TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

La Repubblica Ceca espelle 18 diplomatici russi per aver fatto saltare in aria un deposito di munizioni

La Repubblica Ceca vuole espellere diciotto diplomatici russi dal Paese. Il governo di Praga ritiene che gli ufficiali del KGB siano stati implicati in un’esplosione in un deposito di munizioni nel 2014.

Il primo ministro Andrej Babis ha affermato che la misura si basa su “prove inequivocabili” fornite dai servizi di intelligence e sicurezza cechi. Ci sono prove del coinvolgimento di agenti militari russi. Due persone sono rimaste uccise nell’esplosione in quel momento. Cinquanta tonnellate di munizioni sono state immagazzinate in un magazzino nella città orientale di Verbtes.

Secondo le autorità ceche, i 18 diplomatici lavorano nel KGB. Il primo ministro e ministro degli esteri Jan Hamachik ha ordinato ai russi di lasciare il paese entro 48 ore.

“La Repubblica Ceca è un paese sovrano e deve rispondere adeguatamente a questi risultati senza precedenti”, ha detto Babis. Hamachik ha detto che il caso danneggerebbe gravemente le relazioni ceco-russe.

“Siamo in una situazione simile a quella della Gran Bretagna nel tentativo di avvelenare Salisbury nel 2018”, ha detto. La Gran Bretagna stava mandando via dozzine di diplomatici russi dopo che agenti russi avevano usato un agente nervino dell’era sovietica per avvelenare l’ex doppio agente russo Skripal e sua figlia, che vivevano nella città inglese di Salisbury.

READ  Scoperta dell'orrore: sette donne e tre bambini sepolti sul terreno di un ex agente di polizia | all'estero