossero trattenuti in case a Nuseirat dimostra che sono sparsi per tutta Gaza. I servizi di sicurezza israeliani sospettano che Hamas voglia uccidere gli ostaggi.” “Non appena hanno visto arrivare l'operazione di liberazione israeliana.”

Inoltre, secondo gli esperti, molti degli ostaggi rimasti sono tenuti in tunnel sotterranei. L'esercito israeliano afferma che il processo di liberazione è quasi impossibile. Arrabbiato: “Credo che un certo numero di ostaggi siano tenuti vicino al leader di Hamas Yahya Sinwar come scudi umani. Gli altri ostaggi ora saranno meglio sorvegliati. Mi sembra improbabile che all'improvviso assisteremo a diverse grandi operazioni di liberazione”.

READ  La battaglia elettorale sta volgendo al termine nel Brasile altamente polarizzato

Netanyahu si trova in una posizione difficile quando si tratta di accettare una tregua. Per garantire che il governo di Netanyahu non cada, fa affidamento su due ministri di estrema destra che si sono completamente opposti alla proposta di Biden.

“Netanyahu conta sui politici che vogliono eliminare completamente la minaccia proveniente da Gaza”, afferma Malcontent. E ha aggiunto: “Per mantenere la maggioranza in Parlamento, deve accettare questo. Inoltre, crede anche: finché continua la guerra, non ci saranno elezioni”.

“Motivi politici”

Ieri il ministro Benny Gantz si è dimesso dal gabinetto di guerra e ha indetto nuove elezioni. Il governo di guerra è separato dal governo regolare, quindi la sua partenza non ha portato alla caduta del governo israeliano. Prima della formazione del governo di guerra, Gantz era all’opposizione.

Il suo partito, che è relativamente moderato, sta attualmente ottenendo risultati migliori nei sondaggi d’opinione rispetto a Netanyahu. Arrabbiato: “Gantz accusa da tempo Netanyahu che le sue decisioni sono motivate politicamente e ostacolano la liberazione degli ostaggi”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24